Lombardia Beni Culturali
47

Breve investiture

1164 agosto 15, Castello dell'Isola Comacina.

Amizo detto Musa, Ambrogio detto de Canova, Frogerio detto Mulinarius, Amizo detto Cortexius, tutti decani di Lenno e agenti per conto di quel comune, investono, per cinque soldi di denari d'argento di Milano, Azone, priore del monastero di San Benedetto di Ultirone, e Pietro, monaco del medesimo monastero, di un appezzamento sito sul monte di Lenno, ove dicesi ad Merlum, che è terra conciliva del comune di Lenno, con l'impegno del pagamento annuo e detto comune del fitto di una mina di vino, da consegnare alle calende di maggio.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1415 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 48, cc. 112v-113r. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 446r (barrato); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 399v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 38, cc. 9v-10r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1415, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 218 (alla voce "Monastero di San Benedetto").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1415".

Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 200, p. 214.
Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 137, p. 250; Tabella cronologica, p. 118 (da Bonomi).

Il documento è vergato sulla stessa membrana che conserva il breve qui edito al numero 46, al quale si rimanda per la descrizione dello stato di conservazione e per la trascrizione delle note dorsali.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni (l'impossibilità di contare i testi, in presenza di possibili soprannomi, ha indotto a cautela: i nomi sono posti in successione senza segni di interpunzione, laddove il loro inserimento avrebbe condotto a esiti di arbitrarietà).

(S) Anno dominice incar(nationis) milleximo centesimo (a) sexagesimo quarto, medio mense augusti, indic(ione) duodecima. Investiverunt | Amizo qui dicitur Musa et Ambrosius qui dicitur de Canova, Frogerius qui dicitur Mulinarius, Amizo qui dicitur Cortexius, dec[ani] de Lenno, ex | parte suprascripti comunis, dominum Azonem, Dei gratia priorem monasterii Sancti Benedicti de Ultirono, et dominum Pet[rum], eiusdem monasterii | monachum, ad partem iamdicti monasterii, nominative de petia una terre iacente in monte Lenni, ubi dicitur ad M[er]lum, [et] que | petia terre erat conciliva comunis de Lenno, sicut omnes confitebantur, et ita fecerunt suprascriptam investituram ut [est usus] ipsius terre tali ord[i]|ne quod oficiales ipsius monasterii, qui modo sunt vel pro tempore erunt, teneant ipsam terram et de ea utantur sicut est usus ipsius terre de Lenno, | ad partem suprascripti monasterii, unde persolvere debeant fictum per annum in kalendis madii suprascipto comuni de Lenno de vi[no] minam | unam, sine fraude. Et pro hac investitura acceperunt suprascripti decani a suprascriptis Azone et Petro, ex parte suprascripti monasterii, arg(e)n(ti) d[enariorum] | bon(orum) Mediol(anensium), ad ipsius comunis de Lenno partem, solidos quinque, quia sic inter eos convenit. Actum in castro Insule. |
Signum † † manuum suprascriptorum decanorum qui hoc breve fieri rogaverunt ut supra. |
Signum † † manuum Stephani de Salice, Botati Suzonis et (b) Frogerii, Tedaldi Caldelarii Montenarii testium. |
(S) Ego Rogerius iudex ac regis missus hoc breve tradidi et scripsi.

(a) centesimo corr. da centesino, con -m- dalla fusione di n con o, e aggiunta di una seconda -o.
(b) et corr. da s, come pare.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS