Lombardia Beni Culturali
104

Carta venditionis

1188 giugno 6, Isola nuova.

Ogerio, detto de Conca, dell'Isola nuova vende a don Arnaldo, priore del monastero dell'Acquafredda, un prato sito sul monte di Ossuccio, ove dicesi in Ronco, al prezzo di quaranta soldi di denari nuovi di Milano.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1473 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 109, pp. 215-216. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 406v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 92, cc. 16v-17r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1473, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1473".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) monast(er)ii Aquefrigide de prato uno [.........................]". Inoltre: segnatura di fase C: "[B], n. 28?", leggibile solo con la luce di Wood; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "109 .MCLXXXVIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "92".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 153n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 66n.

La pergamena (mm 261/255 x 104/98) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature che, nella parte centrale del supporto, sono accompagnate da profondi strappi, tanto che in epoca imprecisabile al verso fu incollato un rinforzo in carta (mm 770x800). Inoltre, in prossimità delle piegature, si rilevano pure diffuse macchie e numerosi punti di abrasione accidentale dell'inchiostro, che interessano la scrittura in modo importante.
Rigatura a punta secca.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) In nomine domini nostri Iesu Christi mill(exim)o ce(n)teximo octuag(eximo) octavo, sesto die intrante iunio, indic(ione) sesta. Presencia infrascriptorum testium, cartam | vendicionis ad proprium, pro precio inde accepto de sol(idis) quadraginta d(e)n(ariorum) novor(um) Mediol(anensium), fecit Ogerius, qui dicitur de Conca, de Insula nova, in manibus | don Arnaldi, prioris monasterii Aquefrigide, ad ipsius monasterii partem, et omnium eius su[cces]sorum et servi[t]orum, qui sunt modo et futuri sunt, nominative de | pecia una prati reiacente in monte de Usucio, in loco ubi dicitur in Ronco; cui coheret: a mane heredum quondam Anrici de Orto, a meridie suprascripti monasterii, a sero | Bonepartis de Conca, a nulla hora via, omnia et ex omnibus, inintegrum, eo tenore: ut iamdicti successores et servitores predicti seu cui dederint habeant | et teneant suprascriptum pratum, ut supra legitur, inintegrum, et faciant exinde quicquid voluerint, una cum superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, | iuris proprietario nomine, sine suprascripti Ogerii suorumque heredum contradicione. Insuper promisit suprascriptus Ogerius, pro se suisque heredibus, obligando omnia sua bona pignori, | defendere et guarentare iamdictam vendic(ionem), ut supra legitur, inintegrum, prenominatis successoribus et servitoribus et cui dederint ab omni homine omni tempore et suo pignore et dis|pendio, pro suo dato vel facto, usque in pena dupli, quia sic inter eos convenit. Actum Insule nove. |
Signum † manus † suprascripti Ogerii venditoris qui hanc cartam ut supra fieri rogavit. |
Signum † manuum † A[..]aldi de Conca, fratris suprascripti Ogerii, et Insu[lanus ……] et Nicolai (a) iudicis testium. |

(S) Ego Ottobonus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) La lettura di Nicolai è dubbia.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS