Lombardia Beni Culturali
61

Carta venditionis

1173 gennaio 26, Como.

Girardo de Dommo, figlio del fu Giro di Campo, un tempo dell'Isola Comacina ed ora abitante a Como, vende a Pietro, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, una vigna sita non lontano da detto monastero, ove dicesi ad Rodellos, e metà prato sito sul monte di Lenno, ove dicesi in Mezana, ricevendo quattordici lire di denari nuovi di Milano, le quali provenivano dal giudicato fatto da Romano di Premonte a favore dell'Acquafredda.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1435 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 63, pp. 137-139. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 401r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 55, cc. 11v-12r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1435, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1435".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) monasterii d(e) Aq(u)afrigida d(e) q(ua)da(m) vinea et medietate unius petie p(ra)ti, q(ua)s res ve(n)didit Girard(us) d(e) Dom(m)o"; segue sotto, integrazione di differente mano seriore, forse fase A: Ad Rodello et de p(ra)to i(n) Meçana. Inoltre: segnatura di fase C: "B", privo di numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "63 .MCLXXIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "57".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 140, p. 150n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 55, p. 64n (ma in data 25 gennaio).

La pergamena (mm 301/286 x 165/159) presenta alcune macchie scure, specie nella parte centrale del supporto; lacerazioni modeste sono rilevabili in corrispondenza delle antiche piegature.
Rigatura a mina di piombo.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(im)o cent(eximo) septuag(exim)o t(er)cio, septimo kal(en)das febr(uarii) indic(ione) sexta. Car(tam) vendic(ionis) ad proprium fecit Girardus | de Dommo, filius quondam Giri de Campo, olim de Insula et modo habitator in civitate Cumis, domno Petro, abbati monasterii Sancte Marie de Aquafri|gida, ad partem ipsius monasterii, nominative de petia una vinęę et de medietate unius petie prati iuris (a) sui. Predicta vinea iacet non | longe a predicto monasterio (b) de Aquafrigida, et dicitur ad Rodellos; cui coheret: a mane Basilii de Dommo, a meridie illorum de Sorlena, a sero ipsius mo|nasterii, a monte heredum quondam Lanfranci iudicis; predictum pratum iacet in monte de Lenno, et dicitur in Mezana, cui coheret ei: a mane d(om)ne | Contisse de Balbiano, a meridie via, a sero Ottonis Franciane, a monte Basilii de Dommo (c), omnia et ex omnibus, inintegrum, pro (d) precio de libris quattuor|decim d(e)n(ariorum) novorum Mediol(anensium), quas confessus fuit ipse Girardus ab ipso domno Petro abbate (e), ex parte suprascripti monasterii de Aqua|frigida, accepisse, et que libr(e) quattuordecim fuerunt de iudicato quondam Romani de Premonte quod fecit [in suprascripto m]onasterio, ita ut ipse | domnus Petrus abbas eiusque successores, ad partem et utilitatem suprascripti monasterii ac cui dederint, habeant et te[neant suprascripte p]etie vinee et | iamdictam medietatem petie prati, ut supra legitur, et faciant exinde a presenti die in antea, una cum omnibus super[ior]ibus et inferioribus seu cum | finibus et accessionibus suis, inintegrum, iuris proprietarii nomine, quicquid voluerint, sine ipsius Girardi suorumque heredum contradic(ione). Quidem promi|sit atque spopondit ipse Girardus, pro se et suis heredibus, prefato domno Petro (f) abbate, ad partem suprascripti monasterii, iamdictam terram, ut | supra legitur, ab omni homine omni tempore defendere et guarentare usque in penam duple evictionis, quia sic inter eos convenit. Actum Cumis. |
Sign(um) † man(us) suprascripti Girardi qui hanc car(tam) venditionis fieri rogavit. |
Sign(um) † man(uum) Girardi Pellegrini et Occutii de Molo testium. |
(S) Ego Ospinellus iudex hanc car(tam) tradidi et scripsi.

(a) -s corr. da lettera principiata, come pare.
(b) In A monastrio.
(c) Segue uno spazio bianco corrispondente a circa cinque lettere.
(d) p(ro) corr. da lettera principiata.
(e) Segue rasura, per uno spazio corripondente a due lettere.
(f) In Petro -o corr. da lettera principiata.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS