Lombardia Beni Culturali
20

Carta venditionis

1110 marzo, Teglio.

Guido, figlio del fu Mauro, di Castello dell'Isola Comacina, professante legge romana, dichiara di avere ricevuto da sua moglie Amabile, figlia di Guglielmo, di Tremezzo, centonove soldi d'argento, quale prezzo della vendita di parte di un appezzamento con corte sito in territorio di Lenno, nel luogo ove dicesi Quadrella; viene inoltre stabilito che, se entro due anni dalla morte di detto Guido, detta Amabile riceverà cinque lire di denaro nuovo di Milano, già portate in dote dalla donna, la vendita sia cassata.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1380 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 20, pp. 60-62. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 441v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 393v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 4, cc. 5v-6r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1380, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1380".
Nel verso di B, di epoca medievale: "Cart(ta) Amabil(is)"; inoltre, pure di epoca medievale ma di diversa mano: "De Sorlena", di difficile lettura per la sovrascritta di fase C; pure di epoca medievale è una terza annotazione quasi interamente coperta dalla striscia di rinforzo in carta (riguardo alla quale vide infra): "[.....]qua(m)". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 1"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "20 .MCX."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "4".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 129, p. 195.


La pergamena (mm 200/194 x 174/163 ), nella parte destra, presenta profonde lacerazioni e strappi, nonché un sensibile scurimento del supporto, sì che in numerosi punti la lettura si è resa possibile soltanto grazie all'ausilio della lampada di Wood. Per tale fragilità del supporto, nel verso venne incollato un rettangolo di carta (mm 166 x 62): il che avvenne in tempi imprecisabili, ma prima (o contestualmente) all'intervento del Bonomi che appose il suo numero di segnatura proprio su questa striscia di rinforzo. Si segnala tuttavia l'impossibilità di una lettura integrale tra le righe 4 e 7 a causa di un profondo strappo, e così pure in corrispondenza delle ultime 5 righe di scrittura (tenor additum) ove in numerosi punti l'inchiostro appare completamente caduto.

(SN) Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Christi milleximo centeximo d(e)cimo, m(en)se marcii, indic(ione) t(er)cia. Constat me | Vuido, filius quondam Mauri, de Castello sito Insula, qui professus sum lege vivere Romana, accepisse sicuti et in presencia testium | manifestus sum qui accepi a te Amabilis, filia Vuilielmi, de Tremezo, argen(ti) den(ari)os bonos sol(idos) centum nove monet[e], | finito precio, sicut inter nos convenit, pro mea por(cione) et divisione de petia una de terra, cum c[urte] et [reb]us super abente, iuris | mei quam habere visus sum in territorio de Lenno, et iacet ad locum ubi dicitur Quadrella; coeret ei ad s[upertotum]: a mane Attonis, a meridie | via, a sero Pelegrini sibique alie sunt coerentes. Que autem suprascripta petia de terra iuris mei supradict[……………………,] | seu cum superiore et inferiore cum fine et accessione sua, inintegrum, ab ac die tibi cui supra Amabil[i pro suprascripto] precio vendo, [trado et] | mancipo, nulli alii vendita, donata, alienata, obnoxiata vel tradita nisi tibi, et facias exinde a p[resen]ti die (a) post meum deces[sum] | tu heredesque tui aut cui vos dederitis, iure proprietario nomine, quicquit volueritis, sine omni mea heredumque meorum contradic(ione). Quidem etspondeo | atque promitto me ego q(ui) supra Vuido, una meosque heredes, tibi q(ue) supra Amabilis tuisque heredibus suprascripta vendita, qualiter superius legitur, ab omni homine de|fensare promitto; quid si defendere non potuerimus, aut si contra hanc car(tam) vendic(ioni)s per quodvix ingenium subtrahere quesierimus, tunc in duplum | suprascriptam vendic(ionem) vobis restituamus, sicut pro tempore fuerit meliorata aut valuerit sub estimacione in eodem loco, quia sic inter nos convenit; | et nec m(ih)i liceat ullo tempore nolle quod a me ic semel factum vel conscriptum est, sub iusiurandum inviolabiliter conservare promitto c[um stipulaci]|one subnixa. Actum loco Telli, feliciter. |
Signum † manus suprascripti Vuidonis qui hanc car(tam) vendic(ioni)s ut supra fieri rogavit. |
Signum † † † † manus Ottonis, Onifredi, Anselmi, ********* testium. |
(SN) Ego Ubertus notarius sacri palacii rogatus scripsi, post traditam complevi et dedi. |
Presencia suprascriptorum testium, suprascripta car(ta) vendicionis tali ordine facta est: ut, si evenerit quod suprascripta Amabilis sup(ra)vixerit Vuidonem | virum suum et ipsa requisierit libras quinque Mediolanensium denariorum nove monete, quos ipsa Amabilis suprascripto V[uidoni] | viro suo adduxit quando ipse eam sibi in coniugio copulavit, si infra duos annos vel ad expletos eos […………….] | sibi soluti fuerint, tunc suprascripta car(ta) vendicionis capsata et taliata reddatur, ita ut in se nullum obtineat roborem; et, si so[luti non] | fuerint sicut superius legitur, suprascripta car(ta) in suo maneat robore et suprascripta Amabilis faciat ex rebus que in ipsa car(ta) l(eguntur), secundum ipsam car(tam), quicquid [voluerit].

(a) In A di.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS