Lombardia Beni Culturali
118

Carta venditionis

1193 gennaio 25, Isola nuova.

Zobia de Castello, dell'Isola nuova, vende a Giovanni Rubeo, il quale agisce anche per conto di suo fratello Guidone, figli di Guidrado, di Ossuccio, una casa sita sotto la piazza della chiesa di Ossuccio e un appezzamento pure sito a Ossuccio, subtus casam Dominici de Eclesia, al prezzo di cinquantacinque denari di Terzioli.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1488 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 122, pp. 239-240. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 451r (ma in data 7 gennaio); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 408r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 105, cc. 18v-19r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1488, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1488".
Nel verso, di epoca coeva alla redazione del documento: "C(a)r(ta) d(e) casalicio d(e) subt(us) eccl(e)xa". Inoltre: segnatura di fase C: "V", senza numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "122 .MCXCIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "105".



La pergamena (mm 197/190 x 94/90) presenta un sensibile sbiadimento dell'inchiostro, soprattutto nelle prime due righe, senza tuttavia compromettere la lettura del dettato. Sono inoltre visibili alcune macchie scure, sparse diffusamente, nonché modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature.
Tracce di rigatura a mina di piombo.

(S) Anno ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi mill(esimo) cent(esimo) nonag(esimo) t(er)tio, die septimo exeunt(e) ianu(ari)o, indic(ione) | .XI. . Zobia de Castello, de Insula nova, vendidit ad proprium Iohanni Rubeo, et ad partem Guidonis fratris sui, | et filiis Guidradi, de loco Usutio, nominative suam partem unius casalitii, quod est subtus plazam de eclesia de Usutio, et pe|tiam unam terre que est in suprascripto loco Usutio, subtus casam Dominici de eclesia; cui coeret: a mane suprascripti venditoris, a meridie Iohannis | Bertoldi, a sero suprascripti emptoris que (a) fuit Oberti de Carzola, ut suprascripti germani et sui heredes aut cui dederint faciant de | suprascripta emptione, iure proprii, cum omnibus suis accessionibus, inintegrum, quidquid voluerint, sine contradictione suprascripti venditoris et sui here|dis. Et pro hac vendictione manifestum fuit suprascripto venditori accepisse, nomine pretii, a suprascript[o em]ptore solidos quinquaginta et | quinque denariorum Tertiolorum. Insuper suprascriptus Zobia promisit, obligando omnia sua bona pignori, suprascripto emptori suprascriptam venditionem defen|dere et guarentare ab omni homine in penam dupli et pro suo dato aut facto suo dispendio, quia sic inter eos con|venit. Actum Insule nove. Et suprascriptus venditor hanc cartam ut supra fieri rogavit. |
Interfuerunt testes Iohannes Bonusfasolus et Guido de Campolongo et Guidradus Ponzonus et Albertinus de Aqua rogati. |
(S) Ego Ogerius iudex interfui et rogatus hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) Così A.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS