Lombardia Beni Culturali
116

Carta venditionis

1192 ottobre 17, Isola nuova.

Isolano Sitrus, dell'Isola nuova, con il consenso di sua moglie Madia, di Anzoesia, moglie di suo figlio Pietro, e di Caracosa, vedova del suo figlio defunto Ottobono, tutti professanti legge romana, vende a Lantelmo, monaco del monastero di Santa Maria di Acquafredda, edificato in pieve di Lenno, un mulino sito a Lenno, ove dicesi ad Ripam, con la sua corte sita verso il lago, con il suo acquedotto e le relative pertinenze, al prezzo di venti lire di denari di Terzioli che vengono contestualmente pagate al veditore da Attone de Castello, il quale doveva detta somma al sopradetto monastero di Acquafredda in virtù di un avvenuto acquisto.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1485 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 120, pp. 234-235. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 450v (ma in data 15 ottobre); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 407v-408r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 102, cc. 18v-19r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1485, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico, Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1485".
Nel verso (ove non si rilevano annotazioni di epoca medievale): due annotazioni, di diversa mano, riferibili al Settecento; segnatura di fase C: "B, n. 36"; regesto Ferrario, visibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine, oltre a conti di età moderna: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "120 .MCXCII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "102".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, pp. 155-156, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, pp. 68-69 (ma in data 27 ottobre).

La pergamena (mm 224/211 x 166/159) presenta dilavatura dell'inchiostro nella parte superiore, oltre ad alcune macchie di umidità, specie in prossimità dei margini laterali e in corrispondenza delle antiche piegature, ove si rilevano anche modeste lacerazioni.
Tracce di rigatura a mina di piombo.
Indizione settembrina.
Per attinenza contenutistica, cf. il doc. n. 115.

(S) Anno ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi millex(imo) centex(imo) nonagex(imo) s(e)c(un)do, q(ui)ntod(e)cimo die exeu(n)te octub(ris), indic(ione) .XI. . Insulanus | Sitrus, de Insula nova, vendidit ad proprium, Madia uxore sua et Anzoesia uxore Petri, filii suprascripti Insulani, et Caracosa relic|ta quondam Ottoboni, filii quondam predicti Insulani, confitentibus se vivere lege Romana, et se bene esse securas de iure earum super alias res suprascripti Insulani, | et renuntiantibus omni suo iuri in hac alienatione et iuri ypothecarum et privilegio dotis et exceptioni senatus consulti Velleiani (1), domino Lantelmo monacho | [mo]nasterii Sancte Marie de Aquafrigida, quod est constructum in plebe de Lenno, ad partem et utilitatem ipsius monasterii, nominative molendinum unum | quod ipse Insulanus habet in in loco Lenno, ubi dicitur ad Ripam, cum curte ante se versus lacum et cum aquaductu et pertinenciis eius; cui coeret: a mane predicti | monasterii, a meridie ripa lacus, a sero via caralis, a nulla ora Zuffe et Berte uxoris Dominici, ita ut fratres suprascripti monasterii et servitores eorumque | successores aut cui dederint faciant, ad utilitatem suprascripti monasterii, iure proprii (a), cum omnibus suis accessionibus, inintegrum, quidquid voluerint, sine | contradictione suprascripti Insulani et sui heredis, et omne ius quod suprascriptus Insulanus habet in suprascripta venditione dedit suprascripto domino Lantelmo, ad partem | suprascripti monasterii, et eum in suum locum posuit. Et pro hac venditione manifestum fuit suprascripto venditori accepisse, nomine pretii, a suprascripto domino | Lantelmo, ex parte suprascripti monasterii, libras viginti denariorum Tertiolorum, qui denarii fuerunt et quod precium fuit de denariis Attonis de Castello, quot | ipse Atto debebat dare suprascripto monasterio pro emptione quam ipse Atto fecerat a suprascripto monasterio, sicut habas ipsius monasterii et mona|chi et ipse dominus Lantelmus confitebantur, remota exceptione non soluti (b) pretii. Insuper suprascriptus Insulanus promisit, obligando omnia | sua bona pignori, suprascripto domino Lantelmo, ad partem suprascripti monasterii, suprascriptam venditionem ab omni homine defendere et guarentare, iure et | ratione, in pena dupli et pro suo dato aut facto suo dispendio, quia sic inter eos convenit. Actum Insule nove. |
Et suprascriptus venditor et suprascripte mulieres hanc cartam ut supra fieri rogaverunt. |
Interfuerunt testes Rubeus Prebelonus et Lafrancus, eius filius, et Zobia de Castello rogati. |
(S) Ego Ogerius iudex interfui et rogatus hanc cartam venditionis tradidi et scripsi.

(a) Così A. (b) In soluti -olu- corr. da altro gruppo di lettere non perspicue.

(1) Cf. Cod. Iust. 4.29; Dig. 16.1.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS