Lombardia Beni Culturali
90

Carta venditionis et sacramenti

1182 maggio 30, dosso de Cordeno.

Domenico Naturale, detto de Buxizano, e sua moglie Berta, ambedue professanti legge romana, vendono a Rogerio, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, al prezzo di tre lire e mezza di denari di Milano, un appezzamento sito a Lenno; contestualmente detta Berta giura, per sé e per i suoi eredi, che non sarà avanzata pretesa alcuna nei confronti del suddetto monastero.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1458 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 93, pp. 190-192. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448v (ma in data 2 maggio); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 404v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 77, cc. 14v-15r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1458, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1458".
Nel verso, dove non vi sono annotazioni di epoca medievale: segnatura di fase C: "B", privo di numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "93 .MCLXXXII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "77".



La pergamena (mm 173/170 x 121/114) presenta modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, nonché lievi macchie sparse, rilevabili soprattutto nella parte sinistra del supporto. Un piccolo foro, che tuttavia non interessa la scrittura, è infine presente nel margine laterale destro in corrispondenza delle righe 14-15.
Tracce di rigatura a punta secca.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) octuag(esimo) s(e)c(un)do, s(e)c(un)do die exeu(n)te m(en)s(e) magii, i(n)dic(ione) q(ui)ntadecima. Dominicus | Naturalis, qui dicitur de Buxizano, filius quondam ************ (a), et Berta, iugales, qui professi sunt lege vivere Romana, | ipsa consensu et parabola ipsius viri sui et ipsamet namque renunciando iuri ipothecarum et omni exceptioni senatus consul|tu (b) Velaiani (c) (1), vendiderunt ac tradiderunt domno Rogerio, abati monasterii Sancte Marie Aq(ue)frigide, a parte ipsius monasterii, pro suscep|to precio trium lib(rarum) et dimidie d(e)n(ariorum) bon(orum) Mediola(nensium), nominative peciam unam de terra iuris eorum que iacet ad Lennum; cui coheret: a mane et | ab aquilone terra Zuffe, a meridie ripa lacus et a sero flumen, sive ibi alie sint coherencie, una (d) cum accessione et ingressione su|a, inintegrum, et ipsa Berta confessa fuit se fore secura pro suo iure super res ipsius viri sui. Eo modo quod ipsum monasterium suique successo|res et pars ipsius monasterii et cui dederint deinceps ha(bea)nt et teneant suprascriptam vendic(ionem) per aproprium (e). Et faciant exinde quicquid vo|luerint, sine eorum contradictione eorumque heredum, et cum eorum defensione et guarentacione ab omni homine, cum racione et ad dispendium | ipsorum venditorum, et in duplum restauracione atque pro temporis melioracione in consimili loco. Et si i(m)brigassent eam alicui, | ipsi ab eo defendere et disbrigare h(a)b(ean)t cum racione. Unde ipsi iugales venditores obligaverunt eidem abati, a parte | ipsius monasterii, per pignus omnia eorum bona ita ad t(o)t(i)de(m) (f), ut supra legitur. Actum est hoc in dosso de Cordeno (g), apud ipsum monasterium. |
Signa † † manuu(m) suprascriptorum iugalium qui hanc cartam vendic(ionis) fieri rogaverunt et suprascriptum precium acceperunt ut supra. |
Signa † † † manuu(m) Viviani mulinarii et Boni (h) de Villa atque Guidonis de Ripa testium. |
Et ibi statim, coram suprascriptis testibus, iuravit ipsa Berta eo modo quod ipsa suique heredes, nec per se neque per eorum sumissas personas (i), deinceps non h(abea)nt agere nec causari | nec placitare nec contradicere neque guerriare (j) adversus suprascriptum monasterium suosque successores et partem ipsius monasterii et cui dede|rint, et omni tempore exinde tacitos et contentos permanere h(abea)nt in pena dupli; et si i(m)brigassent alicui, ipsi ab eo defendere et disbriga|re h(abea)nt cum racione; iterum tenere suprascriptam vendicionem firmam et ratam. |
(SN) Ego Henricus sacri palacii notarius qui hanc cartam vendicionis et sacramenti tradidi et scripsi.

(a) Alla lacuna segue una lettera erasa.
(b) Così A (non è esclusa neppure la lettura consultii).
(c) Così A.
(d) In una su -a segno abbr. per la nasale.
(e) Così A.
(f) Lo scioglimento dell'abbreviazione t(o)t(i)de(m) non è del tutto certo.
(g) i(n) dosso - Cordeno su rasura.
(h) Non è esclusa la lettura Bovi.
(i) nec p(er) - p(er)so(n)as add. nell'interlineo con segno d'inclusione.
(j) Così A, come pare.

(1) Cf. Cod. Iust. 4.29; Dig. 16.1.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS