Lombardia Beni Culturali
50

Carta venditionis

1165 aprile, Castello dell'Isola Comacina.

Zannibuono di Garzola, decano di Ossuccio, di Spuriano e di Balbiano, con il consenso dei vicini di quel consiglio, ovverosia Zobia, figlio del fu Lanfranco giudice, il quale agisce anche a nome di suo fratello Boso e di suo nipote Giovanni, Rogerio detto Guallera, Goffredo di Perlana, Amizo di Paola, Adamo Calvo, Guido Rubeo, Guiberto di Garzola, Maifredo di Campolongo, Mauro di Stabio, tutti professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Rolando Garipulo, di Spurano, e da Isolano detto Rumeto, pure di Spurano, venti soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di un prato sito sul monte di Ossuccio, ove dicesi Capramorta, posto al di sopra della località Pissapauco.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1419 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 51, cc. 115r-116r. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 446r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 399v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 42, cc. 9v-10r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1419, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1419".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) aq(ui)sti in monte Usutii facta a co(mun)i (c- nel sopralineo a correggere lettera non perspicua sulla riga, forse v) d(e) Usutio et d(icitu)r Cap(r)a[morta]". Pure di epoca medievale, ma di diversa mano: "Sup(ra) Pisapoco". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 18"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "51 .MCLXV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "42".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 204, p. 215.
Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 127, p. 249; BELLONI, Il San Benedetto, p. 8.

La pergamena (mm 143/134 x 206) presenta macchie e punti di abrasione accidentale dell'inchiostro, che talora interessano in modo sensibile il dettato (così in corrispondenza delle righe 16-17, 22-23 e 26). Si rilevano anche lacerazioni non trascurabili in corrispondenza delle antiche piegature.
Tracce di rigatura a punta secca, anche con linea verticale a destra delimitante lo specchio di scrittura.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) sexag(esimo) q(ui)nto, m(en)se ap(ri)lis, indic(ione) t(er)ciad(e)cima. | Constat nos Zanebonum, de Garzola, deganum de Usuzo et de Spuriano et de Bal|biani, per concordiam aliorum meorum vicinorum de ipso concillio, et Zobiam, fil(ium) quondam Lanfranci | iudicis, pro me et pro fratre meo Boso et pro Iohanne nepoti meo et Roierium, qui dicitur Guallera, | et Goffredum de Perlana et Amicum de Paule et Adam Calvo et Guidum Rubeum et Guibertum de Gar|zola et Maifredum de Campolongo et Maurum de Stabio, qui vivimus lege Romana, m(ih)i | qui supra Zanebono, suprascriptorum vicinorum meorum consentiente, accepissemus sicuti et in presentia (a) testium | manifesti sumus quod accepimus a vos Rolando Garipulo, de Spurano, et Insulano, qui di(citu)r | Rumeto, de ipso loco Spurano, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) solidos viginti, quos fuerunt dati | ad dispendium batalie iudicate, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro petia una | de prato iuris suprascriptorum vicinorum de Usuzo et de Spuriano et de Balbiani (b) et nostri iuris, et reiacet in monte nostro de Usuzo, | ad locum ubi dicitur Capramorta, supra Pissapauco: a mane tuo qui supra Rolando, a meridie via, a ser(a) | Sancti Benedicti, ab Aquilone suprascripte comunantie de Usuzo. Quem autem suprascriptum pratum, cum superiore et in|feriore seu co(n)fine et accessione sua desuper, iuris suprascriptorum vicinorum, inintegrum, ab hac die vo|bis quorum supra Rolando et Insulano pro suprascripto precio vendimus, tradimus et emancipamus, ut fa|ciatis exinde a presenti die et ora vos et heredes vestri seu cui vos dederitis suprascriptum pratum, | sicut superius legitur, iure proprietario nomine, quicquid volueritis, sine omni nostra et heredum nostrorum contradic(ione). Equi|dem etspondemus atque promittimus nos qui supra venditoribus, una cum nostris heredibus, vobis (c) quorum | supra Rolando et Insulano vestrisque heredibus seu cui vos dederitis suprascriptum pratum, sicut superius legitur, | defendere et guarentare omni tempore ab omni homine. Quod si defendere non potuerimus aut si contra hanc | car(tam) vendic(ionis) per quodvis ingenium agere vel causari presumpserimus, tunc in duplum vobis suprascriptum pratum | restituamus, sicut pro tempore valuerit sub estimacione in consimili loco, quia sic [inter nos] | convenit. Actum est in castro Insula. |
Signum † manuum † suprascriptorum venditorum qui hanc car(tam) vendic(ionis) fieri rogaverunt ut supra. |
Signum † manuum † Guidradi et Petri et Adam testium. |
(SN) Ego Petrus notarius et iudex ac regis missus qui hanc cartam scripsi et post traditam co(m)p[levi et de]di.

(a) In A p(re)senti.
(b) d(e) Usuzo et d(e) S(puriano) et d(e) add. nel sopralineo con punto d'inclusione, allorché era già stato vergato et nostri iuris Balbiani (si riposiziona ques'ultimo termine in relazione alla volontà manifestata nella correzione).
(c) v- corr. da altra lettera, forse o-.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS