Lombardia Beni Culturali
93

Carta venditionis

1184 giugno 19, Lenno.

Zuffa, Guido et Michele, madre e figli, di Lenno, professanti legge romana, agenti con licenza di Isolano giudice e messo di Federico imperatore, il quale giudice valuta vantaggioso il presente negozio finalizzato a sanare il debito paterno, dichiarano di avere ricevuto da Arnaldo, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, tredici lire di denari nuovi di Milano, quale prezzo della vendita di un appezzamento e di un orto siti a Lenno, ove dicesi a Ripa; e detto Guido giura, per sé, per la madre e per il fratello, che in futuro non sarà avanzata alcuna pretesa da parte loro e che detti fratelli, Guido e Michele, firmeranno non appena verranno ambedue a maggiore età.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1460 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 96, pp. 195-196. Regesti Ferrario, Sommario cronologico, c. 449r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 405r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 79, cc. 14v-15r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1460, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1460".
Nel verso, ove non si rilevano annotazioni di epoca medievale, si leggono: segnatura di fase C: "B", senza numero; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "96 .MCLXXXIV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "79".



La pergamena (mm 210/208 x 157/148) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, accompagnate - alla riga 9 - da tre piccoli fori (forse dati da rosicature) che interessano la scrittura, sia pure in modo parziale. Lacerazioni, accompagnate da macchie, sono pure rilevabili in prossimità dei margini laterali, soprattutto di quello destro.
Rigatura a punta secca tracciata al verso della membrana.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(imo) cent(eximo) octuag(eximo) quarto, .XII. die exeunte iunio, i(n)dic(ione) s(e)c(un)da. Constat | nos Zuffa et Guidus et Michaelus, mater et filii, de Lenno, qui professi sumus nos lege vivere Romana, ma|nifesti sumus quod accepimus a vobis, communiter, dominus Arnaldus, abas monasterii Sancte Marie Aquefrigide, arg(e)n(ti) d(e)n(ariorum) | bonor(um) novor(um) Mediol(anensium) libras tredecim, et per datam licenciam ab Insulano, iudice et missus domini Federici inp(er)atoris, qui videns | nostram utilitatem quod d(e)n(arii) vadunt in sanandum debitum paternum, silicet ius matris nostre, et ego Zufa accipio pro iure dotis et an|tefacti (a) mee, finito precio, sicut inter nos convenit, nominative pro pecia una terre et orto uno iuris nostri quam habere visi | sumus in Lenno, ubi dicitur a Ripa. Orto coeret: ab omnibus partibus via; alie (b) pecie: a mane lacus, a meridie flumen, a sero et a monte vi|a, et quicquid pertinet ipsi terre et orto, inintegrum, ab ac die vobis qui supra Arnaldo, a parte suprascripti monasterii, pro suprascripto precio vendimus, | tradimus, emancipamus ut faciatis exinde, iuris proprietario nomine, quicquid volueritis a presenti die et ora [v]os et successores vestri et [cui] | dederitis, sine omni nostra et heredum nostrorum contradic(ione). Equidem spondimus atque promittimus nos qui supra venditores vobis domino (c) Arnaldo vestris|que successoribus et cui dederitis defendere et guarentare omni die et ab omni homine, usu et racione. Quod si defendere non potuerimus aut si contra | hanc cartam vendicionis per quodvis ingenium aliquid agere aut causari presumserimus, tunc in duplum vobis restituamus sicut pro tempore fuerit aut | valuerit sub estimacione in consimili loco. Et insuper suprascriptus Guidus (d) iuravit, per se et matre et fratre, quod semper habebunt hanc vendicionem ratam et fir|mam, et firmabunt cartam in laude iudici (e) postquam in etate er(unt), si requisiti fuerint ad octo dies, quia sic inter eos convenit. Actum Lenno. |
S(ignum) † manuum suprascripti Guidi et Zufe et Michael(i) qui hanc cartam fieri rogaverunt. Ibi fuerunt testes Dominicus de Campo et Vetulus et | Oto Musa et Viviano et Oto de Villa. |
(S) Ego Insulanus iudex (f) ac missus domini Federici i(n)peratoris hanc cartam scripsi et tradidi.

(a) In antefacti -i corr. da -a.
(b) In alie -e corr. da -a.
(c) In d(omi)no -o corr. da lettera principiata.
(d) s(upra)s(crip)tus Guidus add. nell'interlineo.
(e) Così A.
(f) Segue asta di lettera principiata, probabilmente h, erronea anticipazione del successivo ha(n)c, né cassata né espunta.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS