Lombardia Beni Culturali
19

Carta iudicati pro anima

1101 maggio, Buzano.

Bono, figlio del fu Tedemario, del luogo di Buzano, professante legge romana, assegna al monastero di San Faustino, costruito nel castello di Isola, un oliveto sito all'interno di suddetto castello, nel luogo ove dicesi a Fontana; alla chiesa pievana di Sant'Eufemia d'Isola, pure eretta dentro al castello, destina le vigne e gli altri beni che possiede nell'Isola Comacina, nei luoghi detti Ori e Grisbani, presso Surgo; alle sue sorelle Amiza, Nobile e Rigiza destina tutti i terreni arabili e tutti i prati che possiede sul monte dell'Isola da dividere con Rigizo che, tuttavia, dovrà detenere beni per un valore di venti soldi in meno rispetto a quelli delle sorelle; infine concede al monastero di San Benedetto, edificato sul monte d'Isola ove dicesi Alterione, la casa a un piano sita a Fontana e la casa a due piani sita a Buzano, con fienile e corte, nonché i vigneti, gli oliveti e i querceti da lui posseduti in tutta la diocesi, soprattutto in Sorolio e Oxeno, nonché in altri luoghi della diocesi di Como; per tutti i suddetti beni assegnati il suddetto Bono riserva l'usufrutto, finché saranno in vita, per sé e per la moglie Oltruda, a patto che rispetti il suo stato vedovile.

Copia autentica del sec. XIII, BAMi, 1378 [B]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 19, pp. 53-56. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 441v (barrato); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 393v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 2, p. 5v-6r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1378, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1378". B è così autenticato: (SN) Ego Ioh(anne)s iudex antiq(u)am cart(u)lam vidi et legi et sic(ut) in ea co(n)tinebat(ur) ita i(n) isto legit(ur) exe(m)plo, ext(ra) lit(ter)as plus min(us)ve (segue tratto chiudiriga, tracciato dal giudice medesimo). (SN) Ego Allip(ra)nd(us) iudex autenticu(m) hui(us) exe(m)pli vidi et legi et sic in eo continebat(tur) sic(ut) in isto l(egitur) exe(m)plo p(re)t(er) lit(ter)as min(us)ve. (SN) Ego Martin(us) nota(riu)s sac(r)i pal(acii) hoc exe(m)plu(m) ex aute(n)tico exe(m)plavi, vidi et legi et sic(ut) in eo c(on)tinebat(ur) sic et i(n) isto l(egitur) exe(m)plo ext(ra) litt(er)as pl(us) min(us)ve (-teras - min(us)ve nel sottolineo con segno d'inclusione).
Nel verso, segnatura di fase C (su rasura): "V, [..]"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della lampada di Wood. Inoltre: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "19 .MCI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "2*".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 116, p. 191.
Cf. Tabella cronologica, p. 118; GINI, Religiosi in diocesi di Como, p. 173; LONGATTI-XERES, Fondazioni monastiche in diocesi di Como, p. 82; Bustaffa, San Faustino.

La pergamena (mm 281/265 x 206/192 ), in corrispondenza delle antiche piegature presenta lacerazioni, che in prossimità della piegatura mediana verticale sono accompagnate da piccoli fori (alle righe 12 e 19). In particolare, un piccolo rettangolo di carta (mm 41 x 12) fu incollato in epoca imprecisabile al verso del supporto per chiudere i fori alla riga 19.
Nel margine inferiore si rileva la presenza di un grande buco (di circa 60 mm di diametro), dato da difetto di preparazione della membrana.

Anno ab incar(nacione) d(omi)ni nostri Iesu Christi mill(esim)o centesimo primo, m(en)se madii, indic(ione) nona. In egritudine iacente ego Bono, filius quondam Tedemarii, de loco Buzano, qui professus sum ex natione mea lege vivere Romana, presens presentibus dixi: "Vita et mors in manu Dei est: melius est enim homini metu mortis vivere quam, spem vivendi, morte subitanea preveniri. Ideoque manifestum est ut, dum homo in hoc seculo vivit, semper debet coitare et disponere ea que sunt futura ut, dum de (a) hoc seculo tranxierit, non neclegenter dimittat inordinatam suam sustaciam (b), set in bono dispositam (c) dimittat". Ideoque ego qui supra Bono, dum tamen lecto reiaceo, sanam tamen mentem abeo (d) et recte loqui posum, propterea volo ordinare et disponere cocta (e) mea sustantia, tam res mobiles quamque inmobiles et tam quod nunc abeo et de inhic (f) in antea aquistare vel laborare potuero et per designatis locis tam quod abeo, nominative in Buzano et Oxeno atque (g) Serolio seu infra territorio de Insula, et tam in monte quamque in plano, et tam in castro quamque (h) foris, et similiter quod abeo et detineo in Grisbani et in Ori, sita Surgo, et in eorum territoriis vel in aliis singulis locis infra episcopatum Comanum. Eo vero ordine ut, dum mea fuerit vita in hoc seculo et Oltruda uxor mea et lectum meum custodierit, abeamus de suprascriptis omnibus rebus usufructum et censum atque abitationem sive iamdicta mobilia, et faciam exinde quicquid voluerimus pro mercede et remedium anime meę. Petia una de oliveto cum area sua que iacet in castro Insule, ubi dicitur a Fontana, volo et ordino atque iudico a presenti post meum dicessum ad monasterio Sancti Faustini, constructo in castro Insule; omnibus illis rebus, tam vineis quam aliis rebus, quas abeo et detineo in suprascriptis locis Grisbani et Ori atque in eorum territoriis, sit similiter a presenti post meum dicessum de ecclesia et plebe Sancte Eufemie, constrocta (i) in castro Insol¾ similiter, pro mercede et remedium anime meę; denuum namque volo et iudico atque per hanc car(tam) ordinacionis confirmo ut Amiza et Nobile atque Rigiza sorores meę abeant equaliter et similiter cum Rigizone, de loco Buzano; tamen ipse Rigizo abeat minum sol(idos) viginti valente quam sorores meę, et est nominative de coctis illis terris arabilis atque coctis pratis quas habeo et detineo in monte de suprascripto loco Insola, deveniant, sicut supradictum est, a presenti post meum d(e)cessum in suprascriptis sororibus meis et iamdicto Rigizoni, pro anima mea mercede. Iterum volo et iudico atque per hanc car(tam) ordinacionis confirmo ut casa sala da Fontana, cum accessio ibi se abente, et casa solariata da Buzano, cum fenile et curte ante se abente, et vineis et olivetis atque roboretis, cum areis earum quas abere et detinere visus sum in Sorolio et Oxeno et in eorum territoriis atque omnibus aliis rebus, mobilis et inmobilis, quas ab[eo] et p[ossi]deo infra episcopatum Comanum deveniant a presenti die post meum decessum ad ecclesia et monasterio Sancti Benedicti, constructo in monte de Insula, ubi dicitur Alt(er)ione, faciendum exinde, pars ipsius monasterii, quicquid voluerit pro mercede (j) et remedium anime meę, quia sic decrevit esse mea bona voluntas ad iudicatum (k). Actum suprascripto loco Buzano, feliciter.
Signum manibus suprascripti Bononis qui hanc car(tam) ordinacionis ut supra fieri rogavit.
Signum manibus Attonis, Stefani fratrum atque Beniami, viventium (l) lege Romana, testium.
Signum manibus Oberti Balbo et Arialdi da Mole atque Bertari da Torexella testium.
Ego Guido notarius sacri palacii scripsi, post tradita co(m)plevi et dedi.

(a) Segue in cassato mediante sottolineatura.
(b) Così B.
(c) disposita(m) da disponasita(m) con la sillaba -na- cassata mediante sottolineatura.
(d) In B abea.
(e) Così B, qui e in seguito.
(f) Così B.
(g) -t corr. da altra lettera parzialmente erasa, come pare.
(h) Segue et espunto, poiché erroneamente anticipato.
(i) Così B.
(j) -d(e) corr. da lettera principiata, come pare.
(k) Su -a- segno abbr. (tratto orizzontale) parzialmente eraso.
(l) In B vive privo di segno abbreviativo.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS