Lombardia Beni Culturali
119

Carta venditionis

1193 febbraio 5, San Salvatore.

Giacomo, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, vende ad Arialdo, arciprete della canonica di Santa Eufemia, tutta la terra di Acquafredda sita in territorio di Masimanego, per il prezzo di sedici lire di Imperiali, che suddetto monastero doveva, in virt¨ di una stipulata refuta, alla predetta canonica di Santa Eufemia dell'Isola Comacina, alla canonica di Santo Stefano di Lenno e all'ospedale di Stabio relativamente ai beni che giÓ furono di Arnoldo Cagaše, di suo fratello e di suo nipote Pietro.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1489 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 123, pp. 240-241. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 451r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 408r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 106, cc. 18v-19r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1489, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1489".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) d(e) Masimanego facta a canonicis d(e) Insula". Inoltre: riguardo alla fase D, non Ŕ individuabile con certezza la segnatura: forse Ŕ riferibile ad essa un numero "2"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "123 .MCXCIII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "106".



La pergamena (mm 226/220 x 184/182) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature che, alle righe 5 e 11, sono accompagnate anche da piccoli fori, probabilmente dati da rosicature. Nella parte inferiore del supporto sono presenti numerosi punti di abrasione accidentate dell'inchiostro. Infine sono diffusamente rilevabili lievi macchie sparse.
Tracce di rigatura a punta secca.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) nonagesimo tertio, quinto die intrante febr(uarii), indic(ione) undec(ima). Dominus Iacobus, abax monasterii Sancte Marie Aquefrigide, pro | libris sedecim de Inperialibus, quos dare debebat, ex parte ipsius monasterii, canonice Sancte Eufemie de Insula et canonice Sancti Stefani de Lenno et ospita|li de Stabio, pro fine quam fecerant suprascripto monasterio de rebus condam Arnoldi CagaŹe et fratrum et nepotis (a) sui Petri (1), vendidit et tradidit, ex parte ipsius | monasterii, domino Arialdo, archipresbitero (b) suprascripte canonice Sancte Eufemie, ad partem ipsius canonice, totam terram, inintegrum, quam (c) suprascriptum monasterium habet | et ei pertinet in territorio de Masimanego (d), ita [u]t predi[ct]us archipresbiter et sui fratres et eorum succesores et cui dederint faciant, iure proprio, de suprascriptis terris, | cum accesionibus et ingresionibus suis, inintegrum, quidquid facere voluerint, sine contradictione suprascripti domini abatis et suorum succesorum. Insuper promisit ipse dominus | abax, pro se et suis succesoribus, suprascripto emtori et suis succesoribus suprascripta vendita iure ab omni homine in duplum defendere et suo dispendio, si pro | facto ipsius monasterii foret inbrigata in aliquo, cui defensioni obligavit pignori omnia bona ipsius monasterii, quia sic inter eos convenit. Actum | Sancto Salvatori. Interfuerunt Anselminus de Somagna et Lafranchinus de Bocavaria rogati testes. |
(SN) Ego Iohannes sacri pallatii notarius interfui et rogatus scripsi.

(a) In nepotis nep- su rasura e -o- corr. da lettera principiata.
(b) In A archip(res)b(i)b(te)ro, qui e in seguito, secondo un uso caratteristico del rogatario.
(c) quam preceduto da rasura per lo spazio di una lettera.
(d) Non Ŕ del tutto esclusa la lettura Masinianego, che tuttavia pare meno probabile.

(1) Cf. i docc. n. 117 e n. 120.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS