Lombardia Beni Culturali
3

Carta venditionis

1050 giugno, Mola.

Oberto, figlio del fu Bono, di Sporiano foris presso l'Isola Comacina ed ora abitante a Mola, professante legge romana, dichiara di avere ricevuto da Bono, figlio del fu Dodone, di Premonte e abitante nella sopradetta Isola, venti soldi di denari d'argento, quale prezzo della vendita di una vigna sita nel sopracitato luogo e fondo di Mola, ova dicesi a Runcale.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1358 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 3, pp. 11-13. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 391r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 8 (1358), cc. 2v-3r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1358, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1358".
Nel verso, annotazione di epoca medievale non leggibile, neppure con l'ausilio della luce di Wood. Inoltre: annotazione di fase B: "De Ronchali"; segnatura di fase C: "V, n. 2"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della lampada di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "3 .ML."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "8".
Edizione: Gli atti privati, vol. II, n. 342, pp. 409-410.
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 65, p. 177.
Cf. RATTI, Aspetti e problemi, p. 12, p. 14-15, p. 26, p. 31, p. 34.

La pergamena (mm 173/158 x 183/172) presenta modeste lacerazioni, in corrispondenza delle antiche piegature e alcuni punti di abrasione accidentale dell'inchiostro, in corrispondenza delle righe 2 e 5. Si rilevano inoltre macchie di umidità, diffuse ma lievi.

(S) Anno incarnacione d(omi)ni n(ost)ri Iesu Christi mileximo quinquageximo, m(en)se iunius, indic(ione) ter|cia. Constad me Oberto, fil(io) q(uon)da(m) Bononi, de loco Sporiano (a) foris prope Insola et modo abitare | videor loco Mole, qui profeso sum ex nacione mea legem vivere Romana, accepisem sicuti et in presen|cia testium manifesto sum q(uod) accepi ad te Bono, abitator infra suprascripta Insola et fil(io) quondam Dodoni, de lo|co Premunto, argentum denarios bonos sol(idos) viginti, finitum precium, pro vinea cum area in qua estat pecia | una iuris mei q(uam) abere viso sum in suprascripto loco et fundo Mole, ad locus q(ui) dicitur a Runcale; coerit ei: da mane | et sera in eo que mihi reservo, da meridie via; et est area ex ipsa vinea per mensura iusta tabulas decem et octo. | Que autem suprascripta vinea cum area in qua estat, qualiter superius legitur, cum superiore et inferiore, cum fine et acces|sione sua, inintegrum, ab ac die tibi q(ui) supra Bononi pro suprascripto argento vendo, trado et mancipo, et facias | exinde a presenti die tu et cui tu dederis vestrisque heredibus, iure proprietario nomine, quicquit vo|lueritis, sine homni mea et heredum meorum contradic(ione). Quidem etspondeo adque promitto me ego | qui supra Oberto, una cum meos heredes, tibi cui supra Bononi tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascripta vendita, qua|liter superius legitur, inintegrum, ab omni homine defensare; quit si defendere non potuerimus, aut si contra anc car(tam) vindicionis | agere aut causare presumserimus, in dublum vobis suprascripta vendita, qualiter superius legitur, restituamus, sicut pro tem|pore fuerit aut valuerit sub estimacione in eodem loco, quia sic inter nobis convenit; et nec licead | me ullo tempore nolle q(uod) volui, set q(uod) ad me semel factum vel c(on)scriptum est sub iusiurandum in|violabiliter c(on)servare promitto con stipulacione subnixa. Actum suprascripto loco Mole, feliciter. |
Signum † manum suprascripti Oberti q(ui) ac car(ta) (b) vindicionis ut supra fieri rogavi, et ei relecta est. |
Signum † † manibus Gumperti et Cresencii, legem viventes Romana, testes. |
Signum † † † manibus Arnulfi et Ursoni seu Borningi testes. |
(S) Ego Arialdus iudex sacri palacii, scriptor huius car(te) vindicionis, post tradita complevi et dedi (c).

(a) -i- corr. da -s-.
(b) In A acar(ta).
(c) -ta complevi et dedi nel sottolineo con segno d'inclusione.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS