Lombardia Beni Culturali
49

Carta venditionis

1165 marzo 10, Castello dell'Isola Comacina.

Girardo, figlio del fu Bertramo Oclazo, di Mola, con il consenso di suo fratello Mazio, ambedue professanti legge romana, dichiara di avere ricevuto da Forzano Peregrino quattro lire e cinque soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di una terra, compreso il concilivo, sita a Lenno, ove dicesi in Rudelli, nei pressi del monastero di Acquafredda, ponendo quali fideiussori Nicoleto da Nobiallo e Madio, altro fratello di Girardo, affinché difendano detta terra nel caso in cui detto venditore non ne sia in grado.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1418 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 50, cc. 114r-115r. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 446r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 399v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 41, cc. 9v-10r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1418, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1418".
Nel verso, di epoca medievale: "Car(tu)l(a)m Forzani" (coeva al doc. o di poco seriore); questa annotazione è integrata dalla fase A: "d(e) t(er)ra d(e) Rodelli". Inoltre: annotazione, forse di fase B (o comunque ad essa coeva): "De Rovelio"; segnatura di fase C: "I, n. 8"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "50 .MCLXV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "44".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 203, p. 215.


La pergamena (mm 177/172 x 213/206), accanto sporadiche macchie sparse, in corrispondenza della riga 7 presenta una estesa macchia che interessa in modo sensibile la scrittura (sì che la lettura del dettato è stata possibile solo con l'ausilio della lampada di Wood).
Tracce di rigatura a punta secca, anche con linea verticale a destra delimitante lo specchio di scrittura.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(SN) Anno d(o)m(in)ice incar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) sexag(esimo) q(ui)nto, decimo die int(ra)nte mense marcii, indic(ione) t(er)ci|adecima. Constat me Girardum, filium quondam Bertrami Oclazo, de Mole, per parabolam Ma|zii, germani meo, qui vivimus lege Romana, accepisse sicuti et in presentia testium manife|stus sum quod accepi a te Forzano Peregrino arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) libras quatuor et soli|dos quinque, finito pretio, sicut inter nos convenit, nominative de omni illo territorio et concellivo quod | m(ih)i pertinet in loco et fundo Rudellii, sito monasterio de Aquafrigida, sito Lenno. Quem autem | suprascriptam terram, cum superiore et inferiore seu confine at accessione sua desuper, iuris nostri, inintegrum, ab | hac die tibi qui supra Forzano pro suprascripto precio vendo et trado et emancipo, ut facias exinde a presenti | die et ora tu et heredes tui seu cui vos dederitis suprascriptam terram, sicut superius legitur, iure propieta|rio nomine, quicquid volueritis, sine omni mea et heredum meorum contradic(ione). Equidem etspondeo | atque promitto ego qui supra Girardo, una cum meis heredibus, tibi qui supra Forzano tuisque heredi|bus (a) seu cui vos dederitis suprascriptam terram, sicut superius legitur, defendere et guarentare omni tempore | ab omni homine et ab omnibus meis germanis. Quod si defendere non potuero aut si contra | hanc car(tam) ve(n)dic(ionis) per quodvis ingenium agere vel causari presumpserimus, tunc in duplum vobis | suprascriptam terram (b) restituamus, sicut pro tempore valuerit sub estimatione in consimili loco, | quia sic inter nos convenit. Actum est in castro Insula. Insuper convenerunt quod suprascriptus Girardus dedit guadiam suprascripto Forzano et posuit ei fidei iussores Nicoletum da No|biallo et Madium, fratrem suprascripti Girardi, hoc modo: si suprasciptus Girardus non potuerit defendere | suprascriptam terram, sicut superius legitur, tunc ipsi Nicola et Madius debent esse defenditores suprascriptam terram pe|na dupli, sic enim convenerunt. |
Signum † manuum † suprascriptorum Girardi et Madii et Nicolai qui hanc car(tam) vendic(ionis) fieri ro|gaverunt, et ipse Mazo consensit et parabolam dedit ut supra. |
Signum † manuum † Brente et Negronis et Martini testium. |
(SN) Ego Petrus notarius et iudex ac regis missus qui hanc car(tam) scripsi et post traditam co(m)plevi et dedi.

(a) In A hrdib privo di segno abbreviativo.
(b) In t(er)ram -am corr. da altra lettera, come pare.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS