Lombardia Beni Culturali
APPENDICE
11

Carta venditionis et solutionis

1169 giugno 29, Como.

Ogerio di Cantone, figlio del fu Arnaldo di Cantone, dell'Isola Comacina, vende ad Aveduta, badessa della chiesa del Beato Faustino dell'Isola Comacina, una terra con una parte di casale siti in Spelugo di Premonte, al prezzo di quattro lire e di cinque soldi di denari nuovi di Milano; tale somma viene contestualmente pagata da Contissa, vedova di Arderico Zocolarii, per la salvezza della sua anima, nonché di quelle del fratello defunto Lanfranco e del figlio premorto Burdigario.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1427 [A]. Regesto: Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 50, cc. 10v-11r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1427, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1427".
Nel verso, annotazione di mano del rogatario: "Car(ta) S(an)c(t)i Faustini qua(m) fecit Ogeri(us) d(e) Ca(n)tono". Segnatura Ceruti in pastello rosso: "50".



La pergamena (mm 207/204 x 84/79) presenta una lieve lacerazione nella parte sinistra, specie in prossimità del margine laterale; modeste lacerazioni anche in corrispondenza delle antiche piegature, soprattutto di quella verticale.
Rigatura a punta secca.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno d(omi)nice incar(nacionis) mill(e)x(imo) cent(eximo) sexag(eximo) nono, t(er)cio kal(endas) iulii, indic(ione) s(e)c(un)da. Car(tam) vendicionis ad proprium, pro accepto precio de libris | quattuor et sol(idis) quinque denariorum novorum Mediol(anensium), fecit Ogerius de Cantono, filius quondam Arnaldi de Cantono, de Insula, in manu | d(omi)ne Avedute, abbatisse ęcclesię Beati Faustini de Insula, ad partem eiusdem ęcclesię, nominative de petia una terre, cum sua parte unius ca|salitii insimul tenente, iuris sui, reiacente in Spelugo de Premonte; cui coheret: a mane et a monte via, a sero vall(is), a meridie uxoris | Alberici Viced(omi)ni, omnia et ex omnibus, inintegrum, ita ut faciat exinde a presenti die ipsa d(omi)na Aveduta, ad partem ęcclesię et sue succetrices et cui | dederint, una cum omnibus superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, iuris proprietarii nomine, quicquid voluerint, sine ipsius | Ogerii venditoris heredumque suorum contradic(ione). Quidem promisit atque spopondit se ipse Ogerius, pro se et suis heredibus, predicte d(omi)ne Avedute ab|batisse, ad partem ęcclesię, predictam petiam terre, cum sua parte casalitii, ut supra legitur, inintegrum, ab omni homine omni tempore defendere et guarentare, usque | in penam duple evictionis. Et insuper iuravit predictus Ogerius ad sancta Dei Evangelia, si predicta vendicio esset inpiliata aut aliquo | modo (a) alicui obligata, quod habet eam dispiliare et desobligare, et quod defendet et guarentabit suprascriptam vendic(ionem) prefate ęcclesię et cui dederit ab | omni homine omni tempore, quia sic inter eos convenit. Actum civitate Cummis. Iamdictum vero precium (b) solvit d(omi)na Contissa, relicta quondam | Arderici Zocolarii (c), pro anima et remedio (d) Lanfranci, quondam fratris sui, et Burdigarii, quondam filii sui, et pro eius anima et remedio. |
Sign(um) † man(us) suprascripti Ogerii qui hanc car(tam) vendicionis fieri rogavit ut supra. |
Sign(um) † man(uum) Gualderici, domini Algixii de Curognora, et Ottonis Blanci et Lanfranci Sacchiti testium. |
(S) Ego Ospinellus iudex ac d(omi)ni Frederici imperatoris missus hanc car(tam) tradidi et scripsi.

(a) m(od)o add. dalla stessa mano nel margine laterale sinistro.
(b) In p(re)cium p(re)- seguito rasura per lo spazio di una lettera.
(c) In Zocolarii la seconda -i corr. da -a.
(d) In remedio -m- corr. da lettera principiata.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS