Lombardia Beni Culturali
71

Carta venditionis

1175 aprile, Como.

Ardrico e suo fratello Carnevale, ambedue de Torlino, insieme ai loro nipoti Pietro e Otone, dichiarano di avere ricevuto tre lire di denari d'argento nuovi da Gerardo Schata, dell'Isola Comacina, quale prezzo della vendita della ventesima parte della decima di Pona.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1444 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 75, pp. 158-159. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 402v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 66, cc. 12v-13r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1444, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1444".
Nel verso, ove non si rilevano annotazioni di epoca medievale, si leggono: segnatura di fase C: "n. 3", privo di lettera o accompagnato da lettera ora non più visibile; regesto Ferrario, leggibili solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "75 .MCLXXV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "66".



La pergamena (mm 263/256 x 103/94) si presenta in buono stato di conservazione, nonostante alcune modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature e lievi macchie.
Tracce di rigatura a mina di piombo.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi, mill(esim)o cent(esim)o sept(uagesimo) q(ui)nto, inditione octava, m(en)se aplilis (a), in civitate Cumis. Constat nos Ardricum et Carne|valem, eius fratrem, et Petrum et Otonem, nepotes suprascripti Ardrici et Carnevalis, de Torlino (b), accepisse arg(enti) d(e)n(ariorum) b(o)n(orum) novor(um) libras tres (c) a Girardo Schata, de Insula, nominative pro vige|sima parte decime quam suprascripti (d) fratres et nepotes visi sunt abere in decima de Pona, in duobus annis semel, tolendo interea (e) ecclesia de Porleza re(n)dessimum (f) | suprascripte decime. Quam autem suprascriptam decimam pro suprascripto precio nos suprascripti (g) fratres et nepo[t]es tibi Girardo vendimus et tradimus et illum ius quod nobis pertinet in suprascripta (h) decima cedimus, ita ut tu (i) et heredes | tui et cui dederis suprascriptam decimam fatias quicquid volueris, sine nostra et heredum nostrorum contradictione. Et insuper promittimus tibi Girardo, per nos et per nostros heredes, et tuis heredibus | et cui dederis suprascriptam decimam ab omni homine defendere; quod si defendere non potuerimus aut per quodvis ingenium subtraere quesierimus, tunc promittimus, per nos et per nostros heredes, | tibi Girardo tuisque heredibus et cui dederis suprascriptam decimam componere in duplum, sicut pro tempore fuerit meliorata aut valuerit sub estimatione bonorum hominum in consimili loco. |
† Signum suprascriptorum venditorum qui hanc cartam fieri rogaverunt ut supra. |
Interfuerunt testes Albertus de Corte et Raimondus de Raimondis, de Vico, et Vuifredus dictus Marinus, de Cumis. |
(S) Ego Landulfus sacri palatii iudex hanc cartam tradidi et scripsi

(a) Così A.
(b) d(e) Torlino add. nell'interlineo con segno d'inclusione.
(c) libras tres add. nell'interlineo con segno d'inclusione.
(d) s(upra)sc(ript)i add. nell'interlineo con segno d'inclusione.
(e) In A intea.
(f) Così A.
(g) Come nota d.
(h) In A s(upra)sc(ript)a(m).
(i) In A utu.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS