Lombardia Beni Culturali
36

Carta venditionis et refutationis

1153 luglio-agosto, Castello dell'Isola Comacina.

Rubeo, figlio del fu Adelardo Rubei, del castello dell'Isola Comacina, e sua moglie Garicia, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Amizo Musa, di Sorlena, dodici soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di un campo e di un bosco, siti sul monte di Lenno, ove dicesi a Cirexa, beni che sono concilivi e che prevedono il pagamento di un'accola alla vicinanza di Lenno, ponendo quale fideiussore Ogerio Brega, con l'impegno da parte di detto Rubeo di fare ratificare detta vendita a sua madre Frabonia (la quale fa refuta nel mese di agosto).

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1407 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 37, cc. 103v-104v. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 445r (con "D" nel margine); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 397v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 31, cc. 8v-9r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1407, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1407".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) aq(ui)sti antiq(u)i (antiq(u)i add. nell'interlineo dalla stessa mano) in monte Lenni facti a Roso d(e) Insula et [..] a Ciresia ( et [..] a Ciresia add. di seguito da diversa mano seriore, pure medievale, come nel doc. successivo)". Inoltre: segnatura di fase C: "I, n. 5"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "37 .MCLIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "31".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 186, p. 210.
Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 136, p. 250.

La pergamena (mm 228/220 x 157/145) in corrispondenza delle antiche piegature presenta sensibili lacerazioni, accompagnate da estese macchie scure e - tra le righe 10 e 11 - pure da un piccolo foro che tuttavia non interessa la scrittura.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Il documento, che coordina due negozi giuridici compiuti ad un mese di distanza, fu redatto in mundum in un'unica fase di stesura e presenta un'unica sottoscrizione di Martino giudice.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) quinquag(esimo) t(er)cio, m(en)se iulii, indic(ione) prima. Constad nos Rubeum, filium quondam Adelardi | Rubei, de castro Insula, et Gariciam, iugales, qui vivimus lege Romana, m(ih)i que supra Garicie suprascripto Rubeo viro meo consenciente, accepis|se sicuti et in presentia testium manifesti sumus quod accepimus a te Amizone Musa, de loco Sorlena, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) solidos | duodecim, finito pretio, sicut inter nos convenit, pro campo et busscho, insimul tenente petia una, quod habere visi sumus in monte de Len|no, ubi dicitur a Cirexa; coheret ei ad supertotum: a mane [O]bizonis de Murofracto, a meridie de maso de Sorlena, a sero emptoris, ab Aquilone via. | Quam autem venditam suprascriptam, una cum omni accessione sua, inintegrum, ab hac die tibi qui supra Amizoni pro suprascripto precio vendimus, tradimus et emancipamus, | ut facias exinde a presenti die et ora tu et heredes tui seu cui vos dederitis de suprascripto campo et busscho, sicut superius legitur, iure concellivo nomine, quic|quid volueritis, faciendum aculum vicinantie (1), sine omni nostra et heredum nostrorum contradic(ione). Quidem etspondemus atque promittimus nos qui supra Ru|beus et Garitia iugales, una cum nostris heredibus, tibi qui supra Amizoni tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascriptam venditam, sicut superius legitur, defendere | et guarentare omni tempore ab omni homine. Quod si defendere non potuerimus aut si contra hanc cartam vendic(ionis) per quodvis ingenium agere vel | causari presumpserimus, tunc in duplum vobis suprascriptam venditam restituamus, sicut pro tempore valuerit sub estimatione in consimili loco, quia sic inter nos convenit. Actum castro Insula (a). |
Signum † † manuum suprascriptorum iugalium qui hanc cartam vendic(ionis) ut supra fieri rogaverunt. |
Signum † † manuum Guifredi et Crexentii et Iohannis et Anrici seu Ogerii testium. |
Insuper ibi statim dedit guadiam ipse Rubeus eidem Amizoni quod faciet firmare Fraboniam matrem suam hanc vendic(ionem) quando | requisierit, et exinde posuit fideiussorem Ogerium Bregam, de suprascripto castro Insula, in penam dupli. |
In sequenti mense, idest agusto, de eadem indic(ione), fec(i)t finem et refutationem seu promissionem suprascripta Frabonia, mater ipsius (b) Rubei, in suprascriptum | Amizone (c), de Sorlena, nominative de suprascripto campo et bussco, sicut superius legitur, inintegrum, in penam solidorum centum den(ariorum) Mediol(anensium); et promisit se semper | habituram ratam et firmam suprascriptam vendic(ionem). Testes Arnaldus et Iohannes et Rubeus. |
(S) Ego Martinus iudex ac missus domni primi Frederici regis scripsi, post traditas co(m)plevi et dedi.

(a) int(er) - I(n)sula add. nel sottolineo con linea d'inclusione.
(b) In A ip(us).
(c ) Così A.

(1) Per il regime giuridico dell'accola, cf. la nota 2 del doc. n. 28.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS