Lombardia Beni Culturali
88

Carta donationis inter vivos pro anima

1180 dicembre 23, Spinedi.

Bertramo de la Pila, di Spinedi in Val d'Intelvi, e sua moglie Vuida, donano tutti i propri beni a Ottone, abate del monastero di San Benedetto dell'Isola Comacina, divenendo essi stessi conversi e servitori del sopradetto cenobio.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1454 sexies [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 90, pp. 187-188. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450r (ma in data 1180 dicembre 9); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 404v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 74, cc. 13v-14r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1454 sexies, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine laterale sinistro del recto, in corrispondenza dell'inizio del documento, segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1454 sexies".


Cf. BELLONI, Il San Benedetto, p. 40, p. 60; Tabella cronologica, p. 119 (da Bonomi).

Il documento vergato sulla stessa membrana che conserva la vendita qui edita al numero 86, alla quale si rimanda per la descrizione dello stato di conservazione e per la trascrizione delle note dorsali.
In questo documento si rileva la presenza di linee tipo chiudiriga nell'escatocollo (righe 5-7)

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) oct(ua)g(esimo), nono die exeunte dece(m)b(ris), indic(ione) quartadecima. Bertram de la Pila, de loco Spinezio de valle Intellavi, et Vuida, iugal(es), dederunt et | obtullerunt se et omnia bona sua in manu domni Ottonis, abbatis monasterii Sancti Benedicti de Insula, ad partem et utilitatem ipsius monasterii, ita quod deinceps ipsi | Bertram et Vuida, iugal(es), debent esse conversi et servitores suprascripti monasterii, et rectores et servitores deinceps faciant de rebus suis quicquid sibi placuerint, ad utilitatem ipsius mona|sterii, sine eorum contradic(ione); et hanc donacionem et ofersionem fecerunt inter vivos mera et spontanea voluntate, pro remedio animarum suarum suorumque parentum. |
Prenominati Bertram et Vuida iugal(es) hanc cartam scribere rogaverunt. Actum in suprascripto loco Spinezio. |
Martinus de la Porta, Boccavaria, Polus, frater ipsius Bertrami, Otto, nepos eius, Petrus Pensamalum, Bonussenior, Giepus et Compagnonus de Spinezio isti interfuerunt testes. |
(S) Ego Iohannes de Papa iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS