Lombardia Beni Culturali
114

Carta venditionis

1192 febbraio 22, Isola nuova.

Uberto, figlio del fu Giovannibono, di Garzola, e Guidrado, detto Punįonus, consoli del comune di Ossuccio, vendono a Giovanni, detto Rubeus, del sopradetto luogo di Ossuccio, il quale agisce anche a nome di suo fratello, un appezzamento sito sul monte di Ossuccio, sull'alpe Lendena, al prezzo di undici soldi e quattro denari di Terzioli, che verranno utilizzati per pagare Alberto Punga, di Como, per sanare il debito che il predetto comune ha nei suoi confronti, fissato nel placito relativo al contenzionso sull'alpe Ouragio.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1484 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 118, pp. 231-232. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450v (ma in data 7 febbraio); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 407v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 101, cc. 17v-18r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1484, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1484".
Nel verso, di mano del rogatario: "Car(ta) Ioh(ann)is Rubei et fratris d(e) t(er)ra de alpe Lendena qua(m) emer(unt) a co(mun)i d(e) Usucio". Inoltre: annotazione di fase B: "[Al]pe Lendena i(n) monte de Usutio | Insule"; segnatura di fase C: "V", senza numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "118 .MCXCII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "101".

Cf. BOGNETTI, Sulle origini dei comuni rurali, Appendice, n. 129, p. 249; GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 156, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 69 (ma in data 27 ottobre).

La pergamena (mm 172/170 x 92/88) presenta delle modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, talora accompagnate da lieve scurimento della membrana.
Rigatura a mina di piombo.
Per attinenze contenutistiche, si rimanda anche al doc. n. 113.

(S) In nomine domini nostri Iesu Christi mill(exim)o cent(eximo) nonag(eximo) s(e)c(un)do, septimo die exeunte m(en)se fabr(uarii), indic(ione) decima. Ubertus, | filius quondam Iohannis Boni, de Garola, et Guidradus, qui dicitur Punonus, consules comunis de Usucio, ex parte ipsius comunis, vendiderunt | ad proprium in manu Iohannis, qui dicitur Rubeus, de suprascripto loco Usucio, et ad partem fratris sui, nominative peciam unam terre iacentem | in monte de Usucio, in loco ubi dicitur in alpe Lendena; coheret ei: a mane via comunis, a meridie suprascriptum comune, a sero emptoris, a nulla hora | via publica, ita ut suprascripti fratres et sui heredes seu cui dederint habeant et teneant suprascriptam vendic(ionem) et faciant exinde, una | cum superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, quicquid voluerint, iuris (a) proprietario nomine, sine contradic(ione) suprascripti | comunis. Et insuper promiserunt suprascripti consules, ex parte suprascripti comunis, predicto Iohanni, et ad partem fratris sui et eorum heredum, defendere et guarentare | predictam vendic(ionem) ab omni homine omni tempore usque in pena dupli. Insuper dederunt predicti consules eis omne ius et acctiones (b) | quod et quas suprascriptum comune habebat et habere poterat in suprascripta vendic(ione) et pro suprascripta vendicione, et eos in loco comunis posuerunt. Unde pro precio | suprascripte vendic(ionis) manifestum fuit suprascriptis consulibus se accepisse, ad partem suprascripti comunis, a predictis fratribus sol(idos) undecim et den(arios) quatuor | denariorum Terciol(orum), remota exceptione non accepti precii, videlicet pro dandis et solvendis Alberto Punga de Cumis, pro debito quod suprascriptum | comune fecit in eum, pro placito quod ipsum comune habuit de alpe de Ouragio (1). Actum Insule nove. Et ipsi consules hanc cartam | ut supra fieri rogaverunt. Interfuerunt Iohannes Bonusfaxolus et Oliverius Gabbus, de Usucio, testes. |
(S) Ego Ottobonus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) Cosė A.
(b) Cosė A.

(1) Il documento menzionato non č stato reperito.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS