Lombardia Beni Culturali
APPENDICE
10

Carta venditionis

1164 luglio, Isola Comacina.

Anselmo, abate della chiesa e del monastero di Santa Maria, edificato ove dicesi Acquafredda, appartenente alla congregazione del monastero di Morimondo, dichiara di avere ricevuto da Aveduta, badessa della chiesa e monastero di San Faustino, edificato all'interno del castello dell'Isola Comacina, cinquanta lire di monete nuove d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di tutte le terre e i beni del monastero di Acquafredda, con i relativi diritti pertinenti, compresi quelli d'acqua, siti a Campovico, e detta somma viene utilizzata dal denno monastero cisterciense per l'acquisto di altre terre (nello specifico: quindici lire per beni a Magdalino, Premesego e Livronego; dieci lire per beni a Veddo; venticinque lire per beni in Gera de Athalebio).

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1416 [A]. Regesti: Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 39, cc. 9v-10r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1416, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero dei Santi Faustino e Giovita", BAMi, K 212 suss., p. 219, e alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, ivi, p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1416".
Nel verso, annotazione di epoca moderna: "Generalia". Segnatura Ceruti in pastello rosso: "39".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola comacina, n. 201, p. 214.


La pergamena (mm 301/289 x 249/234), in cattivo stato di conservazione, presenta una estesa zona di marcata dilavatura dell'inchiostro, sì che in numerosi punti la lettura del dettato è stata possibile soltanto con l'ausilio della luce di Wood. In questa medesima zona, posta nella parte centrale sinistra del supporto, si notano pure delle macchie di inchiostro. Ritengo preferibile considerare tali macchie - che tuttavia assecondano la stessa posizione della scrittura, disponendosi orizzontalmente sulle righe - come riferibili ad un danno meccanico, piuttosto che a una volontaria cassatura di certe parole (o di parti di parola). Purtroppo, in corrispondenza di tali guasti, non è stata quasi mai possibile la restituzione del dettato. Cf. le analogie per questo danno con il doc. qui edito al n. 8.
Tutte le sottoscrizioni sono autografe.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni (l'impossibilità di contare i testi, in presenza di possibili patronimici, ha indotto cautela: i nomi sono posti in successione senza segni di interpunzione).

(S) Anno d(omi)nice incar(nacionis) milleximo centeximo sexageximo quarto, m(en)se iullii, indic(ione) duod(e)cima. Constat me Anselmum, Dei gratia abbatem ecclesie | et monasterii Sancte Marie, constructi ibi ubi dicitur Aquafrigida, de congregatione illorum de Murimundo, accepisse a te d(omi)na Aveduta, Dei gratia abbatissa ecclesie et mona|sterii Sancti Faustini, constructi in castro Insule, ex parte suprascripti monasterii de Aquafrigida, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anen)s(ium) nove monete libras quinquaginta, que fuerunt | date in utilitate suprascripti monasterii de Aquafrigida, silicet arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anen)s(ium) item nove monete libre quindecim in emptione de Magdalino et Premesego et | Livronigo, et libre decem in emptione terre de Veddo, et libre vigintiquinque in gera de Athalebio, finito precio, sicut inter nos convenit, pro omnibus illis casis, rebus, territoriis, | [..................], vineis, silvis, buscis ac [........], campis [……........] divisis et indivisis, piscationibus, usibus, conditionibus, honoribus, districtis, tam in monte | [quam in plano ..................] monasterio de Aquafrigida in loco Campovico et [in eius] territorio, et insuper pro omnibus illis rebus que suprascripto monasterio pertinent suprascripto loco et territorio | [................] superius dictas, cum superioribus et inferioribus atque cu(m) finibus, accessionibus et ingressionibus suis, inintegrum, ab hac die ego qui supra Anselmus abbas tibi que supra Ave|[dute abb]atisse, ad partem suprascripti monasterii Sancti Faustini, vendo trado et emancipo, ut facias exinde a presenti die tu et tue succetrices et cui dederis, ad partem suprascripti monaste|rii Sancti Faust[ini], iuris proprietarii nomine, quicquid volueris, sine ulla mea successorumque meorum contradic(ione). Quidem etspondeo atque promitto ego qui supra Anselmus abbas, una cum | meis successoribus, tibi que supra Avedute tuisque succetricibus [seu cui vos] dederitis [illas] omnes res, sicut superius leguntur, ad partem suprascripti monasteri Sancti Faustini, ab omni homine in duplum defen|sare sicut pro tempore fuerit et valuerit sub estimatio[ne in conximilibus locis, [quia sic] inter nos convenit. Actum Insule.
Ego Lantelmus | sacerdos monalius (a) subscripsi. Ego abbate (b) [......... subscrip]si | Ego Oto presbiter subscripsi. Ego Lantelmus diaconus subscripsi. [.......................]as subscripsi. Ego Oldefredus monachus subscripsi. | Ego Petrus presbiter subscripsi. Ego Lanfrancus diaconus subscripsi. | Man(ibus) † † Ottonis Blanci, item Ottonis de Spasviro, Bertari Elene Guidonis Alexii testium. |
(S) Ego Rogerius iudex ac regis missus, iussu Ogerii iudicis qui hanc car(tam) tradidit, scripsi. |
(S) Ego Ogerius iudex imperatoris interfui et rogatus hanc cartam tradidi et quidam iussu meo scripsit.

(a) Così A.
(b) La lettura di abb(at)e, parola parzialmente guastata a causa dell'inchiostro, è molto probabile ma non de tutto certa.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS