Lombardia Beni Culturali
54

Carta venditionis

1168 marzo 22, Tremezzo.

Arnaldo prestinario, di Tremezzo, e sua moglie Colloria, figlia del fu Fradenzone Fullonis, di Campo dell'Isola Comacina, professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Arnaldo, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, dieci soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di un appezzamento, di proprietà per via ereditaria di detta Colloria, che è sito ove nasce la sorgente di Acquafredda.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1424 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 55, cc. 119r-120r. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 446v (barrato e in data 10 marzo); Anonimo cisterciense, Spicileggio, BBMi, Morbio, 30, vol. VII, sub 6, c. 9v (in data 10 marzo); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 400r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 27, cc. 10r-11v; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1424, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1424".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "[Carta venditionis facta ab] Arioldo? prestinario | [monasterio A]quefrigide". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 11"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "55. MCLXVIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "47".
Regesto: MONNERET DE VILLARD, L'Isola Comacina, n. 209, p. 216.


La pergamena (mm 144/116 x 177/169) si presenta mutila nella parte sinistra e in prossimità dell'attuale estremo sinistro, per tutta la lunghezza, si riscontrano strappi, dilavatura dell'inchiostro e scurimento del supporto (determinati da bruciatura, come pare, analogamente al doc. n. 55). Si rilevano inoltre sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, talora accompagnate da macchie.
Rigatura a punta secca.
Il riconoscimento certo del notaio, nella persona di Pietro, notarius et iudex ac regis missus, è avvenuto tramite l'identificazione della mano (mediante riscontro paleografico), nonché attraverso il confronto degli usi linguistici e della prassi formulare del professionista (cf. i docc. editi in questo corpus documentario al n. 42, n. 48, n. 49, n. 50, n. 52).

[(SN) Anno dominice i]ncar(nacionis) mill(esim)o cent(esimo) sexag(esimo) octavo, d(e)cimo die exeunte (a) m(en)se marcii, indic(ione) prima. Constat nos | [Arnaldum prestina]rium, de loco Tremedio, et Colloriam, iugal(e)s, filia quondam Fradenzonis Fullonis, de Campo sito Insula Cu|[mana, qui vivimus lege R]omana, m(ih)i que supra (b) Collorie suprascripto Arnaldo viro meo c(on)sentiente et subter c(on)firmante, accepisse | [sicut et in presentia testium ma]nifesti sumus quod accepimus a de domno Arnaldo, abbate monasterii Sancte Marie Aquafrigi|[de, ad partem suprascripti monaste]rii, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anense)s solidos d(e)cem, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative | [pro petia una] de terra, quem m(ihi) suprascripte Collorie pertinet ex parte patris vel matris sive utriusque, silicet (c) | […………………] pertinet in suprascripta (d) petia terre vel per successio(n)e(m) emendi (e) alias partes vel alio modo, iuris nostri, | [……………… est u]bi nasitur suprascriptus fons Aquefrigide; coheret ei: a mane suprascripti monasterii, a meridie ex parte via | [ex parte …………, a] ser(o) via, a monte suprascripti monasterii. Que autem suprascripta omnia, inintegrum, sicut superius legitur, cum omni accessione | [……... Ar]naldo, abbate suprascripti monasterii, ad partem ipsius monasterii, vendimus, tradimus et emanci|[pamus, ut faciatis] tu et successores tui, ad partem ipsius monasterii, et cui vos dederitis quicquid vobis placueri|[t ……, sine omn]i nostra et heredum nostrorum contradic(ione) (f). Equidem spondimus atque promittimus nos qui supra iugal(e)s, una cum | [nostris successoribus, tibi Ar]naldo abbati tuisque successoribus aut cui pars ipsius monasterii dederit ab omni homine de|[fensare cum omni d]ispendio. Quod si defendere non potuerimus aut si contra hanc car(tu)lam vendic(ionis) per quodvis | [ingenio agere vel ca]usari presumpserimus, tunc in duplum vobis suprascripta vendita restituemus (g), sicut pro tempore valu|[erit sub estimacio]ne in consimili loco, quia sic inter nos convenit. Actum in loco Tremedio. Insuper suprascriptus [Arnaldus ……, per par]avolam suprascripte Collorie uxoris sue, iuravit ad sancta Dei Evangelia suprascriptam vendic(ionem) omni tempore | [ratam et firmam tenere]. |
[Signum † † manuum] suprascriptorum iugalium qui hanc car(tam) vendic(ionis) ut supra fieri rogaverunt. |
[Signum † † manuum] Martini et Gualderici testium rogati. |
[(SN) Petrus n]otarius et iudex ac regis missus (h) qui hanc cartam scripsi et post traditam co(m)plevi et dedi.

(a) exeute, privo di segno abbreviativo.
(b) Segue rasura per lo spazio di due lettere.
(c) -l- corr. da -c-, erroneamente anticipata.
(d) In A s(upra)s(crip)ta(m).
(e) In emendi -m- su rasura, come pare.
(f) -i- corr. da -c-, erroneamente anticipata.
(g) Così A.
(h) In A miss(us) erroneamente ripetuto.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS