Lombardia Beni Culturali
24

Breve recordationis (breve <investiture>)

1117 agosto, Campo d'Isola o Lenno.

Bertari, figlio del fu Olrico, e Atto, figlio del fu Bono, ambedue del luogo di Campo, investono per feudo il chierico Ottone e Arnoldo, figlio del fu Oldefredo, zio e nipote, ambedue del luogo di Turlino, di tutti i loro beni e diritti posseduti nel luogo e fondo di Premisego, sito a Lenno, fatto salvo l'agnello per la Pasqua, e con l'obbligo per gli investiti di offrire un dono per una volta all'anno, qualora richiesto; e detti Bertari e Atto ricevono per l'investitura tre lire di denari d'argento.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1386 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 24, pp. 68-70. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 442r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 394r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 10, cc. 5v-6r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1386, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1386".
Nel verso, annotazione di epoca medievale: "Car(ta) de P(re)mesego facta a B(er)tari d(e) Campo et sotiis"; pure di epoca medievale, ma di diversa mano seriore: ".VIIII.". Forse medievale anche un piccolo segno di doppia barratura, con punto che precede e uno che segue. Inoltre: segnatura di fase C: "I, n. 31"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "24 .MCXVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "10".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 142, p. 199.


La pergamena (mm 190/182 x 160/148) presenta modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, talora accompagnate da lievi macchie e da piccoli fori (alle righe 8-9 e 13), che tuttavia non interessano la scrittura.
Si rileva il carattere ibrido che caratterizza anche questo breve redatto da Uberto: per le sottoscrizioni dei testi, il notaio e causidico utilizza la manufirmatio con reale numero di croci e, simultaneamente, introduce il verbo interfuerunt. A questo proposito e su questo professionista si rimanda alla nota introduttiva al doc. n. 16 e alla bibliografia ivi citata.

(SN) (a) Breve recordationis pro futuri temporis memoria qualiter presentia bonorum hominum, quorum nomina | subter legitur, per lignum et pergamen(am) q(uos) suis tenebat manibus Bertari, fil(ius) quondam (b) Olrici, de loco Campo, et Atto, filius quondam Bono, | de eodem loco Campo, investiverunt Ottonem clericum, de loco Turlino, et Arnoldum, fil(ium) quondam Oldefredi, de eodem Turlino, | barba et nepotem, per feudum, nominative de omnia et ex omnibus quicquid pertinet suprascripto Bertari et Attoni in loco et fundo Premisego, scito | Lenno, per districtam vel parcionem, per arbergaria, usibus, honoribus, condicionibus vel alio quocumque modo omnia et ex omnibus, inintegrum, excepto | agnus de la crisima (1); eo videlicet ordine fecerunt iamdictus Bertari et Atto prenominatam investituram in suprascripto Ottone et Arnoldus, | ita ut ipse Otto et Arnoldus et eorum heredibus, masculi et femine, et cui ipsi dederint, etsi unus ex ipsis mortuus fuerit sine | herede ut alt(er) succedat, ab hac ora in antea habea(n)t et teneant suprascriptas omnes res per feudum, sine contradictione suprascripti Bertari | et Attoni et de eorum heredibus, ita tamen q(uod) unus ex ipsis debet servire suprascriptis Bertari et Attoni semel in anno salutum unum (2), | si ei requisitum fuerit, sine malo ingenio. Insuper promiserunt suprascripti Bertari et Atto q(uod), si unquam in tempore a modo in antea de prenominatis | rebus in suprascripto loco Premisego reiacentibus (c) agerimus aut causaverimus vel si aliqua intencionem co(m)movere presumserimus et si | in predictam investituram, ut superius dictum est, non permanserint, sese composituros res ipsas in simplum et, post penę composicionem, in | omnibus quę superius leg(untu)r permanere. Et, ut hec investitura firma sit et stabilis, acceperunt suprascripti Bertari et Atto a predictis Ottone et Arnoldo | argentum denariorum bonorum libras tres. Factum est hoc ut supra, anno ab incarnatione domini nostri Iesu Christi millex(imo) centex(imo) septimod(e)cimo, | mense augusti, indic(ione) decima.
Signum manibus suprascriptorum Bertari et Attoni qui hoc breve iamdictam investituram faciendo fieri rogavit ut supra (d). |
Signum manibus Arioaldi, Anrici, Lanfranci, Gironi seu Nigrobonus omnes rogati testes interfuerunt. |
(SN) Ego Atto notarius et causidicus sacri palacii hoc breve scripsi et post traditum co(m)plevi et dedi.

(a) Al signum tabellionis segue a, eroneo incipit per a(nno), cassato mediante doppio tratto obliquo.
(b) q- corr. da lettera principiata, come pare.
(c) La prima -i- corr da altra lettera, forse da a erroneamente anticipata.
(d) rogavit ut sup(ra) nel sottolineo con segno d'inclusione.

(1) Per il significato dell'espressione "agnus de la crisima" cf. l'analogo "crismales denarii", ovverosia la "praestatio quae a presbyteris pro Chrismate, quod circa Pascha, ab episcopo accipere solent (...)": DU CANGE, Glossarium, vol. 2, pp. 317-318 (p. 318).
(2) "Salutum" qui utilizzato come sinonimo di "salutaticum" (e di "salus"), con il significato di "ius exigendi salutes sive xenia": DU CANGE, Glossarium, vol. 7, pp. 294-295 (p. 294).

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS