Lombardia Beni Culturali
64

Carta venditionis

1173 febbraio 23, Coloniola.

Gosfredo, detto di Perlana, un tempo dell'Isola Comacina ed ora abitante a Colognola, nella casa di Arialdo de Caxenzano, e sua moglie Donia, ambedue professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Isolano, detto Xetro, pure di Colognola, quarantadue lire e mezza di denari d'argento di Imperiali, quale prezzo della vendita di due appezzamenti siti in pieve di Isola, nel luogo ove dicesi in Campolongo, in prossimità della chiesa di Ossuccio, nonché per tutti i loro prati siti sul monte dell'Isola. Nel medesimo giorno Pietro de Caxenzano, di Colognola, padre della sopradetta Donia, sottoscrive la presente vendita.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1436 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 68, pp. 146-148. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 447r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 402r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 58, cc. 11v-12r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1436, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1436".
Nel verso, di epoca coeva alla redazione del documento, forse di mano del rogatario: disegno di figuretta mostruosa di testa umana barbata, con copricapo e lunga lingua tenuta tra le mani; pure di epoca medievale, ma di diversa mano seriore: "Car(ta) Ca(m)polongo". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 20"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "68 .MCLXXIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "58".



La pergamena (mm 309/302 x 246/236) presenta non trascurabili lacerazioni in corrispondenza dell'antica piegatura verticale. Una rosicatura, che interessa la scrittura in modo sensibile, si trova in corrispondenza delle righe 10-11, in prossimità del margine laterale destro. Lungo il margine laterale sinistro si rileva un'altra rosicatura, che tuttavia non interessa la scrittura.
Arialdo giudice presta particolare attenzione alla cura grafica della pagina. La pergamena appare predisposta con precisione mediante rigatura a mina di piombo. Nel complesso la scrittura, ben poggiata sulla riga, è dritta e poco corsiveggiante. Nella prima riga le aste sono particolarmente slanciate e la C in constat ha un semplice ma raffinato decoro a bianco risparmiato, con grazie che ingentiliscono il corpo della lettera. Tali attenzioni trovano uno sbocco significante, con chiari richiami cancellereschi, nella carta di vendita e di investitura qui edita al n. 68, ove ad agire è Anselmo, vescovo della Chiesa di Como.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Per attinenze contenutistiche, si rimanda anche al doc. qui edito al n. 65.

(S) In nomine d(omi)ni. Anno ab incar(nacione) d(omi)ni nostri Iesu Christi mill(eximo) cent(eximo) septuagex(im)o t(er)cio, septimo kal(endas) marti (a), indic(ione) sesta. Constat nos | Gosfredum, qui dicor de Perlana, qui fui de Insula et modo habitare videor ad Culuniolam in domo Arialdi de Caxenzano, et Doniam, | coniugem ipsius Gosfredi, quę renontiavi iuri ypothece quod habebam in infrascripta vendic(ione), qui professi sumus lege vivere Romana, michi que supra | Donie consentiente iamdicto Gosfredo viro meo, accepisse sicuti et in presentia testium manifesti sumus quod accepimus a te Insulano, | qui diceris Xetrus, de suprascripto burgo Culuniole, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Imp(er)ial(ium) libras quadraginta et duas et dimid(iam), finito precio, sicut inter nos convenit, | nominative pro petiis duabus terre reiacentibus in plebe Insule, ibi ubi dicitur in Campolongo, prope ęcclesiam de Usuzio, et nominative pro omnibus | pratis quod habemus in monte Insule, inintegrum. Coheret prime petie terre (b): a mane Oldeprandi de Balbiano, a meridie mansum de Usuzio, a sero et monte via; | secunde petie terre coheret ei: a mane *******, a meridie suprascripti e(m)ptoris, a sero Avosti de Usuzio, a septentrione canonicorum Sancte Eufemie. Quam | autem vendic(ionem) superius dictam, cum superiore et inferiore seu cu(m)fine et accessione sua, inintegrum, in presenti maneat vendic(ione), ab hac die, tibi qui supra | Insulano, per hanc cartam et pro suprascripto precio, vendimus, tradimus, emancipamus, ut facias exinde a presenti die tu et cui tu dederis vestrique heredes, iuris | proprietarii nomine, quicquid volueritis, sine omni nostra heredumque nostrorum contradic(ione). Quidem etspondemus atque promittimus nos qui supra venditores, pro nobis et pro [nostris] | heredibus, tibi qui supra Insulano tuisque heredibus seu cui vos dederitis suprascriptam vendic(ionem), qualiter superius legitur, ab omni homine defendere et guarentare omni | tempore, iure et ratione, sicut pro tempore fuerit meliorata aut valuerit in penam dupli suprascripti precii, quia sic inter nos conven(it). Actum prope burgum Culunio|le in domo Arialdi de Caxenzano. |
Sign(um) † man(uum) suprascriptorum iugalium qui hanc cartam ut supra fieri rogaverunt. |
Sign(um) † man(uum) Ogerii, iudice (c) de Insula, et Rogerii de Pino et Arialdi de Caxenzano et Arnaldi Oculi de capra seu Petri de Villana de Culuniola testium (d). |
Postea in eodem die, coram suprascriptis testibus, exepto quod predictus Petrus de Villana qui ibi non erat, Petrus de Caxenzano, de Culuniola, pat(er) suprascripte Donie, firma|vit hanc vendicionem, qualiter superius legitur, et hoc fuit in civitate Cumis. Sign(um) † man(us) suprascripti Petri de Caxenzano qui suprascriptam vendicionem, ut supra legitur, firmavit. |
(S) Ego Arialdus iudex hanc car(tam) tradidi et scripsi.

(a) Così A.
(b) In A t(er)cie al posto di t(er)re, per evidente lapsus di Arialdo iudex.
(c) in iudice -e corr. da i.
(d) -luniola testium nel sopralineo con segno d'inclusione.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS