Lombardia Beni Culturali
110

Carta venditionis

1190 dicembre 30, Lenno.

Amizo Cortese, con il consenso dei vicini e di tutto il comune di Lenno, vende al prete Guidrado, agente per conto del monastero di Santa Maria dell'Acquafredda, un prato sito sul monte di Lenno, ove dicesi in Forçagrino, al prezzo di tre soldi di denari nuovi di Milano.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1483 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 114, pp. 225-226. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450v (in data 1191 dicembre 31); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 407r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 100, cc. 17v-18r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1483, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 202 (alla voce "Monastero di Acquafredda").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1483".


Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 153n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 66n.

Il documento č vergato sulla stessa membrana che conserva la carta qui edita al numero 109, al quale si rimanda per la descrizione dello stato di conservazione e per la trascrizione delle note dorsali.

Et ibi coram suprascriptis testibus, AmiŤo Cortese, consensu et parabola omnium suprascriptorum vicinorum, ipsi vice totius comunis de Lenno, t[radi]|dit et vendidit predicto domino Guidrado presbitero (a), ad partem et utilitatem monasterii Sancte Marie de Aquafrigida, petiam unam prati | que (b) iacet in suprascripto monte Lenni, et in ForŤagrino; cui coheret: ab omnibus partibus suprascripti monasterii, eo ordine ut predictus presbiter, [cum suis] | fratri[bus, et eo]rum successores faciant de suprascripto prato, cum accessionibus, superioribus et inferioribus suis, iure proprio, quicquid facere voluerint, sine contra[dic]|tione suprascripti AmiŤonis et suorum heredum. Insuper promisit ipse AmiŤo, cum suis heredibus, suprascripto presbitero et suis fratribus et eorum successoribus suprascriptum [pra]|tum iure ab omni homine in duplum defendere, cui defensioni obligavit pignori omnia allia sua bona. Pro qua venditione professus est ipse Am[i]|Ťo accepisse ab eo solidos tres Mediolanensium novorum, quia sic inter eos convenit. Actum in concilio suprascripto ut supra. |
(SN) Ego Iohannes sacri pallatii notarius interfui et rogatus scripsi.

(a) In A p(res)b(i)b(te)ro, qui e in seguito, secondo un uso caratteristico del rogatario.
(b) In que -e corr. da -a.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS