Lombardia Beni Culturali
97

Carta finis et cessionis

1186 settembre 24, Vico.

Pietro Pellavixinus, che fu dell'Isola Comacina e che ora abita a borgo Vico, cede a Otobono e ad Ariprando, suoi fratelli, detti Pellavixini, che pure abitano a borgo Vico, la terza parte indivisa a lui spettante di tutti i suoi beni mobili e immobili esistenti nel Regno italico, e in particolare in diocesi di Como, al prezzo di dodici lire di denari di Milano, che il suddetto Pietro venditore porterà con sé al monastero di Acquafredda dove intende abitare.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1466 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 100, pp. 201-203. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 449v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 405v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 85, cc. 15v-16r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1466, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Note di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1466".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) Otonis et Arip(ra)ndi Pellavixini finis qua(m) eis fecit Petrus (segno abbr. per -us su u) frater eor(um), et d(e)bu(n)t | a (m)e iudici p(ro) car(ta) d(e)n(a)r(ios) .XII.". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 25"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "100 .MCLXXXVI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "85".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 151, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 64.

La pergamena (mm 217/214 x 160/157) si presenta in buono stato di conservazione, nonostante alcune lievi macchie e una piccola zona di parziale abrasione accidentale dell'inchiostro in prossimità del margine laterale destro, in corrispondenza delle righe 5-7.
Tracce di rigatura a punta secca.
Indizione settembrina.

(S) Anni d(omi)ni mill(e)xi(m)o c(e)nt(eximo) oct(u)agexi(m)o .VI., m(en)se septe(m)br(is) .VII. die exe|u(n)te, indic(ione) quinta. Finem et cessionem et dacionem tocius (a) sui iuris et in | suum posuit locum Petrus Pellavixinus, qui fuit de Insula set modo videtur habitare | in burgo Vici, nominative de omnibus rebus suis territoriis et de omnibus suis rebus | mobilibus et i(n)mobilibus quas ipse habet et acquistare potuit usque modo infra hoc regnum I[ta]|licum, et specialiter in episcopatu Cumano, Otobono et Ariprando, fratribus suis, qui dicun[tur] | Pellavixini, qui modo videntur habitare in burgo eodem Vici, et que omnes res ipsius P[etri] | ipse habet pro indiviso cum ipsis fratribus suis, ita quod de cetero omni tempore ipse Petrus et | eius (b) heredes permanere h(abe)t tacitus et contentus de predictis omnibus suis rebus versus | predictos Otobonum et Ariprandum, fratres suos, et eorum heredes et cui ipsi dederint, ubique de rebus pre|dicti Petri, de parte sua, ipsi invenire potuerint. Et si ipse Petrus, de parte sua, de pre|dictis omnibus rebus suis datum aut donatum aut venditum, iudicatum, obligatum, alie|natum aliquo modo haberet in totum aut in parte et inventum fuerit, omni tempore ipse Petrus, | una cum suis heredibus, defendere et vuarentare promisit ad suum dispendium predictas res cum | stipulacione subnixa predictis Otobono et Ariprando, fratribus suis, eorumque heredibus seu cui | ipsi dederint predictas res, usque in penam dupli. Et pro ac fine et cessione ipse Petrus | recepit ab ipsis fratribus suis libras duodecim denariorum bonorum Mediolanensium, ad por|tandum secum monasterio Aquefrigide hubi ipse vult (c) habitare, quia sic inter eos | convenit. Actum Vico, in curia eorum germanorum.
† Signum manus ipsius | Petri ut supra fieri rogavit.
Interfuerunt hibi Alcherius de Ca(n)nio et Donio|tus et Otobonallus, eius filius, et Henricus Mediamola (d) de Vico rogati testes. |
(S) Ego Aldo iudex tradidi et scripsi.

(a) In toci(us) segno abbr. per -us su u, qui e in seguito, come uso costante del rogatario, anche nell'annotazione sul dorso (unica eccezione, con uso corretto del segno abbr., nel nome Petr(us) alla terza riga).
(b) In eiu(us) i corr. da lettera principiata, come pare.
(c) In vult le lettere v e u hanno un tratto in comune.
(d) Non sono escluse le letture Medianiola e Mediainola.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS