Lombardia Beni Culturali
9

Carta venditionis

1080 febbraio, Balbiano.

Prete Omodeo, figlio del fu Vitale, di Stabio foris presso l'Isola Comacina, professante legge romana, dichiara di avere ricevuto dal chierico Guido, figlio del fu Lanfranco, di Garzola, e per suo messo anche dai fratelli Crescenzio ed Otto, figli del fu Milone, di Sporiano foris presso l'Isola Comacina, ventidue soldi di denari d'argento, quale prezzo della vendita di un appezzamento di terra incolta con alberi di castagni, sito ad Ossuccio nel luogo ove dicesi a Cumiago.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1365 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 9, pp. 27-31. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440v (barrato); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 391v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 15 (1365), cc. 3v-4r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1365, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1365".
Nel verso, di epoca medievale: "Carta de Cum(n)iago" (sec. XIII). Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 8"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "9 .MLXXX."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "15".
Edizioni: Gli atti privati, vol. IV, n. 603, pp. 96-97.
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 90, p. 184.
Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, appendice, n. 124, p. 248.

La pergamena (mm 186/159 x 231/165) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature e lungo i margini laterali, dove si rilevano anche lievi ma estese macchie. In corrispondenza delle righe 14 e17 sono presenti due piccoli fori, i quali tuttavia non compromettono la leggibilità del dettato.
La sottoscrizione del prete Omodeo è autografa.

(SN) Anno incarnac(ionis) domini nostri Iesu Cristi milleximo octuageximo, mense februarii, indic(ione) tercia. | Constad me Omodeo presbiter, filius quondam Vuitali, de loco Stabio foris prope Insula, q(ui) profesus sum ex nac(ione) | meam legem vivere Romana, haccepissem sicutti et in prexencia (a) testium manifestus sum quod accepi ad | te Vuido clericus, filius quondam Lanfranci, de loco Garzola, et per missis tuis Cresenzo et Oto germanis, | filiis quondam Milonis, de loco Sporiano foris prope suprascripta Insula, argentum denarios bonos solidos viginti et duo, | finitum precium, sicut inter nobis convenit, nominative pro pecia una de terra vasta (1), cum arboris castaneis | super se, q(uam) abere visus sum in loco et fundo Ausuc(io), at locus ubi dicitur a Cumiago; coheret ei: da mane et mun|te vobis germanis, da meridie comuno, da sera via. Q(ue) autem suprascripta terra vasta, cum predictis arboris | castaneis super se, una cum accessione et ingreso seu cum superioribus et inferioribus suis, qualiter (b) superius | legitur, inintegrum, ab ac die tibi cui supra Vuido clericus pro suprascripto precio vendo, trado et mancipo, nulli alii vendita, donata, | alienata, obnossiata vel tradita nixi tibi, et facias exinde a prexenti die tu et eredibus tuis aut cui | vos dederitis, iure proprietario nomine, quicquit volueritis, sine omni mea et eredum meorum contradic(ione). Quidem et|spondeo atque promitto me ego q(ui) supra Omodeo presbiter, una cum meos eredes, tibi cui supra Vidoni clericus tuisque | eredibus aut cui vos dederitis suprascripta vendic(io), qualiter superius legitur, inintegrum, ab omni omine defensare; q(uod) si difen|dere non potuero, aut si vobis exinde aliquit per covis ingenium subtraere quesierimus, tunc in du|plum suprascripta vendic(io), ut supra legitur, vobis restituamus, sicut pro tempore fuerit meliorata aut | valuerit sub estimacione in consimile loco. Et nec m(ih)i licead ullo tempore nolle quod vol[ui], | sed quod a me ic semel factum vel quodscriptum est inviolabiliter conservare promitto cum | stipulacione subnixa. Actum in loco Balbiani foris prope suprascripta Insula, feliciter. |
† Omodei presbiter a me facta subscripsi. |
Signum † † manibus Lazaroni et Arnaldi, ambo legem viventes Romana, testes (c). |
Signum † † † manibus Atoni et Rigizoni seu Ottoni testes. |
(SN) Ego Rusticus notarius sacri palacii, scriptor uius car(te) vin|dic(ionis), post tradita co(m)plevi et dedi.

(a) In A -x- corr. da lettera principiata, come pare.
(b) In qualit(er) -a- add. nel sopralineo.
(c) -stes nel sottolineo con segno d'inclusione.

(1) Riguardo al significato da attribuire all'aggettivo "vasta" riferito alla terra, oggetto del negozio giuridico, cf.: "Vastum maxime dicitur de agris qui non excoluntur"; inoltre: " Vastum ea de causa dicitur terra pascendis animalibus destinata" (DU CANGE, Glossarium, vol. 8, p. 253).

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS