Lombardia Beni Culturali
91

Carta finis

1183 febbraio 18, Colognola.

Domenico di Lenno, figlio del fu Pietro di San Benedetto, e sua moglie Berta, ambedue professanti legge romana, cedono a Isolano, figlio del fu Pietro Xetro, abitante nel borgo di Colognola, metà di una corte con un mulino sita a Lenno, sulla riva del lago, per il prezzo di diciotto Imperiali.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1459 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 94, pp. 192-193. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 448v (ma in data 11 febbraio); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 404v-405r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 78, cc. 14v-15r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1459, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1459".
Nel verso, di epoca medievale, probabilmente del sec. XIII: "Car(ta) Insulani Xet(r)i d(e) me[dietate uni]us curtis i(n) loco Len(n)o, q(uem) aq(ui)scivit a D(omi)nico d(e) Len(n)o et uxo(r)e". Inoltre: segnatura di fase C: "I, n. 32"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "94 .MCLXXXIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "78".



La pergamena (mm 212/199 x 100/96) presenta lievi macchie di muffa (ora inattiva) al centro e nella parte destra. Lacerazioni sensibili sono riscontrabili in corrispondenza delle antiche piegature.
Rigatura a punta secca tracciata al verso.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(im)o cent(eximo) octuag(exim)o t(er)cio, undecimo die exeunte mense febr(uarii), indic(ione) prima. Finem ex causa transactionis fecerunt | et sui iuris dationem et cessionem Dominicus de Lenno, filius quondam domini Petri de Sancto Benedicto, et Berta, uxor eius, per consensum viri, qui professi fuerunt lege vivere | Romana, Insulano Xetro, filio quondam Petri Xetri, habitatori in burgo Curognore, nominative de medietate unius curtis, que curtis est sicut | diffinit (a) tota domus molendini ipsius Insulani usque in viam publicam, que domus et curtis reiacent (b) in loco Lenno, ad ripam laci, omnia et ex | omnibus (c), inintegrum. Ita ut ipse Insulanus eiusque h(e)r(e)d(e)s ac cui dederit habeat et teneat predictam medietatem suprascripte curtis et quicquid ipsis Dominico et Berte iugalibus | in ipsa medietate curtis aliquo modo pertinebat, et faciat exinde a presenti die in antea quicquid voluerit, sine contradic(ione) suprascriptorum iugalium | suorumque heredum (d). Quidem promiserunt atque spoponderunt ipsi iugales, pro se et suis heredibus, prefato Insulano suisque heredibus ac cui dederit | predictam medietatem curtis, ut supra legitur, inintegrum, ab omni homine omni tempore pro suo dato et facto defendere et guarentare usque in penam duple | evictionis. Et pro suprascripta fine et transactione et sui iuris datione et cessione acceperunt predicti iugales a suprascripto Insulano Imperiales | decem et octo, quia sic inter eos convenit. Actum Curognore. |
Signum † manuum suprascriptorum iugalium qui hanc cartam fieri rogaverunt ut supra. |
Signum † manuum Arialdi de Caxenzano et Tolomei de Sar(e)xo et Gualopini testium. |
(S) Ego Ospinellus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) Coś A.
(b) reiacent da reiacente con -e parzialmente erasa.
(c) In o(mn)ib(us) -b- corr. da lettera principiata.
(d) Segue cont(ra)dic(ione) espunto.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS