Lombardia Beni Culturali
29

Carta venditionis et obligationi

1142 luglio - ottobre, ***.

Everardo, Sibilia e Tripino, detti de Balbiano, dell'Isola Comacina, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Atto, detto Peregrino e della sopradetta Isola, 25 lire di denari d'argento, quale prezzo della vendita di una vigna sita a Lenno, nel luogo ove dicesi Roncale; contestualmente i suddetti Everardo, Sibilia e Tripino si impegnano a pagare l'accola, gravante sulla detta vigna e da loro dovuta ai vicini di Lenno, impegnando un mulino che detto Atto potrà confiscare per il saldo del pagamento, nel caso in cui i sopraddetti non provvedano secondo le modalità stabilite. Otto, detto Bodusco, e suo nipote Guglielmo sottoscrivono la predetta vendita.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1395 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 30, pp. 84-86. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 444r (barrato); Anonimo cisterciense, Spicileggio, BBMi, Morbio, 30, vol. VII, sub 6, c. 7r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 394v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 19, cc. 7v-8r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1395, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1395".
Nel verso, di epoca medievale, coeva al documento, annotazione di lettura parziale e incerta, anche mediante l'ausilio della lampada di Wood: "Car(ta) He[nrici] sacer[do]tis monachi"; pure di epoca medievale, riferibile alla fase A: "Car(ta) d(e) Roncali facta ab Evurardo". Inoltre: annotazione forse riferibile alla fase B: "Lenno"; segnatura di fase C: "I, n. 4"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "30 .MCXLII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "19".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 167, p. 205.
Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, pp. 137-138, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, pp. 53-54; LUCIONI, Isituzioni monastiche, p. 84.

La pergamena (mm 194/184 x 179/171) presenta estese macchie scure, diffuse soprattutto nella parte sinistra del supporto. Modeste rosicature sono rilevabili nella parte superiore del margine laterale sinistro, con interessamento del dettato tra le righe 5 e 6. Si segnala un piccolo foro, dato da lacerazione, nell'interlineo tra le righe 12 e 13; un altro foro, dato invece da difetto di preparazione della membrana, è visibile tra le righe 8 e 9.
Rigatura a punta secca tracciata al verso.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Il computo indizionale appare scorretto, cadendo il marzo del 1139 nell' indizione seconda e non nella terza, come erroneamente indicato nel documento.

(SN) Anno incarnacionis domini nostri Iesu Christi mill(exi)mo centeximo quadrageximo s(e)c(un)do, m(en)se | iulii, indic(ione) quinta. Constat nos Evurardum et Sibiliam et Tripinum, de loco Insula, qui dic(un)t(ur) de Balbia|no, qui professi sumus lege vivere Romana, accepisse sicuti et in presentia testium manifesti sumus quod | accepimus a te Attone, de predicto loco Insula, et diceris Peregrinus, argentorum denariorum bonorum Mediola|nensium libras viginti et quinque, finito precio, sicut inter nos convenit, pro petia una de vinea, cum area sua, iu|ris nostri, quam habere visi sumus in territorio de Lenno, et iacet ad locum ubi dicitur Roncale; coeret ei: et a sero et a monte via, | a meridie Ugonis et terra Sancti Abondii, omnia et in omnibus, et nobis qui supra Evurardi et Sibilie et Tripini de | predicta petia de vinea pertinentia, inintegrum. Quam autem venditam iuris nostri superius dictam, cum superiore et inferiore seu | cum fine et accessione sua, inintegrum, ab hac die tibi qui supra Attoni per hanc car(tam) et pro suprascripto precio vendimus, tradimus et mancipamus, | ut facias exinde a presenti die tu et cui tu dederis tuisque hered(e)s, proprietarii iuris nomine, quicquid volueritis, sine |omni nostra et heredum nostrorum contradictione. Quidem etspondimus atque promittimus nos qui supra Evurardum et Sibiliam et Tripinum, | una cum nostris heredibus, tibi qui supra Attoni tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascriptam venditam iuris nostri, qualiter | superius legitur, inintegrum, ab omni homine defensare. Q(uod) si defendere non potuerimus, aut si contra hanc car(tu)la(m) vendicionis | agere aut causari presumserimus, tunc in duplum vobis suprascriptam venditam restituamus, sicut pro tempore fuerit meliorata | aut valuerit sub estimacione in consimili loco. Actum loco *******************, feliciter. |
Ibi statim, in presentia infrascriptorum testium et in continenti, convenerunt predicti Everardus et Sibilia e Tripinus (a) | cum predicto Attone quod ipsi Evurardus et Sibilia et Tripinus debent solvere totum aquolum quod debetur vicinis de | predicto loco Lenno de predicta vinea (b). Quod si factum non fuerit, obligaverunt molendinum eorum predicto Attoni, ut tollat tantum | de predicto molendino ut solvat totum aquolum (1) et quod debetur de predicta vinea predictis vicinis, ut supra legitur. |
Signa † † † (ma)nuum suprascriptorum Evurardi et Sibilie et Tripini qui hanc car(tu)la(m) ve(n)dic(ionis) ut supra fieri rogaverunt. |
Signa † † † † (ma)nuum Anselmi et Ugonis et Iohannis et Froglerii seu Litefredi atque Aliprandi, Iohannes Casetus, Caren|zo Compertus, Atto Muleta, Bregundius testium. |
Mense octubris q(ui) in proximo postvenit, in presentia Attonis Muleta et Frolglerii Cagainosa et Ugonis | et Litefredi et Forzani, Otto, qui dicitur Bodusco, et Guilielmus, nepos eius, laudaverunt et firmaverunt predictam vendicionem (c). |
(SN) Ego Aldo iudex et missus domini Lotharii inperatoris scripsi. |
(SN) Ego Guilielmus notarius et iudex sacri palacii hanc car(tam) tradi|di et postea Oldo (d) iudex scripsit.

(a) I tre nomi al nominativo sono corr. da precedente forma all'accusativo, con segni abbreviativi per la nasale depennati e aggiunta, in Evurardu e Tripunu, di -s in sopralineo.
(b) d(e) p(re)dicta vinea add. nell'interlineo, con linea d'inclusione.
(c) In ve(n)dicione(m) -dicione(m) nel sottolineo con segno d'inclusione.
(d) Così A, con variante onomastica rispetto alla precedente sottoscrizione.

(1) Per il regime giuridico dell'accola, cf. la nota 2 del doc. n. 28.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS