Lombardia Beni Culturali
2

Carta venditionis

1042 luglio, Balbiano.

Domino, figlio del fu Bono, dell'Isola Comacina, e sua moglie Dagilberta, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Bonovicino, figlio del fu Bono, di Premonte foris presso la medesima Isola Comacina, quattro lire di denari d'argento, quale prezzo della vendita di una vigna, sita a Ossuccio nel luogo di Carcona, ove dicesi Collonia.

Notitia, nel verso della pergamena (n. 1a, descritta nella nota introduttiva al doc. n. 1 ed edita nella nota introduttiva di questo documento) [N]. Originale, BAMi, Pergamene, n. 1357 bis [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 2, pp. 9-11. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440r (insieme a BAMi, 1357 = doc. n. 1); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 391r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 7 (1357), cc. 2v-3r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1357 bis, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1357 bis".

Edizione: Gli atti privati, vol. II, n. 300, pp. 330-331.
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 61, p. 176.
Cf. RATTI, Aspetti e problemi, p. 12-15, pp. 26-27, p. 31, p. 34; PEZZOLA, Le notitiae dorsali.

Questa notitia - la prima delle quattro vergate da Lanfranco notarius et iudex nel dorso della pergamena - è conservata mutila nella parte incipitaria e nella parte sinistra. Il dettato superstite, disposto su due righe, è il seguente: [.....] da me(ridie) via, da sera Ingoni, tab(ul)is | [....] (non è precisabile l’entità della lacuna, poiché determinata da recisione del supporto); testes Bono, Ardi[..] de [...]us [.......], Cumizo, [......] (Cumizo, [......] add. nell'interlineo). I pochi lacerti superstiti sembrano collegarla al secondo mundum sviluppato al recto dell'unica membrana, qui edito.
Il documento fu infatti redatto dal citato Lanfranco, sul medesimo supporto e in identica data cronica del n. 1: ad esso si rimanda anche per l'elencazione delle note dorsali e per la descrizione dello stato di conservazione della pergamena. Fu tuttavia vergato con un modulo di scrittura sensibilmente più ridotto, probabilmente in un momento successivo.

(SN) Anno incarnacione(m) d(omi)ni n(ostr)i Iesu Christi mileximo quadrageximo s(e)c(un)do, m(en)se iulius, indic(ione) | decima. Constad nos (a) Dominus, filius quondam Bononi, de Infra Insola (b), et Dagiberga iugalibus, qui (c) professi summus | ex nacionem nostram legem vivere Romana, mihi q(ue) supra Dagiberge consenciente ipse Dominus maritus meus et supter confirmantes, | accepisemus sicutti et in presencia testium manifesti summus q(uod) accepimus at te Bonovixinus, filius quondam Bononi, de loco Premunte | foris prope suprascripta Insola, argentum denarius bonus libras quattuor, finitum precium, pro vinea cum area in qua estad pecia una iuris nostris | quam abere visi summus in loco Carcona sita Ausucio, dicitur Collonia; coerit ei: da mane Alb(er)ti (d), da meridie via, da sera Ingoni (e); | et est area ex ipsa vinea per mensura iusta tabulas quadraginta et quattuor. Q(ue) autem suprascripta vinea cum area in qua estad, qualiter superius legitur, una cum superiore et inferiore seu cum fine et accesionem sua, inintegrum, ab ac die tibi cui supra Bonovixini pro | suprascripto argento vendimus, tradimus et mancipamus, et facias exinde a presenti die tu et cui tu dederis vestrisque heredibus, iure | proprietario nomine, quicquit volueritis, sine homni nostra et heredum nostrorum contradic(ionem) vel defensionem et absque restauracio|nem extra quod fieri non credimus vel, si de nostrum corum supra iugalibus ullum datum aud factum vel colibet scriptum ex|inde in alia parte aparuerit cui nos dedisemus aud fecisemus, tunc, si hoc aparuerit et claruerit, nos corum supra iu|galibus, una cum nostris heredibus, tibi cui supra Bonovixini tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascripta vendita, qualiter superius legitur, | restituamus, sicut pro tempore fuerit (f) aud valuerit sub estimacionem in eodem loco, quia sic inter nobis convenit; et nec | licead nos ullo tempore nolle quod voluimus, set quod ad nos hic semel factum vel conscriptum est sub iusiurandum | inviolabiliter conservare promittimus cum stipulacionem subnixxa. Actum loco Balbiani, feliciter. |
Signum † † manibus suprascriptorum Domini et Dagiberge iugalibus qui anc car(tam) vindic(ioni)s ud supra fieri rogaverunt et eorum relecta est (g). |
Signum † † manibus Bonizoni et Albizoni, lege viventes Romana, testes.
Signum † † † manibus Cunizoni et Vuilielmi et Nazari testes.
(SN) Lanfrancus notarius et iudex sacri palacii, scriptor huius car(te) vindic(ioni)s, post | tradita c(om)plevi et dedi.

(a) Seguono quattro lettere cancellate mediante spandimento volontario dell'inchiostro.
(b) A Infransola.
(c) q- corr. da lettera principiata, come pare.
(d) Alb(er)ti su rasura.
(e) Ingo- su rasura.
(f) -uer- corr. da altro gruppo di lettere non perspicue, come pare.
(g) -ru(m) relecta est nel sottolineo con segno d'inclusione.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS