Lombardia Beni Culturali
7

Carta venditionis

1074 novembre, Lenno.

I fratelli Amizo, Paolo e Daniele, figli del fu ***, di Lenno, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Crescenzio, figlio del fu *** e di Sporiano, cinquanta lire di denari d'argento, quale prezzo della vendita di tutti i beni da loro acquisiti del prete pure chiamato Crescenzio, come da messo di Nero di Stabio, ovverosia di una vigna sita in Carcona nel luogo ove dicesi suptus casa, che prete Crescenzio aveva a sua volta acquistato da Attone figlio di Amizone e da Bona, coniugi di Isola; di un accessio e due orti siti a Carcona, giunti a prete Crescenzio da parte di Attone figlio di Cuniberto e da Bona, pure coniugi di Isola; di una casa con corte e di un'altra corte tutte site in Carcona, pervenute a prete Crescenzio per una vendita da parte del defunto Giovanni figlio del fu Cuniberto, di Isola, e di sua moglie Amiza; di un sedime con alcuni alberi sito a Carcona di proprietà del suddetto prete per una vendita dei predetti Attone e Bona; infine di un campo con alberi e viti sito in Carcona, nel luogo ove dicesi campus de supter casa, giunto a predetto prete in virtù di una vendita da parte del fu Andrea figlio di Cuniberto, dell'Isola Comacina.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1363 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 7, pp. 18-22. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, cc. 440r-v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 391v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 13 (1363), cc. 3v-4r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1363, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1363".
Nel verso, di epoca medievale, pressoché illeggibile: "Car(ta) [........]" (sec. XIII?). Inoltre: annotazione di fase B: "De Carcona"; segnatura di fase C: "V, n. 6"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "7 .MLXXIV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "13".
Edizioni: Gli atti privati, vol. III, n. 548, pp. 374-376.
Regesti: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 84, p. 182.
Cf. RATTI, Aspetti e problemi, p. 13, p. 17, p. 26, pp. 34-35, pp. 49-50.

La pergamena (mm 226/192 x 248/246) presenta alcune lievi macchie sparse; una macchia estesa e più scura interessa la scrittura tra le righe 5 e 11.
Indizione settembrina.
Il documento qui edito costituisce una sintesi delle caratteristiche grafiche della produzione di Odo notarius sacri palacii. La disposizione del testo sulla pergamena è ispirata a criteri di accuratezza e regolarità, non privi di un qualche scrupolo di carattere estetico. All'impressione di equilibrio e ariosità della mise en page contribuisce senz'altro la scrittura: una minuscola documentaria che ha abbandonato le esasperazioni corsive di tanta parte della tradizione notarile altomedievale, dritta e posata, gradevole e abbastanza ben allineata sulla riga. Una lettura più approfondita della carta mette in luce numerose correzioni (non tutte, peraltro, immediatamente perspicue), che tuttavia si inseriscono in modo discreto nell'estetica della pagina: righe depennate con tratto lieve, parole inserte nell'interlineo, lettere corrette nel sopralineo. Talora Odo mostra qualche incertezza o quantomeno una certa ambiguità nell'uso dei segni abbreviativi, che appaiono frequentemente tracciati senza un significato chiaro. Altra caratteristica di questo notaio è l'impiego dell'abbreviazione insulare per est, realizzata nella tipica forma di origine tironiana attraverso un tratto orizzontale collocato fra due puntini, al di sopra e al di sotto, simmetricamente disposti: la si può rilevare alle righe 6 e 7. Tale prassi grafico-operativa di Odo, all'interno della silloge qui edita, si trova confermata anche nei docc. n. 5 e n. 8.

(SN) Anno incar(na)c(ioni)s domini nostri Iesu Christi milleximo septuageximo quarto, mense nove(m)b(ris), indic(ione) t(er)ciadecima. Constat | nos Amizonem et Paulum et Danielem, germanos et fili(os) q(uon)da(m) ********, de Laenno, qui professi sumus ex natione nostra vivere | lege Romana, accepisse sicuti et in presentia testium manifesti sumus q(uod) accepimus a te Crescencio, fil(io) quondam ******|**, de Sporiano, argenti denarios bonos lib(ras) quinquaginta, finitum precium, pro cuctis causis (a) et (b) omnibus rebus quecumque obvenerunt (c) per car(tam) vindicionis vel comuta|tionis fiducialiter in Crescencio presbitero (d), qui nos heredes instituit ex (e) misso Ingo de Stabio (f), et sunt hec: vinea una in Carcona, dicitur suptus (g) casa; coeret ei: de mane via, | de meridie et sera Ingonis, et est tabule treginta (h) et due et pedes trex, quę obvenit in predicto Crescencio p(res)b(ite)r(o) per car(tam) vindicionis ex parte | quondam Atonis, filii Amizonis, et Bone, iugalium de Insula, sicut in ipsa car(ta) vindicionis legitur (i). Et est similiter accessio una et orti pecias duas (j) in Carcona, | et est ipsa (k) accessio pedes sex et est unus ortus (l) pedes trex et alius ibi prope per mensuram pedes quattuor, que obvenerunt per car(tam) unam | vindicionis in predicto Crescencio presbitero ex parte Atonis, filii Cuniberti, et Bone, iugalium de Insula, sicut in ipsa car(ta) vindicionis legitur. Et est similiter | casa una sala cum aliquanta curte insimul se tenens et alia similiter curtis ibi prope in Carcona, et est ipsa casa cum curte tabule due | et pedes duos et dimidius (m), alia curtis est tabule sex et uncias sex, que obvenerunt per car(tam) vindicionis ex parte quondam Ioh(ann)is, filii (n) quondam Cuniberti, de In|sula, et Amite, iugalium, in predicto Crescencio presbitero, sicut in ipsa car(ta) vindicionis legitur. Et est similiter sedimen, arbores super se habens, pecia una | in loco et fundo Carcona; coeret ei: de mane via, de meridie Sancti I(o)h(anni)s, et est (o) tabule sex, que obvenit per car(tam) vindicionis ex parte predicti | Atonis et Bone, iugalium, in predicto Crescencio presbitero, sicut in ipsa car(ta) vindicionis legitur. Et est similiter campus, arbores et vites super | se habens, cum area in qua estat pecia una in loco et fundo Carcona, ad locum ubi dicitur campus de supter casa; coeret ei: de sera via, | et est per mensuram tabule viginti et octo et dimidia, que obvenit per car(tam) vindicionis ex parte quondam Andreę, filii Cuniberti, de Insula, in predicto | quondam Crescencio presbitero, sicut in ipsa car(ta) vindicionis legitur, vel per alios singulos locos omnia et ex omnibus, inintegrum (1). Quę autem omnia suprascripta, qualiter superius legitur, | et (p) sicut in ipsis car(tis) vindicionis legitur, una cum superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suarum, inintegrum, que autem suprascripta, qualiter superius legitur, | una cum superioribus et inferioribus, ab hac die tibi cui supra Crescencio pro suprascripto precio vendimus, tradimus et mancipamus, ut facias | exinde a presenti die tu et cui tu dederis heredesque vestri quicquid volueritis, sine omni nostra heredumque nostrorum contradic(ione) et defensione et absque restaura|tione etstra (q) quod fieri non credimus; si de nostra q(ui) supra (r) germanorum parte aparuerit ullum datum aut factum vel quodlibet rescriptum exinde in alia parte | cui nos illicitem dedissemus aut fecissemus et claruerit, tunc ex illa parte auctores et defensores esse promittimus; et si eo ordine defendere | non potuerimus aut si contra hanc car(tam) vindicionis per quodvis ingenium agere aut causare presumserimus, tunc in (s) duplum vobis suprascripta vendita | restituamus meliorata, sicut pro tempore fuerit aut valuerit meliorata sub estimatione in consimilibus locis, quia sic inter nos convenimus; | et nec liceat nos ullo tempore nolle quod voluimus (t), set quod a nobis hic semel factum vel conscriptum est sub iusiurandum inviolabiliter | conservare promittimus c(um) stipulatione subnixa. Actum suprascripto loco Laenno, feliciter. |
Signum † † † manuum suprascriptorum Amizonis et Pauli et Danielis germanorum qui hanc car(tam) vindicionis ut supra fieri rogaverunt et eis relecta est. |
Signum † † † manuum Fidelis et Lanfranci et item Lanfranci, lege viventium Romana, testium. |
Signum † † manuum Grausonis et Guiberti testium. |
(SN) Odo notarius sacri palacii scripsi, post traditam co(m)plevi et dedi.

(a) cuctis causis add. nell'interlineo.
(b) et add. nel sopralineo.
(c) -v- nel sopralineo.
(d) -b- corr. da -p-, con asta discendente di p depennata.
(e) Segue par(te) depennato.
(f) ex - Stabio add. nell'interlineo.
(g) In suptus, -t- con segno di espunzione privo di significato.
(h) -e- nel sopralineo.
(i) Segue depennato: et est simili(ter) pecia una de t(er)ra q(ue) est (nota tironiana) ort(us), vite(s) et arbore(s) | sup(er) se h(abe)n(te)s in Carcona d(icitu)r int(ra) ortore, tabul(as) trex, et obvenit p(er) car(tam) vindic(ionis).
(j) Su d- segno abbr. privo di significato (tratto obliquo); anche -s presenta segno abbr. privo di significato (tratto obliquo).
(k) -a corr. da altra lettera, probabilmente -e.
(l) ortus con -u- corr. da lettera ora non perspicua, come pare; segue tabule depennato.
(m) dimidius da dimidio con -us nel sopralineo in corrispondenza di -o.
(n) Su filii segno abbr. (tratto orizzontale intersecante l'asta di l) privo di significato.
(o) e- corr. da s-.
(p) Segue i, erronea anticipazione del successivo in ipsis, espunto.
(q) Così in A, con et compendiato.
(r) s- corr. da lettera principiata, come pare.
(s) In con -n corr. da lettera principiata, come pare.
(t) In corrispondenza di -o-, nel sopralineo, i privo di significato.

(1) I documenti menzionati non sono stati reperiti.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS