Lombardia Beni Culturali
111

Carta venditionis

1191 aprile 8, Colognola.

Quaglia, vedova di Giovanni de Cassio, di Colognola, figlia del fu Busko de Conca, vende a Guidrado, monaco della chiesa e del monastero di Santa Maria dell'Acquafredda, una terra idonea alla coltivazione sita sul monte di Lenno, ove dicesi ad Narrum, al prezzo di trenta soldi di denari nuovi, la quale terra pervenuta a suddetta venditrice da parte del padre Busko.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1479 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 115, pp. 226-227. Regesti: Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 407r-v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 97, cc. 17v-18r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1479, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico (manca il regesto del Ferrario). Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1479".
Nel verso, di epoca medievale, probabilmente di mano del rogatario: "Car(ta) vendic(ionis) qua(m) fec(it) d(omi)na Qualea relicta; segue integrazione di diversa mano medievale, probabilmente fase A: "q(uon)da(m) Ioh(anni)s d(e) Cassio d(e) t(er)ra d(e) Narro". Inoltre: segnatura di fase C: "B", non accompagnato da numero o con numero illeggibile (mentre manca il regesto Ferrario). Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "115 .MCXCI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "97".



La pergamena (mm 284/276 x 164/162) presenta diffuse macchie lievi, visibili soprattutto nella parte superiore destra del supporto. Nella parte inferiore, in corrispondenza di una antica piegatura, si rileva inoltre la presenza di sei piccoli fori, che tuttavia non interessano la scrittura.
Tracce di rigatura a mina di piombo.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) nonag(esim)o primo, octavo die intrante m(en)se april(is), indic(ione) nona. Vendic(ionem) ad proprium fecit domina Qualea, relicta | quondam Iohannis de Cassio, de Corognola, et filia quondam Buski de Conca, in manum domini Guidradi, monaci ecclesie et monasterii Sancte Marie de Aqua|frigida, ad partem ipsius monasterii, pro pretio accepto sol(idorum) triginta denariorum novorum, nominative de petia una terre laborative iuris sui reiacente in | monte de Lenno, ad locum ubi dicitur ad Narrum, que evenit sibi per iudicatum ex parte suprascripti Buski patri (a) sui; cui coheret: a mane concilivum, a meridie suprascripti mo|nasterii, a sero via, a monte Anselmi de Castello et Iohannis de Lunia, ita ut a modo in antea predictum monasterium et eius servitores seu cui dederit habeat | et teneat suprascriptam venditam, sicut superius legitur, inintegrum, et faciat exinde, cum superiore et inferiore seu (b) cum fine et accessione sua, inintegrum, iuris proprietarii | nomine, quicquid facere voluerit, sine contradic(ione) suprascripte venditricis suorumque heredum. Et insuper promisit suprascripta Qualia, pro se et suis heredibus, prenominato | Guidrado, ad partem suprascripti monasterii, suprascriptam venditam, sicut superius legitur, inintegrum, omni tempore ab omni homine, cum usu et ratione, in penam dupli defendere | et guarentare, quia sic inter eos convenit. Actum Corognole (c). |
Predicta domina Qualea hanc cartam fieri rogavit. |
Interfuerunt testes Guilielmus de Veriano et Adam Caramaza et Girius de Campo. |
(SN) Ego Amizo notarius et iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) pat(r)i con -i nel sopralineo su rasura.
(b) In seu -u corr. da lettera principiata, come pare.
(c) In Corognole Cor- su rasura.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS