Lombardia Beni Culturali
40

Carta finis

1154 febbraio, Castello dell'Isola Comacina.

Giovanni, detto Canis, e Ospinello, con il consenso di Cavalcabove, tutti fratelli del Castello d'Isola Comacina, fanno refuta nelle mani di Anselmo, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, sito in pieve di Lenno, di ogni fitto di biada e di tutti gli oneri a loro spettanti nel manso di Magalino, pure sito in pieve di Lenno, ricevendo venticinque lire di denari di Milano, che furono donate da Atto Peregrino per acquistare il suddetto bene; e i sopracitati fratelli si impegnano a pagare cinquanta lire di Milano nel caso in cui contravvengano alla promessa di non avanzare alcuna pretesa su detti beni e diritti.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1411 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 41, cc. 106v-107v. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 445v (barrato); Anonimo cisterciense, Spicileggio, BBMi, Morbio, 30, vol. VII, sub 6, c. 8v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 397v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 35, cc. 8v-9r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1411, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1411".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) d(e) maso d(e) Magalino facta finis ab Ioh(ann)e Cane et fr(atr)ibus suis". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 6"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "41.MCLIV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "35".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 189, p. 211.
Cf. RUSCA, Descrittione del monasterio, p. 1; GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 139, p. 145, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 54, p. 59 (ma in data febbraio 11).

La pergamena (mm 243/241 x 140/138) si presenta complessivamenta in buono stato di conservazione, nonostante alcune lievi lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature.

(S) Anno dominice incar(nationis) (a) mill(esimo) cent(esimo) quinquag(esimo) quarto, m(en)se februarii, indic(ione) s(e)c(un)da. Presentia bonorum hominum quorum (b) nomina | subter l(eguntur), Iohannes, qui d(icitu)r Canis, et Ospinellus, germanus eius, et per parabolam Cavalcabovis, germani eorum, de Castro Insula, finem et refuta|tionem fecerunt seu in suum locum posuerunt domnum Anselmum, venerabilem abbatem monasterii Sancte Marie Aquefrigide, siti | infra plebe de Lenno, ad partem ipsius (c) monasterii, nominative de omni ficto de blava et de omnibus illis rationibus sive conditionibus quod eis | pertinet (d) in maso (e) de Magalino, sito in suprascripta plebe de Lenno, et pro quanto eis pertinet in suprascripto maso, ex eorum parte vel ex parte quondam Attonis | Peregrini vel aliu(m)de, omnia et ex omnibus, inintegrum, eo tenore sicut hic subter legitur: ita ut a modo in antea ullo unquam in tempore non sit illis qui supra Iohanni et | Cavalcabovi et Ospinello germanis nec suis heredibus nec eorum summissis personis per ullum vis, ingenium, licentia nec potestas agendi vel | causandi placitum aut aliquam intentionem comovendi contra suprascriptum domnum Anselmum abbatem nec contra suos successores nec contra | cui dederint, ad utilitatem suprascripti monasterii, de suprascriptis rebus, sicut superius legitur, sed exinde omni tempore, cum suis heredibus, taciti et contenti esse et perma|nere debeant. Quod si a modo in antea exinde aliquo tempore egerint aut causaverint et co(n) suis heredibus taciti et contenti non permanserint, | tunc componere debeant pene nomine arg(enti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) libras quinquaginta, et insuper taciti et contenti esse et permanere debeant. | Et proinde acceperunt ipsi germani ab eodem domno Anselmo abbate, ex parte suprascripti monasterii, arg(e)n(ti) den(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) libras viginti et | quinque, quos suprascriptus quondam Atto Peregrinus donavit eiusdem (f) ecclesie Sancte Marie pro tenuda emenda, quia sic inter eos convenit. Actum in suprascripto castro (g). |
Signum † † manuum suprascriptorum germanorum qui hanc car(tam) finis ut supra fieri rogaverunt. |
Signum † † † manuum Iohannis Fulli et Attonis Peregrini seu Guifredi de Castello testium. |
(S) Ego Martinus iudex ac missus domni primi Frederici regis scripsi post traditam atque co(m)plevi.

(a) A ripete erroneamente incar(nationis).
(b) In A quo.
(c) In A ip(us).
(d) p- corr. da lettera principiata, come pare.
(e) Così A, qui e in seguito.
(f) Così A.
(g) -stro nel sottolineo con linea d'inclusione.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS