Lombardia Beni Culturali
102

Carta donationis inter vivos

1187 marzo 25, Isola nuova.

Otto, detto Cavalcasina, dell'Isola Comacina, dona ad Arnaldo, abate del monastero di Acquafredda, in pieve di Lenno, la casa con corte che egli possiede nel borgo di Colognola.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1471 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 107, pp. 213-214. Regesti: Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 406v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 90, cc. 16v-17r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1471, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico (manca il regesto del Ferrario). Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1471".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) donatio(n)is facta ab Ottone d(e) Calvaxina d(e) casa d(e) Cumis". Inoltre: segnatura di fase C: "D, n. 9"; regesto Ferrario, come pare. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "107 .MCLXXXVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "90".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 158-159, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, pp. 70-71.

La pergamena (mm 197/194 x 160/140) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature che, alle righe 8-9 e 12-13, sono accompagnate da piccoli fori interessanti la scrittura. Altre zone di lacerazione, nella parte superiore del supporto, sono accompagnate da aree di dilavatura dell'inchiostro. Si rilevano inoltre numerose, ma lievi, macchie sparse.
Nel margine inferiore sono visibili 8 piccoli fori dati da un ago, testimonianza che la membrana, sino ad una epoca imprecisabile, fu conservata cucita ad un'altra (che non č stato tuttavia possibile individuare).

(S) Anno ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi millex(imo) centex(imo) octuagex(imo) septimo, | die septimo exeunte martio, i(n)dic(ione) quinta. Otto, qui dicitur Cavalcasina, de Insula, fecit | donationem inter vivos inrevocabilem in manu domini Arnaldi, abatis mona|sterii Sancte Marie de Aquafrigida, constructi in plebe de Lenno, ad partem et utilitatem ipsius mona|sterii, nominative totum casamentum suum, cum curte et omnibus suis accessionibus, iuris | ipsius Ottonis, quod ipse habet in burgo de Curniola; ut suprascriptus dominus abas et sui fratres eorumque suc|cessores faciant de suprascripto casamento, iure proprietari[o], ad utilitatem suprascripti monasterii, quicquid voluerint, | sine contradictione suprascripti Ottonis et sui heredes. Insuper suprascriptus Otto promisit iamdicto domino | abati, ad partem iamdicti monast[eri]i, suprascriptam donationem ab omni hom[i]ne, iure et ratione, de|fendere et garentare in pena dupli, quia sic inter eos convenit. Actum Insule nove. |
Et suprascriptus Otto hanc cartam donationis ut supra fieri rogavit. |
Interfuerunt (a) testes Marttinus (b) Peregrinus, Rubeus P(re)belani (c), Insulanus Sitrus, Iohannes Mu|sanigra atque Atto Stephanus rogati. |
(S) Ego Ogerius iudex interfui et rogatus hanc cartam donationis tradidi et scripsi.

(a) In int(er)fuer(unt) la prima -u- corr. da -e-, erroneamente anticipata.
(b) Cosė A.
(c) Non si esclude il significato di p(resbiter) Belani.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS