Lombardia Beni Culturali
105

Carta venditionis

1189 maggio 5, Tremezzo.

Zobia de Castello, dell'Isola nuova, vende a Gumberto, figlio di Ade, di Garzola, un mulino con la terra e con l'acquedotto ad esso pertinenti, sito in pieve dell'Isola Comacina, sopra il ponte, ove dicesi a Pertusso, che Gufredo Fullo tiene in conduzione per conto di suddetto Zobia e della sua fratellanza, al prezzo di otto lire e cinque soldi di Terzioli; contestualmente Mesenda, moglie di Zobia, conferma detta vendita.

Copia autentica coeva, BAMi, Pergamene, n. 1474 [B]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 110, pp. 217-218. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 406v-407r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 92, cc. 16v-17r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1474, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico (manca il regesto del Ferrario).
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1474". B è così autenticato: (SN) Ego Ioh(anne)s not(ariu)s, fili(us) condam s(er) Pet(r)i, d(e) Monta(....) d(e) Nex(io), autenticu(m) hui(us) exe(m)pli vidi | et legi (da legii con la prima -i- espunta) et sic(ut) in eo continebat(ur) p(ro)ut in isto legit(ur) exe(m)plo et eo viso et lecto firmavi et s(ub)s(crips)i. | (SN) Ego Alb(er)t(us) not(arius), fili(us) conda(m) B(er)trami Malpasti, d(e) Nex(io), autenticu(m) hui(us) exe(m)pli vidi et legi et sic in eo continebat(ur) p(ro)ut in suprascripto | legit(ur) exe(m)plo et eo vixo et lecto firmavi et s(ub)s(crips)i. | (S) Ego Ioh(ann)es Bonvinus iud(e)x d(e) Cumis, filius q(uon)dam Bonvini, d(e) Domax(io), hauten(ti)c(um) hui(us) exempli vidi et legi et sic in eo continebat(ur) aute(n)tico | ita et in isto l(egitur) exemplo p(re)t(er) litt(er)as v(e)l sillabas plus min(us)ve et hoc exemplum ex haut(e)ntico exemplavi et s(ub)s(crips)i.
Nel verso, di epoca medievale (forse del secolo XIV): "Carta venditionis de molendino de P(er)tusio | co(mun)is Usutii facta p(er) ‚obiam de Castello, anno domini | 1189". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 25"; annotazione di fase D. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "110 .MCLXXXVIX."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "92".



La pergamena (mm 197/188 x 183/180) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature che, alle righe 4, 9-10, 14-15, sono accompagnate anche da piccoli fori. In prossimità del margine laterale destro e all'altezza delle antiche piegature (alle righe sopra riferite), sono pure presenti non trascurabili macchie di umidità.
Rigatura a mina di piombo, anche con linee verticali delimitanti lo specchio di scrittura.
Il redattore del documento presenta una evidente difficoltà nella concordanza dei generi sì che, ad una prima lettura, non risulta chiaro se il venditore sia di genere maschile o femminile. Ma il dubbio viene sciolto dal tenor additum, nel quale Mesenda, moglie di Zobia, conferma la vendita, fugando il terreno da qualunque dubbio e palesando la natura sintattica del problema.

Anno ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi mill(e)x(im)o cent(eximo) octagieximo (a) nono, die quinto intrante madio, indic(ione) .VII. . Zobia de Castello, de Insulla nova, vendidit et tradidit Gumberto, filio Adee, de Garzola, nominative molandinum unum, cum aliquanta terra que est supra illud molandinum edifficatum (b), quod tenuit Gufredus Fullus conductionis nomine a suprascripta (c) Zobia et sua frathelantia, set advenit in suam partem, et est in plebe de Insula supra pontem, ubi dicitur a Pertusso; cui coheret: a mane flumen, a monte Sancti Benedicti, a meridie vallis, a sera predicti venditoris et illorum qui dicuntur Canes et Sancti Benedicti. Unde suprascriptus Gumbertus emptor et sui heredes aut cui dede(r)it faciat de suprascripta vendicione, cum aquaductu et cum omnibus suis accessionibus, inintegrum, quidquid voluerit, sine contradicione suprascripte venditricis (d) et sui heredes, et omne ius et omnem actionem, q(uem) illius Zobia habet vel ei pertinet in suprascripta vendicione, et ei dederit et eum in suum locum posuit. Et pro hac vendicione manifesta fuit suprascripta Zobia accepisse, nomine pretii, a suprascripto Gumberto libras octo et solidos quinque Tertiolorum. Et insuper suprascripta Zobia promisit, obligando sua, suprascripto Gumberto suprascriptam vendicionem ab omni homine defendere in penam dupli, pro suo dato aut facto suo dispendio, quia sic inter eos convenit. Actum (e) sub porticu Sancti Laurencii de Tremedio, et suprascriptus Zobia hanc cartam vendicionis, ut supra fieri, rogavit. Interfuerunt testes Obertus, Franesscus et Arnoldus Trullus (f) atque Guillielmus de Olexio (g) rogati.
Et in presentia suprascriptorum (h) Arnoldi et Guillielmi, qui fuerunt ad hoc contractu (i), Mesenda, uxor suprascripti Zobie, confirmavit hanc vendicionem, renontiando omne suum ius in hac vendicione et iuri ypotecarum et exceptioni senatus consulti Velleiani (1).
Ego Ugerius iudex interfui et rogatu (j) hanc cartam vendicionis tradidi et scripsi.

(a) Così B.
(b) In edifficatum -i- corr. da e, come pare.
(c) Così B, qui e in seguito, alternato a s(upra)s(crip)tus (cf. la nota introduttiva a questo doc.).
(d) Così B.
(e) Segue sup(ra) depennato con un tratto orizzontale.
(f) Segue rasura per lo spazio di quattro lettere.
(g) Sulla seconda -o segno abbr. per la nasale privo di significato.
(h) Segue Arnoldi con -ol- corr. da altre lettere non perspicue, espunto e poi correttamente riscritto.
(i) Così B.
(j) Così B.

(1) Cf. Cod. Iust. 4.29; Dig. 16.1.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS