Lombardia Beni Culturali
11

Cartula veditionis

1087 febbraio, Premonte.

Bonvicino, figlio del fu Bono, di Premonte foris presso l'Isola Comacina, con i figli Omodeo e Gunfredo, e insieme alla nuora Umilia, di Bellano, moglie di predetto Gunfredo, tutti professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Cumperto, figlio del fu Bono, di Perlana, ventotto lire di denari d'argento, quale prezzo della vendita dei loro territori, con i diritti pertinenti, siti in Carcona e sul monte di Ossuccio.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1367 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 11, pp. 34-36. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 392r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 17 (1367), cc. 3v-4r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1367, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1367".
Nel verso, di epoca medievale: "Carta d(e) Carcona". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 9"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "11.MLXXXVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "17".
Edizioni: Gli atti privati, vol. IV, n. 703, pp. 281-282.
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 98, p. 186.
Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 126, p. 249.

La pergamena (mm 171/156 x 292/284) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature dove talora si riscontrano anche dei piccoli fori dati da rosicature (coś in corrispondenza delle righe 1-2, 3-5, 5-6, 11-12, 13-14, 18, 23-24). Si rileva inoltre la presenza di alcune macchie sporadiche, specie in prossimità dei margini laterali.

(SN) Anni (a) ab incarnac(ione) d(omi)ni nostri Iesu Christi milleximo octuageximo septimo, | mensis februarii, indic(ione) decima. Constat nos Bonumvicinum, filium q(uon)da(m) Boni, de P(re)|monte foris prope Insula, et Omodeum atque Gunfredum, pat(er) et filii, seu Umiliam filiam quondam ******, | de loco Bellano et coniugem suprascripti Gunfredi, qui professi sumus ex nacione nostra lege vivere Romana, | nobis quibus supra Omodeo et Gunfredo germanis consenciente Bonovicino ienitore nostro et subter confirman|te et michi cui supra Umilie consenciente Gunfredo marito meo, per consensum Bonivicini genitoris sui, | accepisse sicuti in presencia testium manifesti sumus quod accepimus a te Cu(m)perto, filio quondam Boni, | de Perlana, argenti denarios bonos libras viginti octo, finitum precium, pro homnibus rebus territoriis | illis iuris nostri, quam habere visi sumus in Carcona et in monte de Osucio cum quanto pertinet ad | asculum et pascua seu concelivum (b) casalem de Carcona omnia et ex omnibus, inintegrum. Que autem vendita superius dicta, cum superioribus | et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suarum, inintegrum, ab ac die tibi cui supra Cu(m)perto pro suprascripto argen|to vendimus, tradimus, man[c]ipamus, et facias exinde a presenti die tu et cui tu dederis tuique | heredes, iure proprietarii nominis, quicquit volueritis, sine omni nostra et heredum nostrorum contradic(ione). Quidem spon|dimus atque promittimus nos quos supra [B]onumvicinum et Omodeum atque Gunfredum seu Umiliam, una cum | nostris heredibus, tibi cui supra Cumperto tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascripta vendita, qualiter superius legitur, | inintegrum, ab omni homine defensare (c) promittimus. Quit si defendere non potuerimus, aut si contra anc | car(tam) vendicionis agere aut causare presu(m)serimus, in duplum vobis suprascripta vendita, qualiter superius legitur, resti|tuamus, sicut pro tempore fuerint aut val[uerint] sub estimacione in consimilibus locis, quia sic inter nos conveni|mus; et nec liceat nos ullo tempore nolle quod voluimus, set quod a nobis ic semel factum vel conscriptum est sub | iusiurandum (d) inviolabiliter conservare promittimus cum stipulacione subissa. Actum suprascripto loco Promonte. |
Signum †††† manuum suprascriptorum Bonivicini et Omodei seu Gunfredi atque Umilie qui anc car(tam) ven|dicionis fieri rogaverunt, consenciente Bonovicino filiis suis et Gunfredo Umilie coniugi sue, per consensum | Bonivicini ienitoris sui ut supra. |
Signum †† manuum Litulfi et Ottonis, legem vivencium Romanam, testium. |
Signum ††† manum (e) Gusfredi (f) et Uttonis seu Vitalis testium. |
(SN) Ogerius notarius sacri palacii scripsi, post tradita c(om)plevi.

(a) Coś A, secondo l'uso del notaio (cf. anche il doc. n. 12).
(b) asculu(m) - c(on)celivu(m) add. nell'interlineo.
(c) In d(e)fensare -e- corr. da -a-.
(d) In iusiurandu(m) la prima -u- corr. da lettera principiata; -du su rasura.
(e) Coś A.
(f) Non si esclude la lettura Guffredi; inoltre -r- corr. da lettera principiata, come pare.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS