Lombardia Beni Culturali
37

Carta venditionis

1154 gennaio, Castello dell'Isola Comacina.

Il notaio Guglielmo, figlio del fu Ogerio, del luogo di Balbiano, e sua moglie Belintropo, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Amizo, figlio del fu Giovanni, detto Musa, di Sorlena nel luogo di Lenno, otto soldi e mezzo di denari d'argento, quale prezzo della vendita di un appezzamento sito sul monte di Lenno, nel luogo ove dicesi a Ceresa.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1408 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 39, cc. 105r-106r. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 445r (con "F" nel margine); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 397v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 32, cc. 8v-9r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1408, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1408".
Nel verso, di epoca medievale, coeva alla redazione del documento, come pare: "Amizo(n)is"; pure di epoca medievale, riferibile alla fase A: "Cart(ta) aq(ui)sti in monte Lenni facti | a Guilielmo iudice et d(icitu)r a Ciresia" (et d(icitu)r a Ciresia add. da diversa mano seriore, pure medievale, come nel doc. precedente). Inoltre: segnatura di fase C: "I, n. 6"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "39 .MCLIV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "32".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 187, p. 211.


La pergamena (mm 192/189 x 169/163) presenta alcune modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, accompagnate da piccoli fori alla riga 8 e tra le righe 11-12 e 14-15, nonché lievi macchie sparse.

(SN) Anno ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi mill(esimo) cent(esimo) quinquag(esimo) quarto, mense | ianuarii, indic(ione) s(e)c(un)da. Constat nos Guilielmum iudicem, filium quondam Ogerii, de loco Balbiani, necnon | et Belintropum, iugal(es), qui vivimus lege Romana, suprascripto Guilielmo iugale meo m(ih)i consen|ciente, accepisse sicuti et in presentia testium manifestum est nobis quod accepimus a te A|mizone, filio quondam Io(han)nis, qui vocabatur Musa, de Villa Sorlena sita Lenno, argenti denariorum bo|norum sol(idos) octo et dimidum, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro pecia una de terra quam | habere visi sumus in monte de Lenno, ubi dicitur a Ceresa; coeret ei: a mane via, a meridie terra de Sor|lena, a sera et ab aquilone buscum comune. Quam autem peciam de terra suprascriptam, una cum omni | sua accessione, inintegrum, ab hac die tibi cui supra Amizoni pro suprascripto precio vendimus, tradimus et mancipamus (a), | ut facias exinde a presenti die tu et heredes tui seu cui vos dederitis quicquid volueritis, sine nostra | heredumque nostrorum contradictione. Quidem etspondemus atque promittimus nos qui supra iugales, una (b) | cum nostris heredibus, tibi cui supra Amizoni tuisque heredibus seu (c) cui vos dederitis suprascriptam peciam terre, | qualiter superius legitur, inintegrum, ab omni homine defensare. Q(uo)d si defendere non potuerimus aut si con|tra hanc car(tam) vendicionis (d) agere aut causari presumserimus, tunc in duplum vobis suprascriptam terram restituamus, | sicut pro tempore valuerit sub exstimac(ione) in consimili loco, quia sic inter nos convenit. Actum castro Insula (e). |
Signa † † manuum suprascriptorum Guilielmi et Belintropi iugalium qui hanc car(tam) fieri roga|vit (f) ut supra. |
Signa † † † † † manuum Guidonis et Vitalis et Boni et Gueberici (g) et Ottonis et Alberti testium. |
(SN) Ego Guilielmus notarius et iudex interfui et vendidi et hanc car(tam) scripsi.

(a) In A manci.
(b) Su -a segno abbr. (tratto orizzontale per la nasale) privo di significato.
(c) In seu, -u add. nel sopralineo.
(d) In A vndic(ionis).
(e) I(n)sula nel sottolineo con linea d'inclusione.
(f) Così A.
(g) Non è esclusa la lettura Guiberici.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS