Lombardia Beni Culturali
60

Carta venditionis

1172 novembre, Como.

Carnevario de Torlino, professante legge romana, dichiara di avere ricevuto da Pietro, abate della chiesa e monastero di Santa Maria di Acquafredda, fondata in pieve di Lenno, quindici lire di denari nuovi d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di un appezzamento sito a Coronbaria, sul monte di Calnelva, nonché del diritto di pascolo goduto da detto venditore sul sopracitato monte.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1434 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 62, pp. 136-137. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 401r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 56, cc. 11v-12r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1434, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi, BAMi, K 212 suss, p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1434".
Nel verso, di mano del rogatario, annotazione accompagnata dal disegno di una figuretta mostruosa di testa umana barbata, con copricapo a punta: "Car(tu)l(a) eccl(es)ie S(an)c(t)e Marie d(e) Aquafrigida d(e) passculo d(e) Calneva et d(e) t(er)ra q(ue) fuit Carnevarii de Turlino a Canelva" (de - Canelva add. da diversa mano coeva, con de Turlino nel sopralineo; così le varianti nella voce toponomastica); nello spazio soprastante alla riferita annotazione, la medesima diversa mano coeva aggiunge: "Asculo et pasculo". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 15"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "62 .MCLXXII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "56".



La pergamena (mm 280/264 x 128/119) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, accompagnate da un certo scurimento e da uno strappo (in corrispondenza della riga 3). Alla riga 10 un foro dato da rosicatura interessa la scrittura in modo sensibile; rosicature pure lungo il margine laterale destro e nel margine superiore, pure a destra.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Indizione settembrina.

(S) In nomine domini nostri Iesu Christi. Anno ab incar(nacione) eius mill(e)x(im)o cent(eximo) septua(ge)x(im)o s(e)c(un)do, m(en)se nove(m)br(is) (a), indic(ione) sexsta. Constat me Carnevarium de T(or)lino, q(ui) lege (b) Romana professus sum vivere, | accepisse sicut in presentia testium manifestus sum quod accepi a te domino Petro, abbate ecclesie et monasterii Sancte Marie de Aquafrigida, fondata in plebe de Lenno, ad partem ipsius ecclesie, | arg(enti) d(e)n(ariorum) b(o)n(orum) Mediol(anensium) novorum libr(as) quindecim, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro pecia una de terra iuris mei reiacente a Coronbaria, in monte de Calnelva, et pro | mea par(te) passcul(i) ipsius montis, que mea pars est tantum quantum unus de aliis (c) hominibus quem (d) invenire potuerit ipse dominus abbas habere ius passcendi (e) in ipso (f) monte; coheret predicte terre: a mane | vallis, a meridie Rogerii de Pino, a sero et a monte Sancte Eufomie (g). Quam autem vendicionem superius dictam, una cum superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, | ab hac die tibi qui supra domino Petro abbate, ad partem et utilitatem suprascripte ecclesie, per hanc cartulam et suprascriptum precium, vendo et trado et confirmo, ut facias exinde a presenti die in antea | tu et tui successores et cui dederis, iuris proprietarii nomine, quicquid volueris, sine omni mea et heredum meorum contradic(ione). Quidem spondeo atque promitto ego qui supra Carnevarius, | per me et per meos heredes, tibi qui supra domino abbati, ad partem et utilitatem ipsius ecclesie, tuisque successoribus et cui dederitis suprascriptam terram et passculum omni tempore et ab omni homine defendere | et guarentare; quod si defendere non potuero aut si contra hanc cartulam vendicionis agere aut causari (h) presumsero, tunc in duplum suprascriptam vendicionem tibi tuisque successoribus, | ad [partem i]psius ecclesie, restaurare promitto. Et insuper promitto, cum meo proprio disspendio, defendere et guarentare ab uxore mea predictam vendicionem omni tempore, | quia sic inter eos. Actum Cumis. |
Prefatus Carnevarius qui hanc cartulam vendicionis fieri rogatus ut supra. |
† (Si)gna † man(uum) Ogerii Canis et Petri de Mediolano testium. |
(S) Ego Mudalbergus iudex hanc cartulam tradidi et scripsi.

(a) In A nove(m)br privo di segno abbreviativo.
(b) In A le.
(c) aliis corr. da alis, con la seconda -i- corr. da -s e aggiunta di una seconda -s.
(d) -e(m) su rasura.
(e) Così A.
(f) i- corr. da p- erroneamente principiata.
(g) Così A.
(h) -i corr. da altra lettera, probabilmente da -e.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS