Lombardia Beni Culturali
52

Carta venditionis

1167 maggio, Castello dell'Isola Comacina.

Marco di Santa Maria, del castello dell'Isola Comacina, e Lanfranco, padre e figlio, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Desaxio, figlio di Guifredo Protto, pure del castello dell'Isola, otto soldi di denaro d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di un appezzamento con alberi sito sopra Ossuccio, nel luogo ove dicesi Cumgnago.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1421 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 53, cc. 117r-118r. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 446r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 400r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 44, cc. 10v-11r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1421, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1421".
Nel verso, di epoca medievale, forse del sec. XIII: "Car(tu)lam D(e)saxii"; pure di epoca medievale (coeva?), ma di diversa mano, "Car(ta) Cumiago". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 19"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "53 .MCLXVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "44".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 207, p. 216.


La pergamena (mm 171/166 x 131/130) presenta modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature e lievi macchie sparse.
Tracce di rigatura a punta secca.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) sexag(esimo) septimo, m(en)se madii, indic(ione) q(ui)ntadecima. Constat nos | Marcum de Sancta Maria, de castro Insula, et Lanfrancum, patrem et filium, qui vivimus lege Romana, m(ih)i | qui supra Lanfranco (a) suprascripto Marco patri meo consentiente, accepissemus sicuti et in presentia testium manifesti | sumus quod accepimus a te Desaxio, filio Guifredi Protto, de ipso castro Insula, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) solidos | octo, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative de petia una de terra iuris nostri et reiacet ad locum | qui dictur Cumgnago (b), sito supra Usuzo, coheret ei: a mane concellivo, a meridie via, a ser(o) Sancti Benedicti, a monte | saxo. Qu¾m autem suprascriptam petiam de terra, cum superiore et inferiore seu co(n)fine et accessione sua desuper, iuris nostri, inintegrum, | ab hac die tibi qui supra Desaxio pro suprascripto precio vendimus, tradimus et emancipamus, ut facias exinde a presenti die | et ora tu et heredes tui seu cui vos dederitis suprascriptam petiam de terra, sicut superius legitur, iure proprietario nomine, quicquid vo|lueritis, sine omni nostra et heredum nostrorum contradic(ione). Equidem etspondemus atque promittimus nos qui supra venditoribus, | una cum nostris heredibus, tibi qui supra Desaxio tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascriptam terram (c), sicut superius legitur, defen|dere et guarentare omni tempore ab omni homine. Quod si defendere non potuerimus aut si contra hanc car(tu)lam ve(n)dic(ionis) | per quodvis ingenium agere vel causari presumpserimus, tunc in duplum vobis suprascriptam petiam de terra, et cum arboris | super se abente, restituamus, sicut pro tempore valuerit sub estimatione in consimili loco, quia sic inter | nos convenit. Actum est in castro Insula. |
Signum † manuum † suprascriptorum venditorum qui hanc cartam ve(n)dic(ionis) fieri rogaverunt ut supra. |
Signum † manuum † Gualetta et Vitalis testium. |
(SN) Ego Petrus notarius et iudex ac regis missus qui hanc car(tam) scripsi et post traditam co(m)plevi et dedi.

(a) La(n)fra(n)co da La(n)fra(n)c(us), con segno abbr. per -us parzialmente eraso e aggiunta di -o.
(b) La prima -g- corr. da altra lettera, probabilmente da r, come pare.
(c) In A s(upra)s(crip)ta t(er)ra.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS