Lombardia Beni Culturali
95

Carta venditionis

1185 maggio 27, Acquafredda.

Pasino Musa e sua moglie Diana, ambedue professanti legge romana, dichiarano di avere ricevuto da Arnoldo, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, quattrodici lire di denari nuovi di Milano, quale prezzo della vendita di un appezzamento recintato, con case e alberi, sito sul monte di Lenno, ove dicesi ad Cirexam de Narro.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1463 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 98, pp. 198-200. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 449r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 405r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 82, cc. 15v-16r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1463, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1463".
Nel verso, di epoca medievale, annotazione ill. che tuttavia, per le caratteristiche aste ascendenti e discendenti delle lettere - particolarmente slanciate -, pare riferibile alla mano del rogatario; pure di epoca medievale, di fase A: "Ca(rta) aq(ui)sti i(n) mo(n)te Lenni facti a Pace Musa", a cui segue una parola ill. add. da altra mano medievale. Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 23"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "98 .MCLXXXV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "82".



La pergamena (mm 217/207 x 123/118) presenta modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature che, alla riga 3, sono accompagnate da un piccolo foro. In corrispondenza della riga 9, una macchia scura, benché piccola, interessa in modo sensibile la scrittura; mentre altre sporadiche macchie sono rilevabili nella parte inferiore della membrana, in prossimità del margine laterale sinistro.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) octuag(esimo) quinto, sesto k(a)ll(endas) iunii, indic(ione) tercia. Constat nos Paxinus Musa et Diana, iugales, qui professi sunt lege | vivere Romana, ipse Paxinus consentiente ipsi Diane uxori sue, et ipsa renuntiante iuri ipothecarum et senatus consulti et (a) Veleiani (1) et omni altero | iuri in hac vendicione et confitente (b) se habere suam iusticiam super alliud pignus, accepisse a vobis domino Arnoldo, abati Sancte Marie Aquefrigide, | libras quattuordecim Mediol(anensium) novorum, nominative pro clauso uno, cum casis et arboribus super se habentem, quod habere visi sumus in monte de | Lenno, ubi dicitur ad Cirexam de Narro, et cum omnibus asculis et pasculis ipsi clauso pertinentibus; cui coheret: a mane via, a meridie suprascripte ecclesie et Fumiani de | Domo et fratris, a sero et a nullora comunantia, et si ibi allie sint coherencie, tamen nos qui supra iugales suprascriptum clausum vobis vendimus, cedimus et | tradimus, ut faciatis exinde, cum vestris succesoribus et cui dederitis, cum acces[ionibus et] superioribus et inferioribus suis, iure prop(rietar)io, quicquid volueritis, si|ne omni nostra et heredum nostrorum contradictione. Insuper promittimus, cum nostris heredibus, vobis vestrisque succesoribus et cui dederitis suprascriptum clausum iu|re ab omni homine in duplum defendere, sicut pro tempore valuerit sub estimatione in consimili loco. Et sic ad predictam defensionem | obligavere pignori omnia que habent et aquistaverint, quia sic inter eos convenit. Actum sub porticu ianue ibi Aquefrigide. Interfue|re Isolanus de Pino, de Insula, et Martius de Casonna et Valleto de Torno et magister Rolandus de Bellaxio rogati testes. |
(SN) Ego Iohannes sacri pallatii notarius interfui et rogatus scripsi.

(a) Così a.
(b) In confitente c- corr. da lettera principiata.

(1) Cf. Cod. Iust. 4.29; Dig. 16.1.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS