Lombardia Beni Culturali
12

Cartula commutationis

1087 aprile, Como.

Eriberto vescovo della Chiesa di Como dà ad Ariolado, figlio del fu Bono, dell'Isola Comacina e agente per conto del monastero di Sant'Abbondio di Como, due porzioni del manso chiamato Pronusigo, costituite da case, corti, orti, campi, vigne, selve, prati, pascoli, concilivi e vicanali, querceti, faggeti ed alpeggi, nonché da parte di mulino con acquedotto e vigna, tutti beni siti a Lenno, nel luogo chiamato valle de Ponte, fruttanti anche un fitto di sedici denari a favore della suddetta chiesa di Sant'Abbondio, riservandosi invece quelle parti del manso fruttanti un fitto di quattro sestari di olio da pagare alla chiesa di Santa Maria, caput plebis; da parte sua Eriberto vescovo riceve in cambio tutti quei beni dipendenti dal casale chiamato Norciano (case con corti, orti, campi, prati, vigne, selve, pascoli, querceti, faggeti, alpeggi e vicanali) che ad Arioaldo erano pervenuti da parte di Cumperto Peregrino, dell'Isola Comacina, il quale a sua volta li aveva avuti in parte da Vuidone di Nesso e in parte da Bonabella di Cernobbio, nonché da Vassallo e da Vuiberto di Vico, i quali agirono per conto dell'arciprete Giovanni di Nesso; e tale permuta è correttamente vantaggiosa per l'episcopato, come appurato nelle verifiche degli estimatori: il prete Giovanni, Albizo diacono di Nesso, Todilo di Como et Algiso di Corniola, messi del sopracitato presule lariano.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1368 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 12, pp. 36-40. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 440v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 392v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 18 (1368), cc. 3v-4r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1368, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1368".
Nel verso, di epoca medievale: "Carta co[mut]acionis in Premes[e]go facti a d(omi)n(o) Cu[mano] ep(isco)po .II.". Inoltre: segnatura di fase C: "T, n. 41"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata dall'indicazione dell'anno: "12 .MLXXXVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "18".
Edizioni: CERUTI, Liber statutorum, coll. 375-376; Gli atti privati, vol. IV, n. 706, pp. 286-289.
Regesti: CERUTI, Ariberto vescovo di Como, p. 24; MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 99, p. 186.
Cf. SAVIO, Gli antichi vescovi, parte II, vol. I, p. 329; BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 134, p. 250; Helvetia sacra, I/6, p. 106.

La pergamena (mm 308/270 x 405/318 ), che si presenta in cattivo stato di conservazione, evidenzia numerosi punti di abrasione accidentale dell'inchiostro, che tuttavia non compromettono la lettura del dettato. Lungo il margine laterale sinistro vi sono macchie scure; lungo quello destro rosicature che interessano anche il campo della scrittura (in corrispondenza di esse, al fine di irrobustire il supporto, in epoca imprecisabile fu incollato un rettangolo di carta di mm 112 x 38).
Vi sono quattro sottoscrizioni autografe: quella del vescovo di Como Eriberto, di Uberto camerario, nonché quelle di due dei quattro estimatori, messi del suddetto presule, il diacono Albizo e il prete Giovanni. Gli altri due estimatori, invece, sono attestati per manufirmatio, così come l'avvocato, il vicedomino e i testi.
Per la successiva vendita di suddetti beni da parte di Arioaldo, cf. il doc. n. 14, del 1090 maggio, Como.

(SN) Anni (a) ab incarnac(ione) d(omi)ni nostri Iesu Christi milleximo octuageximo septimo, mense ap(ri)lis, indic(ione) decima. Comutacio bon[e] | fidei nositur esse contractum ut vice e(m)cionis optineat firmitatem (b) eodemque nessu obligat contraentes. Placuit itaque bona voluntate convenit inter | dominum Eribertum, episcopum Sancte Comane Ecclesie (1), necnon et inter Arioladum, filium quondam Boni, de Insula, ut in Dei nomine debeat dare sicut a presenti dedit ipse dominus Eribertus | episcopus eidem Arioaldo, de Insula, in (c) suo iure abendum, nominative duas porciones de manso qui nominatur Pronusigus et illam tantam porcionem de molendino cum aqueducto | et vinea insimul se tenente, unde usque modo solvebatur fictum ad partem ipsius episcopatus denarii sedecim iuris suprascripti episcopatus ecclesie Sancti Abundii, que esse vi|dentur in loco Lenno. Et sunt ipse due porciones de casis, curtibus, ortis (d), campis, vineis, silvis, pratis, pascuis, concelibis, vicanalibus, roboretis, faetis, alpibus, | divisis et indivisis, coltis et incoltis, usibus aquarum aquarumque ductibus, omnia et ex omnibus, quecumque pertinere videntur ad ipsas duas porciones de predicto manso, | tam in monte quamque in plano, cum finibus et accessionibus suarum, inintegrum, et sunt ille due porciones de illis rebus de illo manso, quas ipse dominus episcopus tenebat ad suam manum et | pertinere videbantur ad navem Dominicam (e), una cum predictis denariis sedecim, que essennt (f) fictum de predicto molendino et vinea; nam relique porciones de ipso molendino et vine[a] | et unde venit fictum ad ecclesiam Sancte Marie, que est caput nostri episcopatus, olei sestaria quattuor in nostra nostreque Ecclesie reservamus potestate; et est ips[e] molendinus c[u]m | dicta vinea in valle que nominatur Vallis de Ponte. Unde ad invicem recepit ipse dominus Eribertus episcopus ab eodem Arioaldo, ad partem ecclesie Sancti Abundii, mel[ior]atas et amplia[tas] | sicut lex abet, hoc est: omnes illas res quecumque obvenerunt (g) in ipsum Arioaldum per car(tulam) vendicionis ex parte Cumperti Peregrini, de suprascripta Insula, et in ipsum Cumpertum obvene|runt per duas cartulas vendicionis, unam de parte Vuidonis de Nessi, aliam de parte Bonebelle de Cernobio, et per unum brevem receptorium de parte Vassalli et Vuiberti de Vico, | qui rogatarii fuerunt archipresbiteri Ioh(ann)is de Nesi (2); et sunt ipse res quascumque predictus Ioh(anne)s archipresbiter et ipse Vuido et ipsa Bonabella habere et posidere videbantur ad [...|..]bio Casale qui nominatur Nociano; et sunt ipse res tam case cum curtibus, ortis, campis, pratis, vineis, silvis et pascuis, roboretis, faietis, coltis et incoltis, divisis et indivisis, seu | alpibus atque vicanalibus, usibus aquarum aquarumque ductibus seu concelibis locis, tam in monte quamque in plano, omnia et ex omnibus, inintegrum. Equidem, ut ordo legis popossit ad | [pre]videndam anc comutacionem, accesserunt super ipsas (h) res Ioh(anne)s presbiter, Albizo diaconus de Nesi, una cum Todilo de Cumis et Algiso de Corniola, estimatores, missi ab ipso domino episc[opo,] | qui omnes estimaverunt et comparaverunt quod melioratam et ampliatam causam reciperet ipse dominus episcopus ad partem sui episcopatus quam daret, et legibus comutacio ipsi fieri possit. H[is] | [a]utem rebus supradictis comutatis, una cum accessionibus et ingresibus earum seu cum superioribus et inferioribus suarum, sicut superius legitur, inintegrum, sibi unus alteri in co[m]utac[ionem tradide]|runt faciendum exinde unusquisque de hoc quod supra acceperunt a presenti die, tam ipsi quam eorum succesores vel eorum (i) heredes vel cui ipsi dederint, iure proprietarii nominis, quicquit voluer[int] | [...]nium alterius contradic(ione). Etspoponderunt se ipsi unus alteri, qui supra, hoc ut supra in comutacionis nomine dederunt, ipsi suosque (j) succesores vel heredes ab omni homine de[fensare;] | poenam vero inter (k) se posuerunt ut quis ex ipsis vel eorum heredibus vel eorum succesoribus de ac comutacione removere presumserint, et non permanserint in ea omnia que superius leguntur [...,]| quecumque ut supra dederint ab omni homine non defendiderint, componat pars parti illa pars que hoc non servaverit, ut supra legitur, parti fidem servanti poene nomine ipsas r[es ....,] | sicut pro tempore fuerint meliorate (l) aut valuerint sub estimacione in consimilibus locis, quia sic inter se convenerunt. Unde ipse dominus Eribertus episcopus recepit ab ipso Arioaldo argenti denari[os bonos] | viginti. Unde due car(tul)e comutacionis uno tenore scripte sunt. Et nec liceat [n]os ullo tempore nolle quod voluimus, se[t quod a] nobis ic semel factum ac conscrip[tum est sub iusiuran]|dum inviolabiliter conservare promittimus cum stipulacione subissa. Actum infra domum de Cumis, feliciter.
† E(ribertus) Cumane sedis episcopus a me facto subscripsi.
Ubertus camerarius interfui atque subscripsi.
† Ego Albizo diaconus de Nessi estimator de ac re subscipsi.
Ego Ioannes presbiter a me subscripsi.
Signum † † manuum Todili et Algisi qui estimatores interfuerunt et ad confirmandum manum posuerunt.
Signum † manus H[ari]berti [V]ic[e]domini, qui hanc comutacionis car(tulam) laudavit et ad confirmandum manum posuit.
Signum † manus Ottonis avocati, qui hanc (m) car(tulam) comutacionis laudavit et interfuit et ad confirmandum manum posuit.
Signum † † manuum Berrtari de Lucino et Guirardi de Vertemate testium.
Signum † † † manuum Lanfranci, filii quondam Algisi, de Cumis, seu Adelardi de Domase atque Attonis testium.
(SN) Ogerius notarius sacri palacii scripsi, postradita c(om)plevi.

(a) Così A, secondo l'uso del notaio (cf. anche il doc. n. 11).
(b) La prima -t- corr. da lettera principiata, come pare.
(c) in add. nell'interlineo.
(d) Segue vineis, erronea anticipazione del successivo, depennato.
(e) In A Donica(m) privo di segno abbreviativo.
(f) Così A.
(g) -b- add. nel sopralineo.
(h) In ipsas -p- corr. da -s- erroneamente anticipata.
(i) eor(um) add. nell'interlineo.
(j) In A suosq(ue) erroneamente ripetuto.
(k) Segue eo depennato.
(l) meliorate add. in interlineo.
(m) h- corr. da a-.

(1) Riguardo al vescovo Eriberto, che resse la cattedra episcopale lariana tra il 1085 e - probabilmente - il 1088: CERUTI, Ariberto vescovo di Como sul finire del secolo XI, pp. 19-28; MONTI, Le carte di San Fedele, p. 106; SAVIO, Gli antichi vescovi, parte II, vol. I, pp. 328-329; TURAZZA, La successione dei vescovi, pp. 85-87; Helvetia sacra, I/6, pp. 106-107, dove viene rilevato che "il suo ritratto manca nella raccolta iconografica del palazzo vescovile", anche se "non si può dire con certezza se sia stato escluso con intenzione dal catalogo dei vescovi"; non risulta infatti del tutto chiara - allo stato attuale degli studi - la sua posizione nella lotta fra imperatore e papa.
(2) Le carte e il breve menzionati non sono stati reperiti.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS