Lombardia Beni Culturali
113

Carta finis

1191 agosto 11, Acquafredda.

Giovanni Rubeus, Graziano di Garzola e Avosto de l'Aqua, decani del comune di Ossuccio, sito nell'Isola Comacina, insieme a Guido de Campolongo, pure agente per conto di detto comune, fanno refuta nelle mani di Guidrado, priore del monastero e della chiesa di Santa Maria dell'Acquafredda, edificato nel territorio di Lenno, due appezzamenti siti sul monte di Ossuccio, uno sito super campum de Runco, l'altro detto prato de Culumbera, ad esclusione della via che collega la terra del sopradetto monastero e la terra dell'ospedale dell'Isola comacina, per il prezzo di dieci soldi di denari di Milano, che vengono contestualmente consegnati ad Alberto Punga, di Como, per sanare il debito che il predetto comune ha nei suoi confronti, quale stabilito nel placito relativo al contenzionso sull'alpe Ouragio.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1481 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 117, pp. 229-231. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, cc. 450r-v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 407v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 99, cc. 17v-18r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1481, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1481".
Nel verso, di epoca coeva alla redazione del documento: "B(re)ve finis et dati a co(mun)i d(e) Usutio; segue integrazione di diversa mano medievale, probabilmente fase A: "q(ue) t(er)ra iacet sup(ra) Ru(n)co, alia pecia d(icitu)r p(ra)tu(m) d(e) Colu(m)bera". Inoltre: annotazione di fase B: "ubi d(icitu)r ad p(ra)tu(m) de Ron|cho, in Colombera"; segnatura di fase C: "B", senza numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "116 .MCXCI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "99".

Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 128, p. 249; GRILLO, L'abbazia cistercense, pp. 153-154n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 66-67n.

La pergamena (mm 253/247 x 131/130) presenta modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, accompagnate da punti di abrasione accidentale dell'inchiostro, soprattutto nella parte centrale del supporto. Inoltre lievi macchie sono localizzate in prossimità dei margini laterali, soprattutto di quello sinistro.
Rigatura a mina di piombo.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Per attinenze contenutistiche, si rimanda anche al doc. n. 114.

(S) In nomine domini nostri Iesu Christi mill(esim)o cent(esimo) nonag(esimo) primo, undecimo die intrante m(en)se agusti, indic(ione) nona. Finem et cessionem atque iuris | dationem fecerunt Iohannes Rubeus et Gracianus de Garola, Avostus de l'Aqua, decani comunis de Usucio, sito Insula, et Guido de Campolongo, de ipso loco, | ex parte suprascripti comunis, in manibus don Guidradi, prioris monasterii et ecclesie Sancte Marie Aquefrigide, constructe in pertinencia de Lenno, et ad partem omnium | successorum et servitorum eiusdem monasterii et ecclesie, qui modo sunt et pro tempore fuerint, nominative de omni eo quod, ex parte suprascripti comunis, petebant et ad petendum habebant | super pecias duas terre iacentes in monte de Usucio et de (a) omni iure et acctione (b) quod et quam suprascriptum comune habebat super suprascriptas pecias terre. Una quarum pecia est | super campum de Runco sicut determinata est, cui coheret: a mane et a meridie et a sero via publica, a nulla hora comune; altera pecia dicitur pratum de Columbera, cui | coheret: a mane et a meridie et a sero comune, a nulla hora terra ospitalis Insule, et hoc salvando viam unam que solita est esse inter terram suprascripti monasterii et (c) terram ipsius ospitalis. | Ita ut suprascripti successores et servitores et cui dederint habeant et teneant suprascriptas pecias duas terre, cum omni predicto iure et actione, et faciant exinde quicquid voluerint, | iuris (d) proprietario nomine, sine contradic(ione) suprascripti comunis aut sui missi. Et etiam posuerunt ipsi decani et Guido, ex parte iamdicti comunis, predictum don Guidradum, et ad | partem omnium suprascriptorum successorum, in suum locum de omni eo quod suprascriptum comune petebat et petere poterat super suprascriptas pecias terre et de omni iamdicto iure et actione. Et | insuper promiserunt suprascripti decani et Guido, ex parte suprascripti comunis, defendere et guarentare omnia suprascripta, de quibus facta est iamdicta finis et cessio seu iuris datio, predictis | successoribus et servitoribus ab omni homine omni tempore usque in pena (e) dupli. Unde pro suprascripta fine et cessione et iuris datione manifestum fuit suprascriptis decanis et Guidoni | accepisse, ad partem suprascripti comunis, a predicto don Guidrado, ex parte suprascripti monasterii, solidos decem denariorum bonorum Mediolanensium, quos denarios confessi fuerunt suprascripti decani et Guido dedisse | Alberto Punge, de Cumis, pro dono debiti quod ipsum comune habet in ipso Alberto, quod debitum fuit factum pro placito quod ipsum comune habuit de alpe de Ouragio (1), | quia sic inter eos convenit. Actum in curia suprascripti monasterii. |
Sign(a) † man(uum) † suprascriptorum decanorum et Guidoni qui, ex parte comunis sui, hanc cartam ut supra fieri rogaverunt. |
Sign(a) † man(uum) † Lafranci Bulia et Robasaki atque Martini Paradisi, omnes de Cremia, et Paxini Tega, de Lenno, testium. |
(S) Ego Ottobonus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.


(a) et de su rasura.
(b) Così A.
(c) et su rasura.
(d) Così A.
(e) In pena -e- corr. da lettera principiata parzialmente erasa, come pare

(1) Il documento menzionato non è stato reperito.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS