Lombardia Beni Culturali
5

Carta venditionis

1149 gennaio, Castello dell'Isola Comacina.

Vitale, figlio di fu altro Vitale da Balonio, e sua moglie Anexia, figlia del fu Giovanni da Bonzenigo, ambedue professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Benedetto de Viniola cinquantuno soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita della metà indivisa di due appezamenti, con viti e alberi, il primo dei quali sito a Tremezzo, ove dicesi Sosto, e il secondo posto in Soresino, ove dicesi Suvirone.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1404 [A]. Trascrizioni: Della Croce, Codex diplomaticus Mediolanensis, BAMi, I.7 suss., c. 314r; Bonomi, BBMi, AE.XV.33, I, n. ***35, cc. 100r-101r. Regesti: Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, ivi, c. 397r?; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 28, cc. 7v-8r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1404, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1404".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) Benedicti d(e) Viniola". Inoltre due annotazioni toponimiche di epoca moderna. Infine, segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "*** ante 35 .MCIL."; e segnatura Ceruti in pastello rosso: "28".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 178, p. 208.


La pergamena (mm 181/177 x 142/144) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, oltre a una certa sbiaditura dell'inchiostro, specie nella parte superiore. Sono inoltre rilevabili macchie sporadiche e piccole aree di abrasione accidentale dell'inchiostro.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Riguardo all'archivio di provenienza del documento, una annotazione di Giulio Cesare Della Croce, preposta alla sua trascrizione, conferma la provenienza dal monastero di San Faustino, come l'analisi delle note dorsali e delle antiche piegature aveva fatto ipotizzare: "Ex authentico in archivio monialium Sancti Faustini de Campo" (c. 314r).

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) quadragesimo nono, m(en)se ienuarii, indic(ione) duod(e)cima. | Constat nos Vitalem, filium quondam item Vitalis da Balonio, et Anexiam, iugales, et filiam quondam Iohannis da (a) Bonzenigo, | qui professi sumus lege vivere Romana, accepisse sicuti et in presentia (b) testium manifesti sumus quod accepimus a te | Benedicto (c) de Viniola arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) solidos quinquaginta et uno (d) finito pretio, sicut inter nos convenit, | pro medietate de petiis duabus de terra pro indiviso, cum vitibus et arboribus super abente, iuris nostri. Prima petia ia|cet in loco Tremedio, ubi dicitur Sosto; coheret ei: a mane Sancti Iuliani, a meridie Sancte Marie, a sero Goffredi, ab Aquilone | pro parte Bertrami et pro parte Arnaldi; secunda petia iacet in loco Soresino, ubi dicitur Suvirone; coheret ei: a mane Tre|mezini, a meridie Adam et Boni, a sero emptoris et Tremezini, ab Aquilone Sancte Marie, quantumcumque suprascriptam medi|etatem predictarum petiarum de terra infra has coerentias inveniri potuerit, inintegrum, ab hac die tibi qui supra Benedicto, | pro suprascripto pretio vendimus, tradimus et emancipamus, ut facias exinde a presenti die tu et heredes tui seu cui vos dederitis | suprascriptam medietatem (e) de predicta terra, sicut super (f) legitur, iuris (g) proprietario nomine, quicquid volueritis, sine omni nostra (h) et heredum | nostrorum (i) contradic(ione). Equidem etspondemus atque promittimus (j) nos Vitalis et Anexia iugales (k), una cum nostris heredibus, tibi qui supra | Benedicto tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascriptam medietatem de predictis petiis de terra, sicut superius legitur, defendere et gu|arentare omni tempore ab omni homine cum iure et usu. Quod si defendere non potuerimus aut si contra hanc car(tam) vendicionis | per quodvis ingenium agere vel causari presumpserimus, tunc in duplum vobis suprascriptam ven[dita]m restituamus, sicut pro tempore fu|erit aut valuerit sub estimatione in consimilibus locis, quia sic inter nos convenit. Actum castro Insula. | Signum † † man(uum) suprascriptorum Vitalis et Anexe iugalium, qui hanc car(tam) vendic(ionis) ut supra fieri rogaverunt, et ipse Vitalis | eidem Anexe coniugi sue consensit (l).
Signum † † man(uum) Attonis, Rogerii, Marchionis, Marchii testium (m). |
(SN) Ego Lanfrancus notarius et iudex hanc car(tam) tradidi et subscripsi. |
(SN) Ego Martinus notarius (n) sacri palatii hanc car(tam), a Lanfranco iudice traditam, scripsi.

(a) su -a segno abbr. per la nasale (tratto orizzontale) privo di significato.
(b) Segue nota tironiana per et.
(c) Su -t- segno abbr. per -us, come pare, che fa supporre Benedicto corr. da Benedictus con -o add. In seguito.
(d) Segue rasura per lo spazio di una lettera, come pare.
(e) La seconda -e- corr. da lettera principiata.
(f) Coś A.
(g) Coś A.
(h) n(ost)ra nell'interlineo su mea, cassato mediante sottolineatura.
(i) n(ost)ro(rum) corr. da meo(rum), con nr da m, -e- espunta e aggiunta di -or(um).
(j) In promittimus -ttim- corr. da altre lettere non perspicue.
(k) Segue q espunto.
(l) eide(m) - c(on)sensit nel sottolineo con linea d'inclusione.
(m) In A testum.
(n) nota(riu)s con n- corr. da t-

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS