Lombardia Beni Culturali
98

Carta venditionis

1186 ottobre 3, Acquafredda.

I fratelli Gregorio e Obizo, figli del fu Obizone de Murofracto, un tempo dell'Isola Comacina, vendono ad Arnaldo, abate del monastero di Santa Maria dell'Acquafredda, due delle quattro parti indivise delle terre, dei campi e dei prati siti sul monte di Lenno, ove dicesi in Bollo et Narro, con tutte le relative pertinenze ed i diritti ad essi connessi, beni che Pace Musa era solito tenere per massarizio, per loro conto e per conto dei loro fratelli Ogerio e Ottobono, ora defunto, il quale ha come erede la figlia Agnese per due parti di detta quarta parte; e i detti fratelli vendono al medesimo abate pure le due parti della quarta parte spettante ad Agnese, con l'obbligo di fare ratificare la presente vendita alla detta nipote, quando avrà raggiunto la maggiore età; e i suddetti Gregorio e Obizo dichiarano di avere ricevuto da detto Arnaldo diciassette lire e cinque soldi di denari d'argento di Milano quale prezzo della vendita dei beni sopra descritti.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1467 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 101, pp. 203-205. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 449v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 405v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 86, cc. 15v-16r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1467, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1467".
Nel verso, di epoca medievale, di mano del rogatario: "Car(ta monast(er)ii d(e) Aq(ua)frigida d(e) t(er)ra que d(icitu)r in Bollo | et Narro, q(ue)m ve(n)did(e)r(unt) Gregori(us) et Obizo d(e) Morfracto". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 26"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "101 .MCLXXXVI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "86".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 153n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 66n.

La pergamena (mm 310/300 x 188/184), nonostante una sensibile lacerazione in corrispondenza della mediana verticale, si presenta complessivamente in buono stato di conservazione.
Rigatura a mina di piombo.
Indizione settembrina.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(im)o cent(eximo) octuag(exim)o sexto, t(er)cio die int(ra)n(te) octubr(is), indic(ione) q(ui)nta. Cartam vendicionis ad proprium fecerunt Gregorius et Obizo | germani, filii quondam Obizonis de Murofracto, olim de Insula, domno Arnaldo (a), abbati monasteri Sancte Marie de Aquafrigida, ad partem ipsius monasterii, | nominative de duabus partibus pro indiviso omnium illarum rerum territoriarum, camporum et pratorum reiacentium in monte de Lenno, ad locum ubi dicitur in Bollo et Nar|ro, cum pascuo et comunantiis et omnibus suis pertinentiis (b) et utilitatibus, quas res solitus erat tenere, ab eis et ab Ogerio et quondam Ottobono fratribus suis, | Pax Musa de Lenno per masaritium, silicet de suis partibus et de duabus partibus Agnetis, filie suprascripti quondam Ottoboni, omnia et ex omnibus, inintegrum, ita ut ipse | domnus Arnaldus abbas eiusque successores, ad partem suprascripti monasterii de Aquafrigida, ac cui dederint habeant et teneant suprascriptas duas partes pro indiviso suprascriptarum rerum | de Bollo et Narro, que erant ipsorum Gregorii et Obizonis et Ogerii et Agnetis, videlicet totas porciones ipsarum rerum Gregorii et Obizonis et duas par|tes partis Agnetis, quas duas partes partis Agnetis vendiderunt simul cum suis partibus ipsi Gregorius et Obizo, et faciant exinde a presenti die in antea, | una cum omnibus superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, iuris proprietarii (c) nomine, quicquid voluerint, sine ipsorum Gregorii et | Obizonis suorumque heredum contradic(ione). Quidem promiserunt atque spoponderunt ipsi Gregorius et Obizo germani venditores, pro se et suis heredibus, omnia sua bona pignori | obligando suprascripto domno Arnaldo abbati, ad partem suprascripti monasterii, iandictas (d) res venditas, ut supra legitur, ab omni homine omni tempore, iure et ratione; et pro suo | dato et facto et ab uxoribus suis et ia(n)dicta Agnete et ab earum heredibus, cum suo dispendio, in penam dupli defendere et guarentare; et quod fa|cient tenere hanc cartam suprascriptam Agnetem et suos heredes firmam et ratam; et quocumque tempore legittimam (e) etatem habuerit, si requisita fuerit, facient eam hanc cartam firma|re pro infrascripto precio, cum suo dispendio, vel aliam facere et de hoc se obligav(erunt) in penam dupli. Et pro precio suprascriptarum rerum confessi fuerunt suprascripti Gregorius et | Obizo accepisse a suprascripto domno Arnaldo abbate, ex parte suprascripti monasterii, argenti denariorum bonorum Mediolanensium libras decem et septem et solidos quinque, quia sic inter eos | convenit. Actum in suprascripto monasterio de Aquafrigida, supra lobiam extra claustrum. |
Sign(um) † man(uum) suprascriptorum Gregorii et Obizonis qui hanc cartam fieri rogaverunt ut supra. |
Sign(um) † man(uum) Ogerii Cagainosa et Guilielmi de Vogenzate testium. |
(S) Ego Ospinellus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) segue p(r)i parzialmente eraso, probabilmente per un erroneo incipit di prioris.
(b) -s corr. da lettera principiata.
(c) In p(ro)p(r)ietarii la seconda p corr. da lettera principiata, come pare.
(d) Così A.
(e) Così A.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS