Lombardia Beni Culturali
67

Carta affirmationis

1173 giugno 19, Acquafredda.

Arnaldo Calen, figlio del fu Pietro Calen, dเ il proprio consenso a Ottone Oculi de capra e a suo fratello Arnaldo, nonch้ ai fratelli Guidotto e Maifredo, figli del fu Guidone de Pino, di fare [...] nei confronti del monastero di Acquafredda, costruito ove dicesi a Roncale, ricevendo detto Arnaldo da parte del predetto monastero quaranta soldi di Imperiali.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1439 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 71, pp. 150-151. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 447v (ma in data 12 giugno); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 402r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 61, cc. 12v-13r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1439, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1439".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) affirma[tioni]s qua(m) Arnald(us) Calen fec(it)", integrato da mano seriore, pure di epoca medievale (forse fase A): "d(e) t(er)ra d(e) P(re)mesego". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 17"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "71 .MCLXXIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "61".



La pergamena (mm 211/196 x 77/75), nella parte sinistra, presenta profonde lacerazioni con caduta di alcuni lembi di membrana. In quella stessa zona del supporto, si rilevano estese macchie scure che rendono ulteriormente difficoltosa la lettura del dettato.
Riguardo al contenuto del documento, appare interessante l'annotazione di mano del Ferrario presente sul dorso: "Il monastero compra un consenso".

(SN) Anno d(omi)nice i(n)car(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) septuag(esimo) t(er)cio, duodecimo die exeu(n)te m(en)sis iunii i(n)dicio(n)e sex|ta. Arnaldus Calen, filius quondam Petri item Calen, concessit et parabolam dedit atque affirmacionem fecit Otto|ni Oculi de Capra et eius fratri Arnaldo necnon et Guidoto et Maifredo fratribus, filiis quondam Guidonis de Pino, facere eos | […..] monasterio Sancte Marie Aquefrigide, constructo ibi ubi dicitur ad Runcalem, unde ipse Arnaldus Calen accepit ab eodem monasteri|[o …..] lib(ras) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediola(nensium) sive .XL. solidos Imperialium. Eo modo quod ipse Arnaldus suique heredes deinceps defendere et guarentare | […] aliis dominis suprascripto monasterio, et ita tamen si quod ipse Arnaldus Calen suique heredes defendere non potuerint, reddere habent suprascriptas | […..]b[..] eidem monasterio, quia sic inter eos convenit. Actum est hoc apud suprascriptum monasterium, feliciter. |
Signum † manus suprascripti Arnaldi Calen qui hanc cartam affirmacionis fieri rogavit et suprascriptum precium accepit ut supra. |
Signa † † † † (a) manuum Anselmi de Scota et Ottonis de Molo et Petri atque Ariprandi testium. |
(SN) Ego Henricus sacri palacii notarius qui hanc cartam affirmacionis et aliarum rerum tradidi et, post traditam, con|plevi et dedi.

(a) L'ultima croce del segno di mano ่ add. nell'interlineo.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS