Lombardia Beni Culturali
42

Carta venditionis

1157 ottobre, Castello dell'Isola Comacina.

I fratelli Otto, Vitale ed Anrico, del luogo di Magisio e del castello dell'Isola Comacina, tutti professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Arialdo, loro fratello, quattro soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di case e terre site in Plazola e in Vignola, nel luogo ove dicesi Pissino.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1413 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 43, cc. 108r-v. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 445v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 398r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 37, cc. 9v-10r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1413, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1413".
Nel verso, di epoca medievale: "Plazola" (coevo al doc.); pure medievale: "Vinea d(e) Alba(n)na". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 17"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "43 .MCLVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "37".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 193, p. 212.


La pergamena (mm 170/160 x 177/171) presenta modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature (con un piccolo strappo alle righe 9-10 e 12) e alcune macchie, localizzate soprattutto nella parte centrale del supporto.
Rigatura a punta secca.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Indizione settembrina.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) quinquag(esimo) septimo, m(en)se hoctu(m)b(ris) (a), indic(ione) sex|sta. Constad nos Otto et Vitalis et Anrico, iermanis, de loco Magisio et de ca|stro Insule, qui vivimus lege Romana, accepissemus sicuti et in presentia testium | manifesti sumus quod accepimus a te Arialdo, iermano nostro, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Medio|l(anensium) solidos quatuor, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro omnibus univer|sis casis et rebus teritoriis illis iuris nostro reiacente (b) locus qui dicitur in Plazola et in Vi|gnola, sito Pissino. Quam (c) autem suprascriptam venditam, cum superiore et inferiore seu cum fine et ac|cessione sua, inintegrum, ab hac die tibi qui supra Arialdo iermano (d) nostro pro suprascripto precio vendimus, tra|dimus et emancipamus, ut facias exinde a presenti die et ora tu et heredes tui seu cui vos | dederitis suprascriptam venditam, sicut superius legitur, iure proprietario nomine, quicquid volueritis, si|ne omni nostra et heredum nostrorum contradic(ione). Equidem etspondemus nos (e) atque promittimus nos (f) qui supra | venditoribus, una cum nostris heredibus, tibi qui supra Arialdo tuisque heredibus seu cui vos dederitis | suprascriptam venditam, sicut superius legitur, defendere et guarentare omni tempore ab omni homine. Quod si de|fendere non potuerimus aut si contra anc (g) car(tam) vendicionis per quodvis ingenium agere vel | causari presumpserimus, tunc in duplum tibi suprascriptam venditam restituamus, sicut pro tempore valuerit | sub estimatione in consimili loco, quia sic inter nos convenit. Actum in castro In|sula. |
Signa † manum † suprascriptorum venditorum qui hanc car(tam) vendic(ionis) ut supra fieri rogaverunt. |
Signa † manum † Adami et Iohannis testium. |
(S) Ego Petrus iudex ac regis missus, scriptor huius (h) car(te) ve(n)dic(ionis), post traditam co(m)|plevi et dedi.

(a) Così A.
(b) Così A.
(c) -a corr da -e.
(d) In A iemano.
(e) Segue q, probabile erronea anticipazione del successivo qui supra, che non viene cassata.
(f) In A no.
(g) anc corr. da altro gruppo di lettere non perspicue.
(h) In A h(us).

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS