Lombardia Beni Culturali
65

Carta venditionis

1173 marzo 8, Como.

Oldeprando di Balbiano, che fu dell'Isola Comacina, vende a Isolano Scetro un appezzamento sito in pieve di Isola nei pressi di Ossuccio, nel luogo ove dicesi Campolongo, al prezzo di undici lire.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1437 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 69, pp. 148-149. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 447r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 402r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 59, cc. 11v-12r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1437, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1437".
Nel verso, di epoca coeva alla redazione del documento: "De Campolongo"; inoltre di diversa mano coeva, come pare: "Car(tu)la Insulani Sceptri Ca(m)polongo". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 21"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "69 .MCLXXIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "59".



La pergamena (mm 226/203 x 113/107) si presenta in buono stato di conservazione, nonostante alcuni lievi macchie sparse e modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature.
Per attinenze contenutistiche, si rimanda anche al doc. qui edito al n. 64.

(S) Anno d(omi)nice incar(nacionis) milleximo centeximo septuageximo t(er)cio, octavo die m(en)sis marcii, indic(ione) sesta. Car(tu)l(am) | vendicionis ad proprium sub dupla defensione (a), pro accepto precio libras undecim, fecit Oldeprandus de Balbiano, qui fuit de Insula, Insulano | Scetro, nominative de pecia una terre reiacente in plebe Insule, ubi dicitur in Campolongo, et est prope Uxucium; coheret ei: a mane | et a monte via, a meridie Zobie de Castello, a sero emptoris, ita ut ipse Insulanus et eius heredes seu cui dederit habeat et teneat suprascriptam | terram, cum superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, ad faciendum exinde quicquid facere voluerint, sine contradicione predicti | venditoris eiusque heredis. Et insuper ipse Oldeprandus venditor promisit eidem Insulano defendere et guarentare suprascriptam vendici|onem ab omni homine in pena dupli, quia sic inter eos convenit. Actum Cumis. |
Predictus venditor hanc cartulam fieri rogavit. |
Interfuerunt Ogerius Lilia et Zobia de Castello et Ottobonallus Gillotus et Iohannes Cagafaxoli et Otto de Nobiallo testes. |
(S) Ego Daniel iudex hanc cartulam tradidi et scripsi.

(a) -e corr. da lettera non perspicua, seguita da rasura per lo spazio di una lettera.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS