Lombardia Beni Culturali
4

Carta venditionis

1067 gennaio, Isola Comacina.

Albizo, figlio del fu Bonifacio, abitante a Sondrio in Valtellina, professante legge romana, dichiara di avere ricevuto dal prete Omodeo, del luogo di Stabio foris presso l'Isola Comacina, due lire di denari d'argento, quale prezzo della vendita di un appezzamento sito a Ossuccio, nel luogo ove dicesi Gumniaco.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1360 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 4, pp. 13-14. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 391r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 10 (1360), cc. 2v-3r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1360, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1360".
Nel verso, di epoca medievale: "Car(ta) Cumiago" (sec. XIII). Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 3"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della lampada di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "4 .MLXVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "10".
Edizione: Gli atti privati, vol. III, n. 472, pp. 238-240.
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 77, p. 180.
Cf. RATTI, Aspetti e problemi, p. 13, pp. 15-16, p. 21, p. 28, pp. 30-31, p. 34.

La pergamena (mm 177/162 x 138/135), in corrispondenza delle antiche piegature, presenta modeste lacerazioni, più sensibili alle righe 5 e 6, specie in prossimità del margine laterale destro, dove si rilevano anche piccole zone di abrasione accidentale dell'inchiostro. Punti di abrasione accidentale pure alle righe 1-2, 17-18 e nel margine inferiore. Tra le righe 8 e 9, dove si trova la piega orizzontale mediana, è rilevabile un piccolo foro. Si osservano inoltre lievi ma diffuse macchie di umidità, più rilevanti in prossimità dei margini laterali.

(SN) Anno incarnacionem domini nostri Iesu Christi milesimo sesagesimo septimo, mense ienua|rius, indic(ione) quinta. Constad me Albizo, fil(ius) q(uon)da(m) Bonefacii, abitator loco Sundri | sita valle Tellina, q(ui) profeso sum vivere legem Romana, accepisem sicutti et in presencia te|stium manifesto sum q(uod) accepi at te Omodeo presbiter, de loco Stabio foris prope Insola, argentum de[narios] b[ono]s | libras duas (a), finitum precium, p(ro) terra pecia una quam abere viso sum in loco et fundo Ausucio, ia|cet ad locus ubi dicitur Gumniaco; coerit ei: da una parte Ingoni, da alia Vitali, da tercia via, ipsa terra | sicut hic supra legitur homnia, inintegrum. Q(ue) autem suprascripta terra, qualiter superius legitur, una cum superiore et inferiore seu cum | fine et accessione sua, inintegrum, ab ac die tibi cui supra Omodei presbiter pro suprascripto argento vendo, trado et mancipo, et | facias exinde a presenti die tu et cui tu dederis quicquit volueritis, sine homni mea et heredum meorum contra|dic(ione). Quidem etspondeo adque promitto me ego q(ui) supra Albizo, una cum meos heredes, tibi cui supra Omodei presbiter et cui tu | dederis suprascripta terra, qualiter superius legitur, inintegrum, ab omni homine defensare; q(ui)t si defendere non potuerimus aud si con|tra anc car(tam) vindicionis aiere (b) aud causare presumserimus, in dublum vobis suprascripta terra, qualiter superius legitur, resti|tuamus, sicut pro tempore fuerit aud valuerit sub estimacionem in consimiles (c) loco, quia sic inter nobis convenit; | et nec licead me ullo tempore nolle quod ad me hic semel factum vel c(on)scriptum est sub iusiurandum invio|labiliter conservare promitto cu(m) stipulacionem subnisa. Actum suprascripto loco Insola, feliciter. |
Signum † manum suprascripti Albizoni qui anc car(tam) vindicionis ud supra fieri rogavi, et ei relecta est. |
Signum † † manibus Bononi et Miloni, legem viventes Romana, testes. |
Signum † † † manibus Bertari et Albizoni et Zenami testes. |
(SN) Lanfrancus notarius et iudex sacri palacii scripsi, post tradita c(om)plevi et dedi.

(a) libras duas su rasura.
(b) Così A per agere.
(c) Così A.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS