Lombardia Beni Culturali
6

Carta venditionis

1073 maggio, Stabio.

Prete Giovanni, figlio del fu Ingone, di Bellinzona, professante legge romana, dichiara di avere ricevuto dallo zio prete Omodeo, figlio del fu Vitale che fu nonno di detto Giovanni, tre lire e sei soldi di denari d'argento, quale prezzo della vendita di un appezzamento con piante e viti sito ad Ossuccio, nel luogo ove dicesi Cumiaco.

Lacerto di notitia, nel verso della pergamena [N]. Originale, BAMi, Pergamene, n. 1362 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 6, pp. 17-18. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 391v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 12 (1362), cc. 3v-4r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1362, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1362".
Nel verso, di epoca medievale: "Car(ta) Cumiago" (sec. XIII). Inoltre: annotazione di fase B: "Venditio de Cumiago"; segnatura di fase C: "V, n. 4"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "6 .MLXXIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "12".
Edizioni: MORONI STAMPA, Codex paleographicus Helvetiae Subalpinae, n. LI (con riproduzione fotografica nella corrispondente tavola); Gli atti privati, vol. III, n. 538, pp. 357-358.
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 82, p. 181.
Cf. RATTI, Aspetti e problemi, p. 13, p. 18, p. 21, pp. 28-31, p. 34; PEZZOLA, Le notitiae dorsali.

Nel verso sono conservate undici lettere, che quasi certamente sono riferibili all'ultima riga di una notitia recisa. L'ultima parola sembra essere "Vuido", che corrisponde al nome dell'ultimo teste indicato nel mundum. Se la lettura corretta, pi di una ipotesi la corrispondenza della notitia con il mundum sviluppato al recto, anche in considerazione della prassi documentata di Lanfranco relativa alla redazione di notitiae dorsali (per altre notitiae di detto notaio conservate in questo corpus documentario cf. i docc. n. 1 e n. 2).
La pergamena (mm 176/166 x 334/325) nella parte superiore presenta estese macchie e sensibile dilavatura dell'inchiostro. Si rileva inoltre la presenza di un foro, probabilmente dato da rosicature, in corrispondenza delle righe 11-12.
La sottoscrizione del prete Giovanni autografa.

(SN) Anno incarnacionem domini nostri Iesu Christi milesimo septuaiesimo tercio, | mense magius, indic(ione) undecima. Constad me Ioh(anne)s presbiter, filius q(uon)da(m) Ingoni, abi|tator loco Belizona, q(ui) profeso sum vivere lege Romana, accepisem sicutti et in presencia te|stium manifesto sum q(uod) accepi at te Omodeo item presbiter, patruus meus et filius quondam Vitali | q(ui) fuid avio meo, argentum denarios bonos libras trex et sol(idos) sex, finitum precium, | pro terra cum erboris et vites super se pecia una quam abere viso sum in loco | Ausucio, iacet ad locus ubi dicitur Cumiaco; coerit ei: da una parte via, | da alia Ingoni, da tercia de heredes quondam Vitali, ipsa (a) terra cum iamdic|tes erboris et vites super se, qualiter superius legitur, homnia, inintegrum. | Que autem suprascripta terra cum iamdictes erboris et vites super se, quali|ter superius legitur, una cum superiore et inf[eriore] seu cum fine | [et] accessione sua, inintegrum, ab ac die tibi cui supra Omodei presbiter pro | suprascripto argento vendo, trado et mancipo, et facias exinde a pre|senti die tu et cui tu dederis vestrisque heredibus quicquit | volueritis, sine homni mea et heredum meorum contradic|cione. Quidem etspondeo adque promitto me ego qui supra | Ioh(anne)s presbiter, una cum meos heredes, tibi cui supra Omodei presbiter | tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascripta terra cum iam|dictis erboris et vites super se, qualiter superius legitur, inintegrum, | ab homni hominem defensare; quit si defendere non poteri|mus, aud si contra anc car(tam) vindicionis agere aud causare | presumserimus, in dublum vobis suprascripta terra cum iamdictes er|boris et vites super se, qualiter superius legitur, restitua|mus, sicut pro tempore fuerit aud valuerit sub estimacio|nem in consimiles loco, quia sic inter nobis convenit; et nec | licead me ullo tempore nolle quod ad me hic semel factum | vel conscriptum est sub iusiurandum inviolabiliter conserva|re promitto cum stipulacione subnisa. Actum loco Stabio | foris prope Insola, feliciter. |
Ioh(ane)s presbiter subscripsi. |
Signum manibus Nazari et Odoni, legem viventes Romana testes. |
Signum manibus Gaudenci et Markese et Vuidoni testes. |
(SN) Lanfrancus notarius et iudex sacri palacii scripsi, post tradita c(om)plevi et dedi.

(a) -p- corr. da lettera principiata, come pare.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS