Lombardia Beni Culturali
73

Carta offersionis et donationis pro anima

1176 febbraio 24, Acquafredda.

Rolando, detto de Lagrate, professante legge romana, dona al monastero di Acquafredda un prato sito sul monte di Ossuccio, ove dicesi in Pascali, essendo presenti Arnaldo priore, Lantelmo monaco e Otto Bura converso di detto cenobio.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1446 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 77, pp. 161-163. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448r (ma in data 5 febbraio); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 403r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 68, cc. 13v-14r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1446, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1446".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) [do]natio(n)is prati d(e) Pasquale facte a Rolando d(e) Lagrae". Inoltre, di fase B: "De Usutio, | ubi d(icitu)r i(n) Pas|cali, i(n) monte"; segnatura di fase C: "D, n. 6"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "77 .MCLXXVI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "68".



La pergamena (mm 152/150 x 125/123) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, accompagnate da piccoli fori che interessano la scrittura in corrispondenza delle righe 11 e 17. Nella parte sinistra si rileva inoltre una certa dilavatura dell'inchiostro, che interessa la scrittura in modo sensibile, specie tra le righe 4-7 e 11-19.
Tracce di rigatura a punta secca.
Si rileva la presenza di linee tipo chiudiriga nell'escatocollo (righe 19-20).

(SN) Anno dominice i(n)car(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) septuag(esimo) sesto, quinto die exeunte m(en)sis feb(ruarii), i(n)dic(ione) | nona. Monasterio Sancte Marie Aquefrigide ego in Dei nomine Rolandus, qui dicor de La|g(ra)te, qui professus (a) sum (b) ex nacione mea lege vivere Romana, facio offersionem et donacionem inter vi|vos: "Quisquis in sanctis ac venerabilibus locis ex suis aliquid contulerit rebus, iuxta Auctoris vo|cem, in hoc seculo centuplum accipiet et insuper, quod melius est, vitam possidebit eternam" (1). Ideoque | qui supra Rolandus dono et offero a presenti die, pro remedio et mercede anime mee et animarum patrisque matris | meorum, nominative pratum unum, cum area sua, iuris mei positum in monte de Usucio et in eius territo|rio, et iacet in Pascali, cui coheret: a mane et ab aquilone pratum Petri Lupi, a meridie comunancia, a ser|o pratum Antiochie, sive ibi alie sint coherencie, una (c) cum accessione et ingressione sua, inintegrum, | ab hac die in eodem monasterio dono et offero a presenti die, pro anime (d) mee et animarum patrisque matris | me[orum re]medio et mercede, facihendum (e) exinde ipsum mon[asteri]um suique successores et pars ipsius monaste|rii et cui [de]derint, iure et proprietario nomine, quicquid voluerint, sine omni mea et heredum meorum | contradictione. Et quidem spondeo atque promitto me ego q(ui) supra Rolandus, una (f) cum meis heredibus, ipsi | monasterio suisque successoribus et parti ipsisu monasterii et cui dederint suprascriptam offersionem et donacionem, | qualiter supra legitur, inintegrum, ab omni homine defensare. Et si defendere non potuerimus suprascriptam donacionemque offer|sionem soprascripto monasterio vel cui ipsum dederit aut si, pars ipsius monasterii, exinde aliquid per quodvis | ingenium subtraherit (g) quesierimus, tunc in duplum suprascriptam offersionem, ut supra legitur, parti ipsius monasterii, | restituamus, sicut pro tempore fuerit meliorata aut valuerit per extimacionem in consimili loco, | quia sic mea bona voluntas decrevit. Actum est hoc | in suprascripto monasterio, feliciter.
Signu(m) † manus suprascripti Rolandi qui hanc cartam offersionisque donacionis fieri rogavit ut supra (h).
Signa † † † manuu(m) Iohannis et Comperti atque Andree (i) testium.
Et ibi erant aput eos domnus prior Arnaldus et domnus Lantelmus, monachi, atque Otto Bura, conversus (j). |
(SN) Ego Henricus sacri palacii notarius qui hanc cartam offersionisque donacionis tra|didi et post traditam co(m)plevi et dedi.

(a) In professus -sus su rasura.
(b) su(m) add. nell'interlineo.
(c) In A una(m).
(d) In a(n)i(m)e a- corr. da lettera principiata.
(e) Così A.
(f) Come nota c.
(g) Così A.
(h) s(upra) nel sottolineo con linea d'inclusione.
(i) In Andree su -n- segno abbr. per la nasale.
(j) -versus nel sottolineo, ma senza linea o segno d'inclusione.

(1) Cf. Mt 19, 29; Mc 10, 29-30; Lc 18, 29-30.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS