Lombardia Beni Culturali
87

Instrumentum venditionis

1180 dicembre 23, Spinedi.

Caressema, vedova di Bono de la Pila, di Spinedi in Val d'Intelvi, e Guido, suo figlio, insieme a sua moglie Domenica, tutti professanti legge romana, vendono a Ottone, abate del monastero di San Benedetto dell'Isola Comacina, i beni che ai suddetti venditori pervennero in virtů dell'acquisto della terra di San Salvatore, effettuato da Arderico e dai suoi figli, da Carnelvale, Pietro e Ottobono de Torlino e da Nigrone de Puteo, beni che sono siti a Spinedi e in tutta la citata Val d'Intelvi, con i diritti ad essi pertinenti, per il prezzo di otto lire e cinque soldi di denari di Milano, i quali denari vengono contestualmente versati ai suddetti venditori da parte di Martino de la Porta, dell'Isola Comacina, il quale a sua volta doveva detta somma al cenobio di San Benedetto, quale parte del prezzo della vendita delle terre di Nabia e di Cassinella. Contestualmente l'abate Ottone investe per massarizio i sopradetti venditori delle terre testé vendute, per il fitto annuo di nove soldi di denari di Milano e di sei denari per il districtum.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1454 quinquies [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 89, pp. 185-187. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450r (ma in data 1180 dicembre 9); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 404r-v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 74, cc. 13v-14r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1454 quinquies, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine laterale sinistro del recto, in corrispondenza dell'inizio del documento, segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1454 quinquies".


Cf. Tabella cronologica, p. 119 (da Bonomi).

Il documento č vergato sulla stessa membrana che conserva la vendita qui edita al numero 86, alla quale si rimanda per la descrizione dello stato di conservazione e per la trascrizione delle note dorsali.
In questo documento si rileva la presenza di linee tipo chiudiriga nell'escatocollo (righe 10-13).

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) oct(ua)g(esimo), nono die exeunte dece(m)b(ris), indic(ione) quartadecima. Venditionem et traditionem, pro accepto pretio lib(ras) octo et sol(idos) quinque d(e)n(ariorum) Mediol(anensium), fecerunt | Caressema, relicta Boni de la Pila, de loco Spinezio de valle Intellavi, et Vuido, filius eius, et Dominica, iugal(es), qui professi sunt vivere lege Romana, ipsis mulieribus renuntiantibus omni | iuri pignoris et ypothece et omni alii iuri sibi competenti vel competitorio in infrascriptis rebus, in manu domni Ottonis, abbatis monasterii Sancti Benedicti de Insula, ad partem (a) | et utilitatem suprascripti monasterii, nominative de omnibus illis rebus territoriis, cultis et incultis, divisis et indivisis, q(ue)cumque ipsis venerunt de emptione terre Sancti Salvatoris, quem fuit adquisita | per eorum consortes et, ad eius partem, ab Arderico et a filiis eius et Carnelvale et Petro et Ottobono de T(or)lino et a Nigrone de Puteo in suprascripto loco Spinezio et in tota suprascripta valle de In|tellavo, cum finibus et accessionibus et usantiis et conditionibus, fodris, districtis, albergariis, pastis et cum omnibus aliis honoribus et conditiis, prout in cartis aquisti legitur (1), ad suam partem, | pertinentibus, inintegrum, ita quod rectores et servitores suprascripti monasterii ab hinc in antea usque in perpetuum habeant et teneant suprascriptas res, ut supra legitur, et faciant exinde, ad utilitatem suprascripti monasterii, quicquid | sibi placuerit, sine contradic(ione) suprascriptorum venditorum suorumque heredum. Et sic ipsi venditores, pro se et suis heredibus, obligaverunt se vuarentare suprascriptas res, ut supra legitur, ab omni homine omni tempore rectoribus | et servitoribus suprascripti monasterii usque in perpetuum, in pena duple evictionis; et insuper hoc instrumentum semper incorruptum tenere spoponderunt. Et predictas libras octo solvit Martinus de la Porta, de Insula, | iussu suprascripti abbatis (b), pro pretio terre de Nabia et de Cassinella q(uam) ipse abbas vendidit ei, quia sic inter eos convenerunt. Actum in suprascripto loco Spinezio. |
Prenominati Caressema, Vuido, filius eius, et Dominica, iugales, venditores hoc instrumentum scribere rogaverunt. | Martinus de la Porta, Petrus et Oldefredus de T(or)lino, Boccavaria (c), Martinus de la Pila, Petrus Pensamalum suprascripti interfuerunt testes. |
(S) Ego Iohannes de Papa iudex hoc instrumentum tradidi et scripsi. |
Et ibi presentia suprascriptus abbas investivit per massaricium suprascriptum Vuidonem de suprascriptis rebus, ad fictum solvendum in omni anno sol(idos) novem d(e)n(ariorum) Mediol(anensium) et pro districto d(e)n(arios) sex suprascripto monasterio.

(a) ad parte(m) su rasura.
(b) solvit - abbatis su rasura.
(c) Segue rasura per uno spazio di circa sei lettere.

(1) Il documento di vendita menzionato non č stato reperito.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS