Lombardia Beni Culturali
72

Carta venditionis

1175 dicembre 11, Como.

I preti Vitale, Attone, Albizone, Gazio e Vitale, chierici e canonici della chiesa e canonica di Santa Eufemia, un tempo eretta sull'Isola Comacina e ora nella città di Como, dichiarano di avere ricevuto da Giovannibono, figlio del fu Guidone Mazore, di Garzola, in pieve dell'Isola, undici lire e sei soldi di denari d'argento di Milano, quale prezzo della vendita di un appezzamento sito a Garzola, i quali denari vengono utilizzati per pagare la decima acquistata da Ogerio Cagainosa, nel luogo di Lezzeno, nei mansi di Botorina e di Cavigniana.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1445 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 76, pp. 159-161. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 402v-403r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 67, cc. 12v-13r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1445, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1445".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) Ioh(anni)sboni d(e) Garzola d(e) petia [................] c(anoni)c(is)is Sancte Eufemie". Inoltre: annotazione di fase B: "De Garzola"; segnatura di fase C: "V, n. 24"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "76 .MCLXXV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "67" (con 7 corr. da altro numero cancellato).



La pergamena (mm 266/258 x 200/193), in cattivo stato di conservazione, male si è adattata alla custodia in forma distesa, tanto che la superficie appare complessivamente irregolare e, a tratti, come raggrinzita; sono inoltre evidenti profonde lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature. Lacerazioni sono pure rilevabili in prossimità dei margini laterali (particolarmente di quello destro), nonché estese zone di abrasione e di dilavatura dell'inchiostro, soprattutto nella parte mediana e in quella destra del supporto. Per questi motivi, la restituzione integrale del dettato, in alcuni punti, non è stata possibile neppure con l'ausilio della luce di Wood.
Rigatura a punta secca tracciata al verso della membrana.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Indizione settembrina.
Le sottoscrizioni del prete Arialdo e di Odelmario sono autografe.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(im)o cent(eximo) septuages(imo) q(ui)nto, undecimo die mensis decembr(is), indic(ione) non[a]. Constat nos presbiteri V[italem et Attonem] | et Albizonem et Gazium atque Vitalem, clericos et canonicos ęcclesię et canonice Sanctę Eufemie, que olim edificata erat in [Insola et nuper] | constructa est infra civitatem Cumanam, ex parte ipsius ęcclesię, accepisse sicuti in presentia testium manifesti sumus quod accepimus a te Iohanebono, filio | quondam Guidonis Mazore, de loco Garzola, qui est in plebe Insule, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediol(anensium) libras undecim et solidos sex, ad partem et utilitatem suprascripte ęcclesię, | et quas dedimus et solvimus in decimam q(uam) emimus, ad partem suprascripte ęcclesię, ab Ogerio Cagainosa in loco Lecini, in manso de Botorina et in manso de Cavigniana, | ex qua facimus tibi cambium de infrascripta terra, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro petia una terre, iuris suprascripte ęcclesię, reiacente | in suprascripto loco Garzola, cui coheret: a mane Sancti Benedicti, a meridie Sancti Abundii, a sero Agusti Brellie, a monte via, omnia et ex omnibus, inintegrum. Quam | autem petiam terre superius dictam, una (a) cum omnibus superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, per hanc cartam et pro suprascripto precio, nos qui supra | canonici, pro nobis et nostris fratribus predicte ęcclesię canonicis, ex parte suprascripte ęcclesię, vendimus, tradimus et emancipamus tibi qui supra Iohannibono emp[t]ori, u[t] | [facias] exi[nd]e a pre[senti] die in antea tu heredesque tui ac cui tu dederis, iuris proprietarii nomine, quicquid volueris, sine omni [nostr]a | [heredum]que [nostrorum contradicione, ac pro]mittimus atque spopondimus nos qui supra canonici, ex parte suprascripte ęcclesię Sanctę Eufemię, pro nobis et nostris f[ratribus], tibi | […….......] tuisque heredibus ac cui tu dederis predictam petiam terre, ut supra legitur, inintegrum, ab omni homine omni tempore defendere [et guaren]|tare usque in penam duple evictionis, quia sic inter nos convenit. Actum Cumis, infra predictam ęcclesiam Sanctę Eufemię. |
Sign(um) † man(uum) suprascriptorum presbiteri Vitalis et Attonis et Albizonis et Gazii et Vitalis, clericorum, qui hanc cartam vendicionis fieri rogaverunt ut supra. |
Sign(um) † man(uum) Ottoboni Caligni et Muse de Nexio et Iohannis Gabbi atque Ade, fratris suprascripti emptoris, testium. |
§ Ego Arialdus presbiter subscripsi. Ego Odelmarius subscripsi. |
(S) Ego Ospinellus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) u- corr. da lettera principiata.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS